Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 01 Ottobre |
Santa Teresa di Gesù Bambino e del Volto Santo
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Odessa: muore a 14 anni per mettere in salvo i vicini anziani

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
UKRAINE-BOY-BURNED-SCHOOL-KYIV-AFP

Photo by Genya SAVILOV / AFP

Annalisa Teggi - pubblicato il 06/05/22

Aveva ricevuto l'allerta di un bombardamento da un'app. Era preoccupato che i vicini anziani non fossero stati informati ed è andato ad avvisarli anziché andare subito nel rifugio.

I giovani di Odessa

4 giorni fa Odessa è stata oggetto un intenso bombardamento da parte delle milizie russe. La città portuale resta un centro nevralgico nelle operazioni militari della guerra in corso. Le vittime e i feriti si contano soprattutto tra i civili e quest’attacco, in particolare, è stato tragicamente micidiale verso i più giovani. Ansa riferisce di una ragazza di 18 anni in procinto di sposarsi che è rimasta ferita. Dall’arcivescovo di Kiev, S.B. Sviatoslav Shevchuk, si apprende della morte di un ragazzo di appena 14 anni:

Oggi desidero ricordare un evento drammatico, e eroico allo stesso tempo. In data 2 maggio, la nostra Odessa è stata nuovamente l’obiettivo di un attacco missilistico, e un ragazzo di 14 anni, Vyacheslav Yalyshev, è morto da eroe. Sentita la sirena dell’allarme antiaereo, è corso dai vicini anziani per avvertirli e aiutali a scendere nel rifugio. Li ha salvati, ma lui stesso è morto.

Da Agensir

La notizia è stata poi ricostruita in modo più dettagliato, confermando il gesto coraggioso del ragazzo.

Secondo quanto ricostruito dal Dailymail, Vyacheslav non si sarebbe mosso per allertare i vicini sentendo la sirena antiaerea, ma prima. Noi diciamo, quasi soprappensiero, “c’è un’app per tutto”. È vero al punto che il popolo ucraino può usufrire di alcune app per ricevere l’allerta sui bombardamenti imminenti.

Un 14enne usa questi strumenti con facilità. Ricevuta un’allerta sullo smartphone, Vyacheslav ha pensato che i suoi vicini di casa anziani probabilmente non avevano a disposizione quella tecnologia, o non sapevano usarla. Il timore era che non ricevessero l’allarme e si muovessero troppo tardi per andare nei rifugi.

La scelta del giovane è stata quella di fare le cose al vecchio modo, avvisarli dipersona. Ha corso il rischio di non andare subito a mettersi al riparo. E ha perso la vita.

I ragazzo è stato ucciso quando due missili hanno colpito un dormitorio e rotto il tetto della chiesa vicina, due giorni dopo che le forze russe hanno distrutto la via di fuga per l’aeroporto di Odessa, appena un paio di miglia da lì.

Da Dailymail

Lo piangono suo padre Yevhen Yalyshev, membro dell’aviazione ucraina, e un popolo intero che offre postuma la medaglia di ‘eroe’ a chi si è trovato a vivere l’adolescenza in mezzo a una guerra.

Un bravo ragazzo

Vyacheslav è un eroe per il suo paese. Vivendo a molta distanza dall’Ucraina quest’etichetta ci arriva con una strana patina. L’avremmo preferito vivo e meno eroico. Si fa davvero fatica a immedesimarsi con chi vive sotto attacco.

Si fa anche fatica a credere che in un contesto di guerra si riesca a preservare una normalità come quella dello studio scolastico. Oggi i conoscenti e gli amici di Vyacheslav Yalyshev lo descrivono come un vero bravo ragazzo, alle prese con gli impegni e i divertimenti tipici della sua età.

Alcuni amici di famiglia descrivono Viacheslav come un ragazzo brillante e studioso, che continuava ad andare bene a scuola nonostante i due mesi di guerra con la Russia.

“Era molto bravo, gentile, empatico. Molto capace e sincero. Non ho parole – racconta una donna che vuole restare anonima – Faceva i compiti diligentemente negli scantinati anche quando c’erano i bombardamenti”.

Da Uptobrain

Nascosto a fare i compiti, con i missili che piovono sulla testa. Già questo è un atto di enorme maturità, rendersi conto che in mezzo alla distruzione si continua a fare il propriodovere. Quante volte lo ripetiamo ai nostri figli, come un loop noioso. E con la stessa voce da genitore, verrebbe da dire: resta nascosto, Vyacheslav, stai buono sottoterra a fare i compiti.

Invece è uscito, fuori nel finimondo.

Non mettersi al riparo

Prima le donne e i bambini, è quello che si ripete in mezzo a una calamità o quando esplode un conflitto. Forse non tanto e solo perché siano la parte debole del popolo, ma perché custodiscono la speranza in mezzo alla distruzione. Si tenta di preservare chi dà la vita e la vita nel fiore degli anni.

Secondo una certa lettura cinica dei fatti, e ne abbiamo sentito l’eco anche a proposito della pandemia, l’anziano è sacrificabile.Ha avuto una vita lunga, ora altri meritano la loro opportunità.

Un giovane di 14 anni che muore per salvare degli anziani sembra un controsenso, addirittura uno spreco. Ma il vero controsenso è la guerra, quella che fa saltare in aria gli assi cartesiani dell’umano e precipita la vita nell’abisso del sopruso, della violenza.

Possiamo limitarci a commentare questa notizia usando la bilancia, una vita giovane da una parte e le vite degli anziani dall’altra. E poi vedere i due piatti terribilmente sbilanciati. E poi cadere nella tentazione di fare ragionamenti e paragoni sul valore della vita in erba e della vita molto matura. Resteremmo nel cinico campo della guerra, quella che vorrebbe farci credere che homo homini lupus.

Vyacheslav batte Hobbes. Il gesto vince sulla speculazione.

ANZIANA, LACRIME, UCRAINA

Per questo oserei uno sguardo che non ci costringa a separere in cassetti di diversa dignità le vite umane. Possiamo guardare questa storia tragica come un sacrificio, non premeditato ma che a posteriori contempliamo come tale. Un ragazzo di 14 anni, per i vertiginosi e misteriosi casi del suo destino, si è trovato a fare una scelta rischiosa in nome di un motivo che riteneva valido.

Sacrificio è una parola che in contesti tiepidi non salta mai fuori, fiorisce invece – e lo scrivo con tremore – quando la realtà si fa urgente, quando la fibra del temperamento personale è messa alla prova. Quella tecnologia a cui noi imputiamo tante colpe, perché isola e aliena i nostri figli, in questo caso è stata lo spunto che ha portato Vyacheslav verso il soccorso, a muoversi verso gli altri. Uno strumento, usato come tale in un contesto dove l’intrattenimento non è più un’opzione, ha portato a un’azione coraggiosa nella realtà. Ma – probabilmente – quello che ha davvero spinto questo ragazzo a non mettersi subito al riparo, a fare la sentinella, è l’aver conosciuto sulla sua pelle la paura, la fragilità della vita. Forse questo sfondo nero gli ha messo in petto lo slancio a fare qualcosa per non sentirsi ridotto a bersaglio inerte.

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Tags:
cronacagiovanimorteucraina
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni