Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 04 Luglio |
San Tommaso
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Solo appartenendo a Gesù scopriamo la vera libertà

MADRE, FIGLIO, ROSARIO

Philippe Lissac | Godong

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 17/05/22

Pensare di essere autosufficienti ci condanna a solitudine e a molte delusioni. Il legame con Gesù è indispensabile come l'aria per essere davvero liberi.

Vangelo di mercoledì 18 maggio

«Io sono la vera vite e il Padre mio è il vignaiolo. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo toglie e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già mondi, per la parola che vi ho annunziato. Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può far frutto da se stesso se non rimane nella vite, così anche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. 

Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e si secca, e poi lo raccolgono e lo gettano nel fuoco e lo bruciano. Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quel che volete e vi sarà dato. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli».

(Giovanni 15,1-8)

In cosa consiste l’umiltà? Nella consapevolezza che per quanto possiamo essere forti, intelligenti, capaci, preparati, prestanti, l’unica cosa che ci fa restare in piedi nella vita è sentirci di qualcuno. Pensare di poter essere autosufficienti facendo a meno degli altri ci condanna a una grande solitudine e a molte delusioni.

Ma non tutto ci fa bene, ci sono infatti relazioni che invece di aiutarci a vivere ci imprigionano. Gesù è l’unico che mentre ci dà un appartenenza ci dona anche una libertà interiore capace di spingerci in avanti. Per un credente il rapporto con Gesù è un rapporto necessario ma non servile. È come l’aria che respiriamo: nessuno può dire che può sopravvivere a lungo in apnea, ma guai a pensare che solo perché  non possiamo fare a meno dell’aria allora siamo schiavi dell’aria. In realtà è proprio grazie ad essa che viviamo e proprio per questo possiamo essere liberi.

In questo senso le parole di Gesù non sono parole che imprigionano, ma parole che liberano:

Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può far frutto da se stesso se non rimane nella vite, così anche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla.

Si deduce allora che senza preghiera non si vive a lungo e si rischia di sopravvivere e basta.

#dalvangelodioggi 

Tags:
dalvangelodioggigesù cristolibertàumiltà
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni