Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 28 Settembre |
San Venceslao
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Il Papa ha ricevuto la “bambina” di Saigon, simbolo della guerra in Vietnam

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
Vietnamese-US-photographer-Nick-Ut-holds-his-Pulitzer-and-World-Press-Photo-Award-1972-photograph-Napalm-Girl-AFP

Alberto PIZZOLI / AFP

Ary Waldir Ramos Díaz - pubblicato il 12/05/22

Dopo l'udienza generale del mercoledì, Papa Francesco ha accolto anche il fotografo Nick Út, 71 anni, autore della foto che ha immortalato l'atroce bombardamento di Trang Bang, nel Vietnam del Sud

Dopo l’udienza generale dell’11 maggio 2022, Papa Francesco ha incontrato il fotoreporter vietnamita-statunitense Nick Út e la vietnamita-canadese Kim Phuc Phan Thi, noti rispettivamente come l’autore della celeberrima fotografia della bambina bruciata dal napalm durante la guerra del Vietnam e la bambina stessa, che gridava dal dolore e dalla paura.

Entrambi hanno partecipato a una mostra organizzata in occasione del 50° anniversario dello scatto della fotografia, l’8 giugno 1972, e hanno approfittato della loro visita a Roma per offrire una copia della famosa foto al Pontefice. La bambina, ormai donna, era sorridente e felice all’incontro con Jorge Mario Bergoglio, che dice di aver conosciuto a Buenos Aires nel 2009. 

In una conferenza stampa in Piazza San Pietro, Kim Phuc ha detto ai giornalisti che augurava al 266º Successore di Pietro “buona salute” e lo ringraziava “per tutto quello che ha fatto per la pace”.

Fino al 31 maggio, l’esposizione From Hell to Hollywood (Dall’inferno a Hollywood), organizzata nel Palazzo Lombardia di Milano, ripercorre l’opera del fotografo Út. Il suo scatto, intitolato “Il terrore della guerra”, ha vinto il Premio World Press Photo e il Premio Pulitzer nel 1973.

Grazie alla sua diffusione mondiale, ha svolto un ruolo importante nella presa di coscienza sulla guerra del Vietnam.

Vietnamese-Canadian Phan Thi Kim Phuc

L’8 giugno 1972, un aereo ha bombardato il villaggio sudvietnamita di Trang Bang dopo che il pilota aveva confuso un gruppo di civili con le truppe nemiche. Le bombe contenevano napalm, un combustibile altamente infiammabile che ha ucciso e ferito gravemente molte persone.

La famosa immagine in bianco e nero è diventata il simbolo degli orrori della guerra del Vietnam e della crudeltà di tutte le guerre per i bambini e le vittime civili.

Kim Phuc è diventata involontariamente la protagonista, ad appena 9 anni, di questa fotografia, che le ricorda anche la morte della sua famiglia. L’attacco è avvenuto mentre stava partecipando con i suoi familiari a una celebrazione religiosa in una pagoda. È stata ricoverata per 14 mesi, e ha subìto 17 interventi chirurgici.

La conversione al cristianesimo e la fede le hanno dato la forza di perdonare. Oggi Kim Phuc ha 57 anni e vive vicino Toronto (Canada) con il marito e i due figli, Thomas e Stephen. Ha dedicato la sua vita alla promozione della pace, offrendo sostegno medico e psicologico alle vittime della guerra in Uganda, Timor Est, Romania, Tagikistan, Kenya, Ghana e Afghanistan. “Il perdono mi ha liberato dall’odio”, ha scritto nella sua biografia, The Girl in the Picture.

Con informazioni di i.Media e dell’Unione Cristiani Cattolici Razionali

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Tags:
fotografiaguerrapapa francescovietnam
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni