Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 30 Novembre |
Sant'Andrea
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

A Natuzza fu “assegnato” san Michele perché aveva “molte tentazioni”

Natuzza-Evolo-di-Paravati-The-Archangel-Michael

Natuzza Evolo di Paravati via Facebook - Archangel Michael Public Domain

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 23/05/22

Negli scritti, la mistica calabrese rivela chi era il suo angelo custode e i consigli che le dava nei momenti più bui

Aveva molte tentazioni come lei stessa ammetteva: così a Natuzza Evolo fu “assegnato” un potente angelo custode: san Michele. Lo rivela la mistica calabrese nei suoi scritti inediti, rilanciati in un capitolo del libro “Padre Arturo D’Onofrio devoto degli angeli” (edizioni LER) a cura dello studioso di angelologia Don Marcello Stanzione. 

La povertà di Natuzza

Una volta, a colloquio con un angelo, la Evolo sentendosi raccomandare di essere “sempre buona , umile e caritatevole”, chiese come avrebbe potuto fare la carità dal momento che lei e suo marito Pasquale non avevano neppure il danaro sufficiente per il proprio mantenimento. 

La risposta dell’angelo

La risposta, da lei rivelata come sprone all’amore verso Dio e verso il prossimo, fu, come un largo sorriso della creatura celeste: “E’ meglio essere povera di ricchezze terrene e non di animo e di fede; pregare per tutto il mondo è la migliore carità. Di a tutti i fedeli di Maria che preghino se vogliono che il Divin Re Salvatore dia soddisfazione ai loro cuori”. 

Il rimorso in punto di morte

A queste parole della prima metà degli anni Quaranta seguì un messaggio ancora più preciso affidato alla mistica circa vent’anni dopo da san Michele, il suo angelo custode: “Non vi è cosa più bella in questa Terra che amare Dio con tutto il cuore. E in punto di morte il più grande rimorso è di non essere santi. Minuto per minuto fare tutto per amore”.

Identità segreta

Anche i colloqui di Natuzza con il suo angelo custode, entità celeste alla quale la mistica si rivolgeva spesso pure per sostenere le persone bisognose e per chiedere spiegazioni, si intensificarono con gli anni. A lungo lei volle tenere segreta l’identità di questo speciale protettore celeste guida e assistente a un tempo, che in tanti modi diversi l’ha scortata e confortata nella sua difficile missione. 

natuzza-585×330

La rivelazione della mistica

Poi, avendo Gesù stesso nominato lui, il suo angelo, in un messaggio affidatole nella Quaresima del 1996 perché fosse rese noto, Natuzza non si oppose più a divulgarne il nome: era l’Arcangelo Michele, secondo la tradizione biblica, santo principe dei cherubini a capo della milizia celeste che sconfisse le forze del male. Ma a chi colse in questa “presenza” accanto a lei un segno di privilegio o distinzione, la Evolo con umiltà spiegò: “È perché io ho molte tentazioni”. 

Parole semplici, le più modeste possibili, per dire che se da un lato c’era l’Arcangelo Michele a proteggerla, dall’altro Natuzza aveva più volte visite – quando non subiva aggressioni violente sul piano fisico, con tanto di fratture e ferite – da parte del demonio.

CLICCA QUI PER ACQUISTARE IL LIBRO “Padre Arturo D’Onofrio devoto degli angeli.

Tags:
angelo custodenatuzza evolosan michele arcangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni