Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 22 Maggio |
Santa Rita da Cascia
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Un sacerdote risponde alla cantante Madonna che si è lamentata della scomunica

shutterstock_43781218.jpg

Denis Makarenko / Shutterstock.com

Francisco Vêneto - pubblicato il 11/05/22

Ma è stata davvero scomunicata?

Alcuni sacerdoti hanno risposto alla cantante Madonna dopo le sue lamentele pubbliche a Papa Francesco perché a suo avviso avrebbe ricevuto tre volte la pena della scomunica.

L’artista non ha scritto direttamente al Papa, ma ha optato per richiamare l’attenzione dei media postando questo messaggio sul suo account Twitter il 4 maggio:

“Ciao @Pontifex Francesco – Sono una brava cattolica. Giuro. Voglio dire, non giuro! Sono ormai trascorsi vari decenni da quando mi sono confessata per l’ultima volta. Sarebbe possibile incontrarci un giorno per parlare di alcune questioni importanti? Sono stata scomunicata 3 volte. Non mi sembra giusto. Rispettosamente, Madonna”.

Qualunque fosse l’intenzione della cantante con questo post, i cattolici sono sempre invitati a pensare bene e a dare una possibilità alla conversione e alla riconciliazione, mantenendo la dovuta prudenza e responsabilità.

Tra i sacerdoti che hanno risposto al post di Madonna c’è p. Matthew Schneider, che ha scritto:

“Non so se il Papa in persona potrà incontrarla, ma posso cercare un sacerdote a lei vicino perché la aiuti. Basta che mi invii un messaggio diretto se ha bisogno di aiuto o ha delle domande”.

Ma c’è stata davvero una scomunica?

Madonna ha provocato deliberatamente la Chiesa e ha offeso pubblicamente la fede cattolica in varie occasioni, anche ridicolizzando la Croce di Cristo e la Sua corona di spine durante uno spettacolo nel 2016.

Pur essendo atti che possono essere classificati quantomeno come fortemente offensivi della sensibilità religiosa, non si tratta di azioni che di per sé provocano una scomunica “latae sententiae”, né consta che Madonna sia stata condannata formalmente da un vescovo alla scomunica “ferendae sententiae” a seguito di qualcuno di questi atti.

A cosa si riferiscono queste espressioni in latino? Si tratta di due tipi di scomunica descritti nel Diritto Canonico:

  • Scomunica “ferendae sententiae”: quando una legittima autorità della Chiesa scomunica una persona.
  • Scomunica “latae sententiae”: quando un cattolico compie azioni per cui egli stesso opta per separarsi dalla comunione con la Chiesa, scomunicandosi così automaticamente.

Il Diritto Canonico elenca in questo modo i peccati che comportano la scomunica automatica:

  • Canone 1364: apostasia, eresia o scisma;
  • Canone 1367: profanazione delle specie sacre;
  • Canone 1370: aggressione fisica contro il Romano Pontefice;
  • Canone 1378: assoluzione del complice nel peccato contro il sesto comandamento;
  • Canone 1382: consacrazione episcopale senza mandato pontificio;
  • Canone 1388: violazione diretta del sigillo sacramentale;
  • Canone 1398: aborto provocato.

Nel caso in cui Madonna abbia commesso uno di questi atti, è incorsa nella scomunica automatica. La cantante non ha specificato quali siano le presunte “tre scomuniche” che le sarebbero state imposte.

Ad ogni modo, fino al termine della vita terrena ci sono sempre tempo e opportunità per convertirsi davanti a Dio. Quella di accettare il Suo perdono è una decisione personale!

Tags:
cantanteMadonna Cicconesacerdote
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni