Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 30 Novembre |
Sant'Andrea
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Ci sono gioie nascoste nella tristezza e benedizioni dentro il dolore

RIFLESSO, CIELO, TRISTEZZA

KewTJ|Shutterstock

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 25/05/22

Le parole di Gesù non ci sono sempre chiare proprio come è accaduto ai discepoli. Non capiamo dove ci sta conducendo, il senso delle cose che ci accadono: ci serve la pazienza di un costante discernimento.

Vangelo di Giovedì 26 Maggio

Ancora un poco e non mi vedrete; un po’ ancora e mi vedrete». Dissero allora alcuni dei suoi discepoli tra loro: «Che cos’è questo che ci dice: Ancora un poco e non mi vedrete, e un po’ ancora e mi vedrete, e questo: Perché vado al Padre?». Dicevano perciò: «Che cos’è mai questo “un poco” di cui parla? Non comprendiamo quello che vuol dire». Gesù capì che volevano interrogarlo e disse loro: «Andate indagando tra voi perché ho detto: Ancora un poco e non mi vedrete e un po’ ancora e mi vedrete?  In verità, in verità vi dico: voi piangerete e vi rattristerete, ma il mondo si rallegrerà. Voi sarete afflitti, ma la vostra afflizione si cambierà in gioia.

(Giovanni 16,16-20)

Ci sono brani del Vangelo che testimoniano la chiara difficoltà che i discepoli fanno per capire fino in fondo Gesù.

Credo che volutamente questi indizi si trovino nel Vangelo per consolarci: anche noi possiamo permetterci di non capire sempre il Signore, di non capire ciò che ci sta dicendo, dove ci sta conducendo, perché accadono delle cose, o perché non ne accadono di altre. Davanti a questo tipo di confusione Gesù pronuncia queste parole:

“Andate indagando tra voi perché ho detto: Ancora un poco e non mi vedrete e un po’ ancora e mi vedrete? In verità, in verità vi dico: voi piangerete e vi rattristerete, ma il mondo si rallegrerà. Voi sarete afflitti, ma la vostra afflizione si cambierà in gioia”.

Ci sono cose che sul momento ci fanno piangere e ci convincono che sia tutto finito, poi ci si accorge con il tempo che in quel dolore era nascosta una benedizione e una salvezza e così dalla tristezza si passa alla gioia.

È vero però anche il contrario: ci sono gioie che sul momento ci fanno provare una sorta di delirio di onnipotenza, ci convinciamo di potere tutto e di avere potere su tutto, finché poi non ci si accorge che dietro quei fuochi d’artificio si nascondeva una notte molto più lunga e molto più intensa.

Sembra che il Vangelo voglia suggerci di diffidare della prima impressione e di sottoporre sempre tutto a un paziente discernimento.

Tags:
dalvangelodioggigesù cristogioiatristezza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni