Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 02 Luglio |
Beato Antonio Rosmini
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Abusi, la promessa di Zuppi: “Ci assumeremo le nostre responsabilità”

Cardinal Italian prelate Matteo Maria Zuppi

TIZIANA FABI | AFP

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 27/05/22 - aggiornato il 27/05/22

"Ma fino a questo momento non c'è stata alcuna difficoltà nella Chiesa italiana a lavorare su questo tema", così il neo presidente della Cei, nella sua prima conferenza stampa

La Chiesa italiana si prenderà ogni responsabilità sugli abusi sessuali commessi dai membri del proprio clero, ma sinora non è stata fatta alcuna operazione di censura: così il neo presidente dei vescovi italiani, il cardinale Matteo Zuppi, durante la conferenza stampa al termine dell’assemblea generale della Cei. 

Sexual,Abuse

Dal 2000 al 2021

Zuppi ha annunciato sugli abusi sessuali nella Chiesa italiana, che «si indagheranno i casi dal 2000 al 2021. Perché non dal 1945 in poi? Perché è molto più serio così. A noi interessa affrontare le contraddizioni vere, le cose che conosciamo. Bisogna evitare il rischio di minimizzare ma anche di amplificare». 

Nessuna censura

Il cardinale ha poi precisato: «Non c’è nessuna volontà di copertura, è solo un problema di serietà. Non abbiamo interesse a suonarcela e cantarcela da soli, vogliamo una chiarezza vera. Ci prenderemo le botte che dobbiamo prenderci, ci prenderemo le nostre responsabilità». Ha poi spiegato Zuppi che nell’opera di contrasto agli abusi la Chiesa italiana prevede anche «l’accompagnamento degli abusatori. Siamo una madre, tuo figlio è sempre tuo figlio». «Il pensiero è sempre per le vittime, il loro dolore è la prima preoccupazione», ha aggiunto il presidente della Cei. 

PRAWA OFIARY PRZEMOCY

Report sugli abusi

A tal proposito da novembre, il neo presidente dei vescovi italiani, ha detto che saranno pubblicati dei report sugli abusi nella Chiesa italiana ed in particolare saranno potenziate equipe diocesane e centri di ascolto per le vittime della pedofilia. 

Zuppi ha anche rassicurato Francesco Zanardi della Rete L’Abuso che ha chiesto di «aprire gli archivi» della Chiesa e «darli allo Stato», agevolando una commissione di inchiesta. «Faremo tutto ciò che possiamo per chiarire ogni vicenda di abuso», ha ribadito il cardinale.

Cinque linee d’azione 

La Cei ha diramato un comunicato sui lavori dell’assemblea, in cui si spiegano i provvedimenti dei vescovi sulla questione degli abusi nella Chiesa italiana: «I Vescovi – recita il comunicato stampa – hanno approvato una determinazione con cinque linee di azione per una più efficace prevenzione del fenomeno degli abusi sui minori e sulle persone vulnerabili». 

Centri, report, analisi del ventennio

«Oltre ad implementare la costituzione dei Centri di ascolto – prosegue il comunicato, integrando quanto già spiegato da Zuppi in conferenza stampa – che attualmente coprono il 70% delle diocesi italiane, l’Assemblea ha deciso di attuare un primo Report nazionale sulle attività di prevenzione e sui casi di abuso segnalati o denunciati alla rete dei Servizi diocesani e interdiocesani negli ultimi due anni e di avviare un’analisi sui dati di delitti presunti o accertati perpetrati da chierici in Italia nel periodo 2000-2021, custoditi dalla Congregazione per la Dottrina della Fede».

Tags:
abusi sessualicardinal matteo zuppipedofilia nella chiesa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni