Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 29 Settembre |
Santi Arcangeli
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

«Io sono il pane della vita». Solo in Lui la nostra fame si sazia

MANI, PANE

Masson|Shutterstock

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 03/05/22

Non c'è forse segno più tipico della nostra natura umana che questa fame insaziabile, questo desiderio di pienezza che mai ci abbandona. Solo in Cristo trova risposta senza spegnersi, ma trasformando la vita in un cammino.

Vangelo di Mercoledì 4 Maggio

Gesù rispose: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà più fame e chi crede in me non avrà più sete. Vi ho detto però che voi mi avete visto e non credete. Tutto ciò che il Padre mi dà, verrà a me; colui che viene a me, non lo respingerò, perché sono disceso dal cielo non per fare la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato. E questa è la volontà di colui che mi ha mandato, che io non perda nulla di quanto egli mi ha dato, ma lo risusciti nell’ultimo giorno. Questa infatti è la volontà del Padre mio, che chiunque vede il Figlio e crede in lui abbia la vita eterna; io lo risusciterò nell’ultimo giorno». 

(Giovanni 6,35-40)

C’è un latente filo conduttore nella vita di ognuno: un senso di inquietudine che ci accompagna per tutta la nostra vita. Esse a volte può diventare anche molto evidente e in alcuni casi impedire la vita stessa.

Alcuni riescono a piegarla ai loro talenti e ne nascono grandi artisti, grandi uomini e donne che lasciano il segno. Una grande scrittrice un giorno disse “se fossi felice non scriverei nulla, non avrei bisogno di scrivere nulla, vivrei e basta”.

La vera domanda però è questa: troverà mai veramente un appagamento radicale questa nostra fame e sete di senso, di amore, di vita?

Gesù sembra rispondere nel Vangelo di oggi:

“Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà più fame e chi crede in me non avrà più sete”. 

Nella relazione con Lui la nostra inquietudine è come se trovasse una direzione, un orizzonte più ampio.

Credere non è vedersi spegnere nelle proprie domande, ma è potersele fare senza nessuna disperazione o paura.

L’incontro con Cristo non ferma la vita, ma la salva dall’autodistruzione, dalla paranoia, dalla dittatura della paura e delle preoccupazioni. Paradossalmente solo un credente può dubitare, perché un non credente cerca di starsene ben lontano dal dubbio per non essere schiacciato dall’assenza di una risposta. 

Tags:
dalvangelodioggieucarestiagesùpanevita eterna
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni