Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 15 Agosto |
San Massimiliano Maria Kolbe
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Gravi accuse di Vaticano e Chiesa di Gerusalemme alla polizia israeliana

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
Al-Jazeera-journalist-Shireen-Abu-Akleh-AFP

Photo by Ahmad GHARABLI / AFP

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 16/05/22 - aggiornato il 16/05/22

“Violata la libertà religiosa” ai funerali della reporter di Al-Jazeera, Shireen Abu Akleh

Alta tensione tra il Vaticano e Israele, a rischio i rapporti tra i due Stati con una gravissima accusa: Israele avrebbe violato la libertà religiosa e gli accordi esistenti con la Santa Sede.

È avvenuto tutto mentre il feretro della giornalista palestinese (cristiana) Shireen Abu Akleh veniva trasportato dall’Ospedale San Giuseppe alla Chiesa Cattedrale greco-melchita. La denuncia delle Chiese di Terra Santa senza mezzi termini, in un documento comune, stigmatizza l’atteggiamento della polizia israeliana, che ha fatto irruzione nel nosocomio, mancando di rispetto – si legge – alla Chiesa, all’istituto sanitario, alla memoria del defunto e costringendo i portatori della bara a lasciarla quasi cadere (Vatican News, 16 maggio). 

La condanna fa seguito a quella già espressa dal segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, alla notizia della morte della cronista, che lavorava per la rete televisiva Al Jazeera, ed è stata colpita alla testa durante un’operazione delle forze di sicurezza israeliane nella città di Jenin, in Cisgiordania, che lei stessa stava seguendo. Guterres ha chiesto un’indagine indipendente per chiarire i fatti. 

“Siamo sconvolti”

«Siamo sconvolti per le modalità ingiustificabili per quello che è accaduto e vogliamo denunciare e condannare in maniera chiara e inequivocabile». Lo ha detto il Patriarca latino di Gerusalemme Pierbattista Pizzaballa sul comportamento della polizia israeliana ai funerali della reporter di Al-Jazeera, Shireen Abu Akleh, riferendosi alla carica degli agenti contro chi portava la bara alle esequie. 

Shireen Abu Akleh
Un disegno che rappresenta la giornalista Shireen Abu Akleh.

Ragioni di sicurezza “ingiustificabili”

«Le ragioni di sicurezza non possono giustificare un evento di questo genere – ha aggiunto – , che colpisce la sensibilità della comunità cristiana e non solo, soprattutto in un momento così delicato come quello che stavamo vivendo» (Ansa, 16 maggio). 

“Violato il diritto alla libertà religiosa”

La polizia israeliana «ha violato in maniera molto brutale» il diritto «alla libertà religiosa» della Chiesa durante i funerali della reporter Shireen Abu Akleh. Lo ha detto l’incaricato di affari della Delegazione apostolica in Terra Santa, padre Thomas Grysa, durante una conferenza stampa a Gerusalemme.

Tensione tra Israele e Santa Sede

Un diritto, ha spiegato, «incluso nell’accordo fondamentale tra Israele e Santa Sede». «Questo episodio – ha aggiunto – costituisce un momento di tensione fra Israele e Santa Sede, anche se non è il primo» (Ansa, 16 maggio) .

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Tags:
conflitto israelo palestinesefuneraleisraeleterra santavaticano
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni