Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 23 Maggio |
San Desiderio da Genova
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

L’intercessione della Madonna ha salvato Vienna dall’assalto musulmano

Marco d’Aviano

Public Domain

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 30/04/22

Dopo Vienna i turchi sarebbero arrivati a Roma. Ma questo non è stato possibile grazie a due personaggi: un geniale condottiero polacco e un frate cappuccino

L’intercessione della Madonna ha salvato una famosa capitale europea dalla distruzione dei musulmani. L’11 settembre 1683 Vienna è assediata da un immenso esercito turco comandato dal gran visir Kara Mustafà e, ridotta alla fame. La capitale austriaca è prossima alla resa. I Turchi, arrestati per mare a Lepanto nel 1571, continuano via terra la loro avanzata che sembra inarrestabile. Tutto è pronto per l’evento cui da mille anni l’islam lavora. Le forze turche, racconta Angela Pellicciari in “Una storia della Chiesa. Papi e santi, imperatori e re, gnosi e persecuzione” (edizione Cantagalli), sono nettamente superiori a quelle cristiane e dopo Vienna punteranno Roma. Ma accade un imprevisto.

Il generale e il frate

Fanno la differenza un geniale condottiero polacco, re Jan Sobieski, e il frate cappuccino Marco d’Aviano. Incaricato da Innocenzo XI di formare una Lega Santa contro i Turchi, padre Marco diventa consigliere e confessore dell’imperatore Leopoldo I e riesce a coalizzare intorno a lui Spagna, Portogallo, Polonia, Firenze, Venezia e Genova.

“Amorth chiamava il diavolo “cretino”. Ho assistito ad alcune guarigioni”

“Abbiamo meritato gli infedeli”

Alla vigilia dello scontro, frate Marco Aviano affida alla Madonna le sorti di Vienna e si rivolge a Dio con questa supplica: «O grande Dio degli eserciti, guardaci prostrati qui ai piedi della tua maestà, per impetrarti il perdono delle nostre colpe. Sappiamo bene di aver meritato che gl’infedeli impugnino le armi per opprimerci, perché le iniquità, che ogni giorno commettiamo contro la tua bontà, hanno giustamente provocato la tua ira».

“Non farci calpestare da questi cani”

L’invocazione è sempre più contro «il furore e la forza degl’infedeli». «Sebbene sia per nostra colpa ch’essi hanno invaso queste belle e cristiane regioni, e sebbene tutti questi mali che ci avvengono non siano altro che la conseguenza della nostra malizia, siici tuttavia propizio, o buon Dio, e non disprezzare l’opera delle tue mani. Permetterai forse ch’esso venga calpestato dai piedi di questi cani?».

La benedizione per la battaglia

Fra’ Marco chiede poi la benedizione per i soldati: «Libera dunque l’esercito cristiano dai mali che incombono; trattieni il braccio della tua ira sospeso su di noi, e fa’ capire ai nostri nemici che non c’è altro Dio all’infuori di Te, e che Tu solo hai il potere di concedere o negare la vittoria e il trionfo, quando ti piace. Come Mosè, stendo dunque le mie braccia per benedire i tuoi soldati; sostienili e appoggiali con la tua potenza, per la rovina dei nemici tuoi e nostri, e per la gloria del tuo Nome».

Maometto minaccia di impiccarsi

All’alba dell’undici settembre, si consuma una vittoria dell’esercito cristiano sull’esercito turco senza precedenti, al punto che Maometto IV invia al suo gran visir una corda di seta verde invitandolo a mettere fine alla sua vita con quella. L’indomani, mentre si dice che i pasticceri viennesi inventino i cornetti, un dolce a forma di mezzaluna, nella chiesa della Vergine di Loreto viene celebrato il solenne Te Deum di ringraziamento. Innocenzo XI, attribuendo la vittoria all’intercessione della Madonna, decide di festeggiare lo scampato pericolo istituendo il 12 settembre la festa del Santo Nome di Maria.

“Amorth chiamava il diavolo “cretino”. Ho assistito ad alcune guarigioni”

La beatificazione di Fra Marco

Il 27 aprile 2003 san Giovanni Paolo II beatifica Marco d’Aviano, che venne sepolto nella cripta dei Cappuccini di Vienna, accanto alle tombe degli imperatori asburgici. Da parte imperiale non si poteva rendere un omaggio più solenne alla memoria del frate cappuccino e al ruolo insostituibile da lui svolto nella costituzione della Lega Santa, nel sostegno a Leopoldo I, nell’armonizzazione paziente degli interessi delle forze in campo.

Clicca qui per acquistare il libro “Una storia della Chiesa”.

“Amorth chiamava il diavolo “cretino”. Ho assistito ad alcune guarigioni”
Tags:
guerramadonnamusulmani
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni