Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 25 Settembre |
San Cleofa
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Dio vuole proprio che tu ti riposi

DONNA, PRATO, RELAX

Olga Danylenko | Shutterstock

Annalisa Teggi - pubblicato il 13/05/22

"È davvero possibile, di fronte ai tanti contrattempi di ogni giorno, trovare sollievo e ristoro?". A gente che va sempre di corsa Don Carlo De Marchi offre alcune meditazioni per innamorarsi della vita.

Innamorati della propria vita, non della propria immagine

Il super potere dei libri (fatti bene) è quello di infilarsi a pennello nelle crepe della vita di ciascuno, prendere la forma esatta di una spaccatura e ripararla. Mi sono tuffata tra le pagine del nuovo libro di don Carlo De Marchi per il titolo, Fammi innamorare della miavita. Meditazioni per gente sempre di corsa.(Edizioni Ares). E non saprei dire se mi attirasse di più la questione dell’innamorarsi della vita o dell’essere di corsa. La sorpresa è stata quella di rendermi conto che i due temi sono legati col superattack.

C’è un abisso tra il narcisismo imperante e l’essere innamorati della propria vita. Non è esagerato dire che il primo atteggiamento sia l’opposto del secondo. E noi siamo sempre di corsa proprio perché siamo schiavi di un’agenda egocentrica che ci impone ritmi e schemi stritolanti, orientati a blandire la nostra immagine, costruita al tavolino dei nostri desideri.

È davvero possibile, di fronte ai tanti contrattempi di ogni giorno, trovare sollievo e ristoro?

Da Fammi innamorare della miavita
BUSY,WORKING,WOMAN

Ponendo questa domanda, don Carlo lega ciò mi pareva separato: per innamorarsi della trama così imponderabile della nostra vita occorre percorrere la strada del riposo, staccandosi dalla prospettiva egocentrata, impaziente, frenetica e ansiosa.

Insegnaci a stare quieti

Ciascuno di voi potrà ritagliarsi un percorso su misura tra queste meditazioni per gente di corsa. L’eco di sottofondo che ho colto, mentre don Carlo affronta il tema della preghiera, della fiducia, della morte, dei rapporti affettivi, è proprio la parola riposo. E anche ristoro. Entrambi i termini presuppongono che la vita di ognuno sia in rapporto vivo con Dio. Ho fretta, ho l’impressione di perdere tempo, mi lamento degli imprevisti… tutto questo accade quando non ho coscienza che vivere è stare in compagnia di un Dio che collabora attivamente al mio destino.

Un giorno un giornalista domandò a Madre Teresa: «Lei che prega tanto, cosa dice al Signore?». Madre Teresa rispose sorridendo: «Io? Non dico niente, io ascolto». E il giornalista, che doveva pur sempre pubblicare qualcosa: «Beh, d’accordo, però Dio che cosa le dice allora?». «Dio? Lui non dice niente, lui ascolta. E se lei non capisce questo, mi spiace io non sono in grado di spiegarglielo».
Come ricorda il poeta T.S. Eliot: «Insegnaci a preoccuparci e a non preoccuparci. / Insegnaci a stare quieti», è fondamentale chiedere al Signore di aiutarci a imparare a stare tranquilli.

Ibid.

Quest’apparente insensatezza – la perdita di tempo di una preghiera in cui non si dice niente, non si ottiene niente – è simile alla follia della scelta che fece l’Ulisse dantesco. Tornato a Itaca, si rimise in mare. Quando s’intuisce che la vita è rapporto con l’Altro, si lascia la terraferma (la logica di essere re della propria isola, fatta di appuntamenti, leggi, programmi, scadenze) e si va per mare. Viaggiare sull’acqua moltiplica la piccolezza e la precarietà, impone l’evidenza che non tutto dipende da quanto siamo bravi a stare al timone.

In mare si può impare un criterio folle. Gesù sulla barca in mezzo alla tempesta dormiva.

Dio si riposa, cioè ha una pazienza infinita

Se Dio sale sulla barca della nostra vita, se accogliamo l’ipotesi che la nostra agenda quotidiana sia un racconto in prima persona plurare (un noi in cui Dio non è solo interlocutore astratto), allora un criterio assolutamente sconvolgente s’impone alla nostra attenzione.

Ecco: sto alla porta e busso. Se qualcuno ascolta la mia voce e mi apre la porta, io verrò da lui, cenerò con lui ed egli con me.

Atti degli Apostoli 3, 20

Il criterio di Dio è l’attesa, non la frenesia. Sta alla porta, aspettanto tutto – ma proprio tutto – il tempo necessario. Don Carlo ripercorre la parabola del figliol prodigo (o meglio del padre misericordioso) immedesimandosi nel punto di vista di tutti i personaggi coinvolti. Ed è un testo che non finirà mai di dirci qualcosa di nuovo. Dio, come il padre della parabola, aspetta il ritorno del figlio. Avrà continuato a fare quel che doveva, ma con l’attesa nel cuore. Avrà lavorato e fatto molte cose, ma tenendo una certa passività a mani spalancate come sfondo dei suoi giorni.

Ed è l’antitesi della nostra premura di chiudere sempre in fretta le questioni. Risolvere, mettere una spunta, finire un progetto e passare all’altro. Questo c’impedisce quel riposo profondo che non è una mera pausa tra una fatica e l’altra, ma una vera, rifrancante doccia fresca già dentro l’arsura dei nostri mille impegni.

Diventa allora rivoluzionario pensare al tempo che trascorro con Dio, alla preghiera, come parte del mio tempo libero. Non una cosa in più da fare ma un tempo che mi riposa e mi libera. Si tratta forse del mio tempo più libero in senso etimologico latino: il tempo in cui mi sento liber, cioè figlio che sa di trovarsi sotto lo sguardo affettuoso di suo Padre, e che quindi si sente a casa.
Questo affetto è riposante perché non dipende da me: ciascuno di noi è amato dal Signore non per quello che fa e non solo quando, per così dire, fa il bravo.

Ibid.

Solo l’amore dà riposo

Il padre di quella parabola riesce a fare un’altra cosa che a noi manca spesso e volentieri, la festa vera. Sì siamo pieni di happy hours, ma sono ore davvero felici? La festa è solo un evento occasionale o può essere un criterio di ristoro e riposo nel bel mezzo di ogni giornata?

Sono la prima a dire che quando vado via da una festa ho sempre l’amarezza in bocca. Perché ho bisogno di una felicità più grande di risate e balli. Vero, però un po’ me la racconto dicendo così. Sinceramente, io vorrei far festa solo quando qualcosa di bello succede a me. Ed è qui il nodo, che diventa cappio. Il criterio del padre del figliol prodigo è fare festa per l’altro. Ed ecco che don Carlo scocca una freccia che va a segno:

Forse la cura è proprio fare festa con gli altri e per gli altri, decidere cioè di gioire delle gioie altrui, di rallegrarci della loro presenza, il che è possibile anche quando partiamo da uno stato d’animo di tristezza e insoddisfazione personale. E non ripeteremo mai abbastanza che questi altri non sono quelli lontani, ma innanzitutto la persona che sta nella stanza accanto in ufficio o, peggio, nella stessa stanza, quella persona che telefona sempre e che a volte trovo insopportabile.

Ibid.
ADOLESCENTES AMIES

Ammetto di essere ancora lontana mille miglia da questo sguardo, che pure m’invita a darmi subito una svegliata. Il criterio del riposo e del ristoro coinvolge l’Altro e gli altri come bene per la mia vita, qui e ora. La festa è un criterio a monte del fatto che una volta le cose vanno bene a me e un’altra a te. La presenza nostra, insieme, è la festa: è ricordarsi che non siamo dentro un sogno personale confezionato dalla nostra mente. Chesterton osava dire che gli amici migliori da tenersi fino al giorno della morte sono quelli che sono fastidiosissimi nell’ordinare una bistecca al ristorante. Il fastidio che sentiamo verso chi ci è accanto è il segno benedetto di una Creazione non fatta a immagine del nostro egoismo. La gioia dell’altro è mia, solo così posso fuggire dall’incubo che il mondo sia a misura delle mie brame.

Gioire della gioia e della presenza di chi ho accanto, godermi il ristoro che dà l’essere lieti senza un tornaconto e per una fratellanza vera – no, non lo so ancora fare.

Ma è proprio vero che è grazie a questo ribaltamento di prospettiva che ci si può innamorare della propria vita, liberi dalla schiavitù di fare confronti, di fare di ogni azione una competizione (anche con i nostri idoli mentali).

Perché, come conclude papa Francesco con una sintesi luminosa, «solo l’amore dà riposo. Ciò che non si ama stanca male, e alla lunga stanca peggio».
Solo l’amore dà riposo. E mi domando: ma io riesco a riposarmi nelle relazioni attraverso l’amore? Cioè mettendomi in gioco, volendo bene senza fare tante storie, perdonando quando ce n’è bisogno e non aspettando che sia l’altro a fare il primo passo?

Ibid.

Se si può dare il nome di amico a chi senti che ti cammina accanto anche se non è vicino, leggendo queste meditazioni ho sentito molto amico don Carlo De Marchi. La sua letizia è tipicamente cristiana, cioé non autoreferenziale ma capace di cantare in coro con il Papa che ci guida, coi santi, col carisma di San Josemaría Escrivá, con i bambini del catechismo e con qualunque segnale luminoso Dio metta sulla strada.

QUI IL LINK PER ACQUISTARE IL LIBRO

LIBRO, DE MARCHI, INNAMORARE
Tags:
amore di diomeditazionerecensioni di libririposo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni