Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 07 Luglio |
Santa Maria Goretti
Aleteia logo
Approfondimenti
separateurCreated with Sketch.

L’Europa ascolti papa Francesco, una buona volta 

web3-pope-francis-european-parliament-ap-fotolink

AP/FOTOLINK

Véronique Fayet Véronique Fayet - pubblicato il 17/05/22

Con la guerra alle sue porte, l’Unione europea è a un tornante decisivo: capace di essere efficace, ma anche di rinchiudersi nelle proprie illusioni, avrebbe invece molto da guadagnare nell’ascoltare il Romano Pontefice.

«Sogno un nuovo umanesimo europeo». Ci ricordiamo che papa Francesco, sei anni fa, aveva schizzato per gli eurodeputati il ritratto di una Europa “nonna”, affaticata e invecchiata, che aveva disertato il proprio ideale. Un’Europa lontana dai popoli e più desiderosa di conservare il proprio territorio che di avviare processi di inclusione e di trasformazione. 

La pandemia da Covid ha dimostrato che, quando vuole, l’Europa può essere reattiva e affrontare un problema grave e urgente che non riguarda le sue competenze – la salute. Essa ha mostrato pure di essere capace di impegnarsi finanziariamente e solidalmente perché tutti i Paesi possano affrontare la crisi economica col sostegno europeo. 

Una nuova era 

Ecco che il 24 febbraio scorso l’Europa è scivolata in una nuova era. Il Vecchio Continente torna a sentire i rumori delle esplosioni alle sue porte (1.500 km da Berlino, 800 da Varsavia), e per i Paesi dell’Est l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ravviva il ricordo dei traumi del periodo sovietico. Per tutti è uno choc, un affronto: Putin ha osato! E la vecchia Europa, che si voleva lenta, burocratica, inefficace, si risveglia di soprassalto. In pochi giorni e all’unanimità, sono state prese decisioni forti per sanzionare la Russia mediante misure economiche molto restrittive, e per sostenere l’Ucraina mediante finanziamenti e forniture di armi. L’Europa è tornata in pochi giorni una potenza di primo piano sullo scacchiere mondiale, una potenza diplomatica e militare. 

Benissimo! Ma questa sana reazione provocata dalla crisi sanitaria, e poi dalla guerra, non deve illuderci: l’ingresso dell’Ucraina nell’Unione Europea non è cosa di oggi o di domani, e torna a porre la questione della Turchia, che attende da vent’anni. La revisione dei trattati – procedura lenta, lunga e complessa – non è una buona idea. Ricordiamoci di Maastricht! L’idea di una “comunità politica” è senza dubbio più interessante se rimette al centro dei dibattiti la questione democratica. 

La Conferenza per l’avvenire dell’Europa che ha dato la parola a una selezione di cittadini apporta idee nuove? Sarà seguita da effetti e verrà presa sul serio? 

Il sogno di papa Francesco 

Questo tornante imprevisto può essere per l’Europa il momento favorevole, il kairòs, per riascoltare l’appello che nel 2016 papa Francesco lanciava mentre gli veniva conferito il premio Carlomagno

[…] sogno un nuovo umanesimo europeo, «un costante cammino di umanizzazione», cui servono «memoria, coraggio, sana e umana utopia»[10]. Sogno un’Europa giovane, capace di essere ancora madre: una madre che abbia vita, perché rispetta la vita e offre speranze di vita. Sogno un’Europa che si prende cura del bambino, che soccorre come un fratello il povero e chi arriva in cerca di accoglienza perché non ha più nulla e chiede riparo. Sogno un’Europa che ascolta e valorizza le persone malate e anziane, perché non siano ridotte a improduttivi oggetti di scarto. Sogno un’Europa, in cui essere migrante non è delitto, bensì un invito ad un maggior impegno con la dignità di tutto l’essere umano. Sogno un’Europa dove i giovani respirano l’aria pulita dell’onestà, amano la bellezza della cultura e di una vita semplice, non inquinata dagli infiniti bisogni del consumismo; dove sposarsi e avere figli sono una responsabilità e una gioia grande, non un problema dato dalla mancanza di un lavoro sufficientemente stabile. Sogno un’Europa delle famiglie, con politiche veramente effettive, incentrate sui volti più che sui numeri, sulle nascite dei figli più che sull’aumento dei beni. Sogno un’Europa che promuove e tutela i diritti di ciascuno, senza dimenticare i doveri verso tutti. Sogno un’Europa di cui non si possa dire che il suo impegno per i diritti umani è stato la sua ultima utopia. 

Papa Francesco, Sala Regia, venerdì 6 maggio 2016

Chi ascolterà il Papa? 

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio] 

Tags:
covideuropapapa francescorussiaunione europea
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni