Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 12 Agosto |
Santa Giovanna Francesca de Chantal
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

7 (più 10) piccole avventure che tuo figlio deve assolutamente fare

BAMBINA GIOCO ALBERO

Volodymyr TVERDOKHLIB|Shutterstock

Paola Belletti - pubblicato il 31/05/22

Camminare in un bosco, arrampicarsi sugli alberi, seguire gli insetti e osservarli nel loro habitat...I giochi all'aria aperta e le piccole avventure che i bambini dovrebbero fare da soli, non sono solo un modo per passare meglio l'estate, ma anche un vero toccasana per il loro benessere psicofisico.

Arrivano le vacanze

Siamo agli sgoccioli, ormai. La scuola è quasi finita. E mentre aumenta la svagatezza dei nostri fanciulli rispetto a compiti e interrogazioni (le ultime, quelle decisive, pare) cresce proporzionalmente la loro voglia d’estate, bagni in piscina e orari sballati.

Non so se ci fa tanto onore dirlo, ma tra noi mamme e papà serpeggia anche un certo timore, quella specifica ansia che prende servizio dopo gli scrutini del secondo quadrimestre e non cala se non in vista del prossimo settembre: e adesso, cosa gli faccio fare?

Ed ecco che rispunteranno, immancabili, sermoncini sull’importanza della noia (verissima!), lettere di padri che rispondono a fantomatiche maestre mandanti di battaglioni di compiti-delle-vacanze con degli “io a mio figlio prescrivo gite in barca, corse nei prati e contemplazione di tramonti”.

Non mancherà nemmeno l’assedio di stagione a cedere per l’iscrizione dei nostri figli ad almeno un summer camp, scuola vela, potenziamento della lingua inglese o una qualunque experience da fare in gruppo, e a pagamento.

E al solito noi ci si ritrova a dover far quadrare conti economici e orari; dovremo organizzare viaggi di andata e ritorno, reperire il materiale utile, rimediare divise, pagare quote di iscrizione e venire aggiunti a nuove chat (undicesima piaga d’Egitto).

Quest’anno vorremmo “aiutarvi” aggiungendovi un’altra prescrizione.

“Non te l’ha mica ordinato il dottore” può essere tranquillamente contestato, in questo caso, perché esiste addirittura uno studio che conferma la bontà di questa prescrizione: nei principi attivi, nella posologia e nelle modalità di assunzione. Effetti collaterali? Tutti desiderabili.

Il tuo bambino ha bisogno di avventura

Siamo strani, noi contemporanei. Per riscoprire il valore di una cosa ci affidiamo a volte con qualcosa di più della fiducia agli studi scientifici. Se lo dice una ricerca, meglio se in capo ad una Università, allora dev’essere vero. Poco male, anzi.

Avere conferme oggettive di ciò che spesso intuiamo o diamo per scontato per tradizione o abitudine non può che aumentarne i benefici.

In conclusione mia nonna e l’University of Exeter sono concordi nel raccomandare l’importanza di giochi all’aria aperta e piccole avventure nelle quali i bambini e i ragazzi devono potersi sperimentare, rigorosamente da soli, ovvero senza gli adulti:

Fa bene a corpo e mente

Per i bambini giocare all’aria aperta e in modo avventuroso è estremamente importante. Un sistema per farli crescere sani e forti, ma anche per migliorare la loro salute mentale. A confermarlo è un nuovo studio condotto tra Gran Bretagna e Irlanda

GreenMe

Mi spiace dovervelo dire, ma anche in questo caso si (ab)usa del termine resilienza. E va bene, vedremo di esserlo a nostra volta, resilienti, e di non lasciarci stressare da questa eccessiva ricorrenza del termine.

La ricerca realizzata dall’università britannica è stata pubblicata su Child Psychiatry and Human Development e racconta ciò che forse anche solo pescando nella nostra fanciullezza o pensando a Tom Sawyer sapevamo già e già ci auguravamo anche per i nostri figli.

I bambini che passano più tempo giocando in modo avventuroso sono più felici e, data la congiuntura negativa che ci stiamo più o meno lasciando alle spalle, hanno accusato meno contraccolpi sulla propria salute mentale dovuti alla pandemia.

La ricerca

Lo studio ha coinvolto un gruppo di circa 2500 genitori (di Gran Bretagna e Irlanda) di bambini di età compresa tra 5 e 11 anni a cui è stato chiesto di rispondere ad alcune domande sui giochi che fanno abitualmente i loro figli e sulla loro salute mentale e sull’umore prima e dopo la prima ondata di Covid-19.

In particolare, il questionario chiedeva ai genitori di far sapere quanto spesso i propri figli si dedicavano a giochi avventurosi, definiti “emozionanti ed eccitanti”, ovvero quelli in cui potevano provare emozioni come paura o incertezza.

Lo studio ha cercato di provare la teoria secondo cui questo tipo di gioco offre opportunità di apprendimento che favoriscono la resilienza nei bambini, aiutando così a prevenire eventuali problemi di salute mentale.

Ibidem

Lo studio ha anche confermato un’altra evidenza che già ci rattrista ma contro la quale forse non agiamo abbastanza: i bambini di oggi hanno meno occasione di fare giochi avventurosi in sicurezza ma fuori dalla vista degli adulti, elemento che invece è fondamentale.

Questa diminuzione è purtroppo significativamente correlata con un aumento dell’ansia e addirittura della depressione.

Benefici maggiori per chi vive in condizioni più precarie

I risultati sono stati coerenti anche dopo che i ricercatori hanno preso in considerazione un’ampia gamma di variabili demografiche tra cui sesso del bambino, età, stato occupazionale dei genitori ecc. e salute mentale dei genitori. Lo studio, nel gruppo di genitori della Gran Bretagna, ha inoltre rilevato un effetto maggiore nei bambini provenienti da famiglie a basso reddito rispetto a quelli delle famiglie con redditi più alti.

Ibidem

E’ a rischio la loro salute mentale

Helen Dodd, professoressa di psicologia infantile presso l’Università di Exeter, conferma la seria preoccupazione per la salute mentale dei bambini. Si sapeva, si temeva, che la seconda epidemia seguita al terremoto Covid-19 sarebbe stato uno tsunami di salute mentale.

Siamo più preoccupati che mai per la salute mentale dei bambini e i nostri risultati evidenziano che potremmo essere in grado di aiutare a proteggere la salute mentale dei bambini assicurandosi che abbiano abbondanti opportunità di gioco avventuroso. Questo è davvero positivo perché il gioco è gratuito, istintivo e gratificante per i bambini, alla portata di tutti, e non richiede abilità particolari. Ora abbiamo urgentemente bisogno di investire e proteggere spazi naturali, parchi ben progettati e parchi giochi d’avventura, per sostenere la salute mentale dei nostri bambini.

Ibidem

Le avventure che i nostri figli dovrebbero vivere spesso

Dopo aver messo il dito nella piaga di ciò che manca al benessere dei nostri bambini, veniamo al dunque. Ci serve un elenco, una serie di giochi da proporre ai nostri bambini e ragazzi.

Io, manco a dirlo, l’ho presa subito come una lista di controllo anzi è stata addirittura rassicurante. Sono quasi tutte cose che le nostre figlie fanno, hanno fatto e chiesto di fare spontaneamente.

Fare una passeggiata al buio con una torcia

Esplorare i boschi da solo o con un amico

Creare percorsi ad ostacoli in spazi interni o esterni

Dormire fuori in campeggio una notte

Nuotare o remare in un fiume o in un lago

Saltare da un’altalena

Provare nuove abilità su uno skateboard, pattini a rotelle o in bicicletta

L’elenco può naturalmente crescere: e anzi per offrirvi un menu più ricco attingiamo alla nostra memoria e immaginazione e anche ai suggerimenti della redazione Greenme:

Costruire una casa sull’albero

Costruire un ponte per oltrepassare un ruscello

Andare con la slitta

camminare scalzi

Guardare e conoscere gli insetti (a una delle figlie ho insegnato ad accarezzare con attenzione le api)

Accendere un fuoco

Seguire le lucciole

Costruire una barchetta con un guscio di noce e farla galleggiare

Organizzare una caccia al tesoro

Fare un piccolo mercatino con i propri giochi usati

….

Proseguire ad libitum

Tags:
bambinieducazionegiochisalute mentale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni