Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 07 Febbraio |
Beato Pio IX
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Il giorno in cui Sant’Antonio salvò il padre dalla forca con l’aiuto di un defunto

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
ŚWIĘTY ANTONI PADEWSKI

Wikipedia | Domena publiczna

Ricardo Sanches - pubblicato il 26/05/22

Il padre di Sant'Antonio venne arrestato ingiustamente e condannato all'impiccagione, ma...


Sant’Antonio è uno dei santi più popolari della Chiesa, e non solo per la sua fama di promotore di matrimoni, perché ha operato innumerevoli miracoli, di ogni tipo. Tra questi, c’è la nota storia di quando ha fatto ricorso a una mula per provare che il Corpo di Cristo è presente nell’ostia consacrata.

Il sito della diocesi brasiliana di Blumenau ha pubblicato un elenco con 21 miracoli attribuiti al santo. Tra questi, figura la storia quasi incredibile del giorno in cui Sant’Antonio salvò suo padre dalla morte con l’aiuto di un defunto.

Si dice che un ragazzo venne assassinato vicino la casa di Martinho de Bulhões, il padre di Sant’Antonio. I criminali lo seppellirono nel cortile della casa di Martinho all’insaputa di quest’ultimo.

Qualche tempo dopo, le autorità trovarono il corpo e accusarono Martinho di aver ucciso il giovane. Trascorse quindici mesi in prigione. Quando arrivò il giorno del processo, era quasi certo che sarebbe stato condannato all’impiccagione.

Fra’ Antonio venne misteriosamente avvisato del giudizio del padre, chiese l’autorizzazione per lasciare il convento di Padova e apparve subito a Lisbona. Sapendo dell’innocenza del padre, andò a difenderlo in tribunale. Tentò di tutto, ma non riusciva a convincere i giurati.

Non disponendo di testimoni in difesa del genitore, Antonio decise di ricorrere alla deposizione della vittima, ovvero il defunto. Ridicolizzando l’“avvocato”, i giudici permisero che il defunto venisse chiamato come testimone.

“Arrivati alla sepoltura, il santo ordinò che venisse aperta e chiamò il freddo cadavere a voce alta, ordinandogli in nome di Dio di dire ai giudici la verità sul suo assassinio”, dice il sito della diocesi.

“Il morto si alzò immediatamente come se fosse vivo, e rispose con voce sonora che Martinho de Bulhões era innocente e non si era macchiato del suo sangue. Poi si gettò nella tomba. Sant’Antonio, dopo essersi congedato dal padre, scomparve. I giudici e gli altri presenti rimasero stupefatti per il miracolo a cui avevano appena assistito”.

Il padre di Antonio venne infine dichiarato innocente e si salvò dall’impiccagione. In seguito, i veri colpevoli vennero scoperti e arrestati.

Questa storia è stata immortalata in un dipinto. Il quadro, di autore ignoto, si trova nel Museu de Lisboa.

La tela risale alla seconda metà del XVI secolo, e mostra la grande devozione che la società lisboeta tributava già all’epoca a Sant’Antonio. Il dipinto si può ammirare qui.

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Tags:
sant'antonio da padova
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Daily prayer
And today we celebrate...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
See More
Newsletter
Get Aleteia delivered to your inbox. Subscribe here.