Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 23 Maggio |
San Desiderio da Genova
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Nella sera della vita Gesù sale sulla nostra piccola barca

RAGAZZA, PANCHINA, TRAMONTO

Rovsky | Shutterstock

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 29/04/22

Di sera, quando si fa buio, la tentazione di vedere la nostra vita come una barca in un mare in tempesta è più forte. Ecco perché, proprio la sera, bisogna pregare di più.

Vangelo di sabato 30 aprile

Venuta intanto la sera, i suoi discepoli scesero al mare e, saliti in una barca, si avviarono verso l’altra riva in direzione di Cafarnao. Era ormai buio, e Gesù non era ancora venuto da loro. Il mare era agitato, perché soffiava un forte vento. Dopo aver remato circa tre o quattro miglia, videro Gesù che camminava sul mare e si avvicinava alla barca, ed ebbero paura. Ma egli disse loro: «Sono io, non temete». Allora vollero prenderlo sulla barca e rapidamente la barca toccò la riva alla quale erano diretti.

(Giovanni, 6, 16-21)

La descrizione dettagliata che Giovanni fa nell’episodio del Vangelo di oggi è piena di suggestioni:

Venuta intanto la sera, i suoi discepoli scesero al mare e, saliti in una barca, si avviarono verso l’altra riva in direzione di Cafarnao. Era ormai buio, e Gesù non era ancora venuto da loro. Il mare era agitato, perché soffiava un forte vento.

Capita anche nella nostra vita di sperimentare la sera. È quel tempo in cui sembra calare il sipario sui grandi entusiasmi, le grandi imprese e si ha la sensazione di essere da soli, mentre è buio e si sperimenta una strana stanchezza che ci fa combattere senza successo contro le onde contrarie. Sembra tutto finito ma è proprio al limitare di crisi simili che Gesù si fa presente:

Dopo aver remato circa tre o quattro miglia, videro Gesù che camminava sul mare e si avvicinava alla barca, ed ebbero paura. Ma egli disse loro: «Sono io, non temete». Allora vollero prenderlo sulla barca e rapidamente la barca toccò la riva alla quale erano diretti.

Se siamo convinti che Dio esiste solo quando la nostra vita è al top non abbiamo invece capito che il Signore resta con noi soprattutto quando si fa sera e sperimentiamo scoraggiamento e debolezza. In simili momenti basta accoglierlo sulla nostra barca e immediatamente ritroviamo la terra ferma, ritroviamo cioè un punto affidabile su cui ricominciare e andare avanti. Ecco perché un buon modo di affrontare le crisi non è chiudersi, ma pregare con più intensità. 

Tags:
dalvangelodioggimarepaurapreghiera
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni