Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 07 Agosto |
San Gaetano Thiene
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

“Molte anime vanno all’Inferno”. La Madonna lo disse a Giacinta di Fatima 

FATIMA

Cathopic

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 16/05/22

La Madonna ne parlo con la veggente, allora bambina, durante una delle apparizioni del 1917

Non sono poche le anime che finiscono all’inferno: lo disse la Madonna alla veggente Giacinta di Fatima, durante una delle apparizioni mariane del 1917. Giacinta rimase molto turbata perché già sua madre, una volta, parlò dell’inferno come «una tana di piccoli mostri». Le parole della Madonna sulla dannazione delle anime la turbarono ulteriormente.  

I resoconti di quelle apparizioni sono riportati nel libro di Madalena Fontoura dal titolo “I Pastorelli di Fatima” (edizioni Ares)

copertina_fontoura_pastorelli.jpg

“Non si esce dall’Inferno”

Ecco cosa accadde durante quel dialogo sull’inferno, a Fatima, tra la Madonna e la piccola Giacinta. 

Giacinta tornò sulla sua pietra a Cova de Iria, il luogo delle apparizioni, e rimaneva pensosa.

«La Signora ha anche detto che ci sono molte anime che vanno all’inferno. Cosa è l’inferno?».

«È una tana di mostriciattoli dove c’è un fuoco molto grande», spiegò Lucia, evocando un’immagine che la madre le aveva insegnato, «in cui finisce chi fa i peccati e non si confessa, e rimane là a bruciare per sempre».

«E non esce più da lì?». «No».

«Nemmeno dopo molti, molti anni?».

«No; l’inferno non finisce mai. Anche il Cielo non finisce mai. Chi va in Cielo, non esce più da lì. E lo stesso chi va all’inferno. Non sai che sono eterni, che non finiscono mai?».

Le paure della piccola veggente

Per Giacinta non fu facile capire cosa significasse che paradiso e inferno fossero eterni. Soprattutto rimase impressionata per il fatto che all’inferno i peccatori rimanevano per sempre. Cominciò così quella tenerezza e quell’inquietudine per la sorte dei peccatori che avrebbe caratterizzato il resto della sua vita.

16
I piccoli veggenti Giacinta e Francesco Marto, Fatima, Portogallo

“Poveretti”

A volte tornavano le domande, anche durante i giochi: «Ma scusa: allora, dopo molti ma molti anni, l’inferno non è ancora finito?».

E altre volte, pensando sempre a quel dialogo con la Madonna sull’Inferno: «Ma quelle persone che sono là a bruciare, non muoiono? E non diventano cenere? E se noi preghiamo molto per i peccatori, Nostro Signore li libera da lì? E con i sacrifici? Poveretti! Dobbiamo pregare e fare molti sacrifici per loro». E aggiungeva: «Come è buona la Signora! Ci ha promesso che ci porta in Cielo».

Clicca qui per acquistare il libro: “I Pastorelli di Fatima” (edizioni Ares)

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni