Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

(ESCLUSIVA) Intervista a Charle, il miracolato di Charles de Foucauld 

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
CHARLE-MIRACLE-FOUCAULD-SAUMUR.jpg

APL / ALETEIA

Charle, 26 anni, il miracolato di Charles de Foucauld

Agnès Pinard Legry - pubblicato il 29/04/22

Carpentiere 26enne, Charle è il miracolato di Charles de Foucauld. Nel 2016 lavorava nella navata di una cappella a Saumur ed è caduto da un’altezza di 15 metri prima di finire impalato su una plancia, con un pezzo di legno a trapassargli il fianco. Uscitone totalmente indenne, il giovane (non credente) ha accettato che la Chiesa avviasse un procedimento di riconoscimento del miracolo. Per la prima volta dal giorno dell’incidente, ha raccontato quel che è accaduto.

Charle (senza “s”) non è il miracolato che uno potrebbe immaginarsi: scarpe da tennis, polo e barba da hipster… eppure questo carpentiere ventiseienne ha attratto l’attenzione della Chiesa per essere sopravvissuto da una caduta di una quindicina di metri, il 30 novembre 2016, mentre lavorava al restauro della cappella dell’Institution Saint-Louis (Saumur). 

Trafitto da un utensile e trasferito d’urgenza in ospedale, ne è uscito miracolosamente indenne. Miracolosamente… e nella fattispecie per l’intercessione di Charles de Foucauld. L’abbiamo incontrato. 

Agnès Pinard Legry: Che cosa è accaduto il 30 novembre 2016? 

Charle: Era stata una giornata come tante altre: avevo lavorato al restauro della navata della cappella presente all’interno dell’Institution Saint-Louis di Saumour, uno stabilimento scolastico. La mattinata era trascorsa normalmente. Alla fine del pomeriggio, però, quando sulle impalcature eravamo rimasti in due, ho messo un piede in fallo e sono caduto da una quindicina di metri, prima ritrovarmi infilzato sul piede di un bancale che si trovava girato. 

A. P.L.: A che cosa ha pensato, durante la caduta?

C.: Ho pensato soprattutto a proteggermi: non volevo rompermi le gambe e allora mi sono messo di fianco e ho cercato di proteggermi la testa. Ho chiuso gli occhi, poi li ho riaperti quando ero a metà del volo e quindi li ho richiusi. Arrivando al suolo, mi sono subito rialzato e non ho notato immediatamente che avevo un pezzo di legno in me, per quanto mi passasse da parte a parte per una quindicina di centimetri! 

A. P.L.: E poi che cosa è accaduto? 

C.: Non sono voluto passare dalla porta principale, perché la cappella dà sul cortile della scuola e non volevo traumatizzare i bambini. Allora ho preso una porta laterale, sulla destra, e ho chiesto a due professori di chiamare i soccorsi. È arrivato un elicottero, ma non ci sono potuto salire per via di quel pezzo di legno: è in ambulanza che sono arrivato all’ospedale di Angers, però in quel momento non ero più cosciente. 

801ede14-8e4e-4a0c-bd63-72a8fe4a6875MIRACLE-CHARLES-DE-FOUCAULD.jpeg

A. P.L.: Ha temuto per la sua vita? 

C.: La cosa strana è che sul momento non avevo realizzato quanto fossi stato fortunato. Ho minimizzato la cosa, come se mi fossi slogato la caviglia. Vedendo invece la reazione della gente, dopo, mentre passeggiavo nel corridoio dell’ospedale, ho cominciato a realizzare. E poi la reazione del mio chirurgo, dei miei cari e del mio datore di lavoro, che è ancora il mio capo e che è venuto a trovarmi in ospedale, mi hanno fatto capire che una caduta come quella era mortale. 

A. P.L.: Come ha reagito quando le hanno parlato di miracolo, di Charles de Foucauld, e poi anche della procedura da seguire perché quanto le è accaduto venisse riconosciuto come miracolo? 

C.: Io non conoscevo Charles de Foucauld, è stato François Asselin, il mio capo, che me ne ha parlato quando ero in ospedale. Mi ha passato un fumetto su di lui dicendomi che quanto mi era accaduto non era una sciocchezza, e che voleva che io scoprissi quel personaggio. 

Per quanto riguarda la procedura da seguire per vedere se quel che stavo passando potesse essere riconosciuto come un miracolo, non ho esitato: quando François Asselin è venuto a chiedermi se la cosa potesse interessarmi, spiegandomi che eventualmente la cosa sarebbe servita alla canonizzazione di Charles de Foucauld, mi sono detto “perché no? la cosa non mi dà fastidio”. Visto e considerato che non mi ero fatto niente, se questo fosse potuto servire a Charles de Foucauld, mi sono detto “e proviamoci”. 

A. P.L.: E questo non ha stupito i suoi cari, visto che lei non è credente? 

C.: Concretamente la cosa è partita all’inizio del 2018: siamo andati a trovare il mio medico, ed è stato mons. Ardura, il postulatore della causa presso la Santa Sede, che mi ha accompagnato. L’idea era quella di analizzare la caduta e valutarne le conseguenze. Siamo andati anche a sentire altri medici di Angers, e poi chirurghi e psichiatri. L’idea era veramente di studiare se quanto mi era capitato fosse scientificamente spiegabile o no. 

A. P.L.: Questo ha cambiato qualcosa del suo rapporto con Dio? 

C.: Non ero credente prima della mia caduta, e non lo sono neanche adesso. Mia madre un po’ lo è, mio padre no, e mia nonna sì. Sono stato in una scuola di religiosi alle elementari, ma non alle medie. E poi ero già entrato altre volte in chiesa, o per lavoro o per cose di famiglia tipo funerali… Mi ha fatto piacere conoscere meglio Charles de Foucauld, ma non mi sono poi legato molto alla sua figura. 

A. P.L.: C’è un prima e un dopo il miracolo? 

C.: Non direi. Ho fatto astrazione da tutto quanto è accaduto e sono tornato alla mia vita, al mio mestiere. 

A. P.L.: Insomma lei è un miracolato che non crede? 

C.: C’è sempre una parte di domanda, per forza di cose… però non mi definirei effettivamente un credente. Forse Charles de Foucauld mi ha aiutato a non riportare conseguenze, forse no… non lo so. In ogni caso, sono contento di aver potuto dare una mano, nel mio piccolo, per la sua canonizzazione. 

A. P.L.: Presenzierà alla canonizzazione di Charles de Foucauld, il prossimo 15 maggio? 

C.: Ma certo! Ci sarò con entrambi i miei genitori! 

A. P.L.: E che cosa si aspetta? 

C.: Di vivere un bel momento! Mi avevano detto che il riconoscimento di un miracolo poteva durare due anni come dieci, e quindi sono felice di potervi assistere. Magari sarà un’occasione per incontrare il Papa, per scoprire quell’ambiente religioso: Roma, il Vaticano, quello che succede… 

A. P.L.: Se avesse l’occasione di rivolgergli una parola [al Papa, N.d.R.], che cosa vorrebbe dirgli? 

C.: Non so davvero, penso che sarei sorpreso. Magari vorrei semplicemente parlarci un po’, e forse sarebbe lui ad avere delle domande! 

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio] 

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Tags:
canonizzazionecharles de foucauldintervistamiracolo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni