Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 27 Settembre |
San Vincenzo de Paoli
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Tragico: sacerdote sequestrato in Nigeria è stato giustiziato

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
Padre Joseph Aketeh Bako

Fabian Obum Uzochukwu | Facebook

Francisco Vêneto - pubblicato il 13/05/22

“A causa dei suoi problemi di salute, non è riuscito a sopravvivere alla tortura”

Mercoledì 11 maggio è arrivata la tragica conferma del fatto che padre Joseph Aketeh Bako, sequestrato in Nigeria l’8 marzo, è stato codardamente assassinato dai criminali che lo tenevano prigioniero.

La notizia è giunta dall’arcidiocesi di Kaduna mediante un comunicato. Il crimine è stato perpetrato ad aprile; secondo l’arcidiocesi, padre Bako è stato ucciso qualche settimana dopo il sequestro.

Il cancelliere arcidiocesano, padre Christian Okewu Emmanuel, ha reso noto:

“Col cuore pesante, ma con una sottomissione totale alla volontà di Dio, annunciamo la morte di padre Joseph Aketeh Bako nelle mani dei suoi sequestratori, tra il 18 e il 20 aprile 2022. Le circostanze che hanno portato alla sua morte e la data sono state accuratamente verificate. Per questo la comunicazione viene effettuata solo in questo momento”.

Padre Joseph Aketeh Bako aveva 48 anni ed era stato sequestrato dalla propria parrocchia, dedicata a San Giovanni. Dopo il sequestro sono stati diffusi vari resoconti sul suo stato di salute, ma era molto difficile confermare le notizie.

Un altro sacerdote della stessa parrocchia, p. Emmanuel Anyanwu, ha riferito alla fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre il 29 aprile che il sacerdote sequestrato aveva sofferto molto prima di essere ucciso:

“È stato torturato perché i criminali stavano cercando di obbligarlo a pagare una grande quantità di denaro come riscatto. Ci sono stati torture fisiche e botte. A causa dei suoi problemi di salute, non è riuscito a sopravvivere alla tortura”.

Secondo un altro sacerdote che non ha voluto identificarsi pubblicamente, p. Joseph Aketeh è stato sequestrato insieme al fratello minore, che era andato in parrocchia a trovarlo e su cui non sono state diffuse nuove informazioni.

Il corpo del sacerdote ucciso non è ancora stato consegnato dai criminali.

Pur se ignorata dai cosiddetti “grandi media”, la situazione di persecuzione nei confronti dei cristiani nigeriani è catastrofica, al punto che un vescovo l’ha riassunta con una frase scioccante:

“Stanno uccidendo i cristiani come polli”.

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni