Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 25 Settembre |
San Cleofa
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Dai casinò alla “palla di fuoco” a Medjugorje: la conversione di Padre Henry 

Padre-Henry-Kowalczyk.png

Focolare della Madre Youtube

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 27/04/22

In occasione del secondo anniversario della morte di Padre Henry Kowalczyk, è uscito un documentario che ne racconta lo straordinario cambiamento (VIDEO)

La storia di Padre Henry Kowalczyk ha fatto il giro del mondo: la sua vita viziosa, sregolata, ha subito una svolta a Medjugorje. Non solo si è convertito, ma è anche diventato il padre spirituale di un gruppo di suore carmelitane, prima di volare in cielo prematuramente, a soli 55 anni. 

La storia del giovane Henry 

Eppure prima della sua conversione, Padre Henry aveva un solo sogno: «diventare milionario» prima di compiere i trent’anni. Per questo faceva speculazioni nella Borsa Valori di New York, e ci sapeva fare. La sua vita girava attorno alla musica rock, ai videogiochi e all’emozione dei casinò, sperando di ottenere il 777 e vincere il jackpot. 

Una voce dentro di sé

Ma, un giorno, un dito lo indicò dallo schermo della televisione, e una voce dal fondo disse: «Tu, sì, tu, ti sto parlando. Se non cambi la tua vita, amico mio, andrai all’inferno!*». Ruppe i suoi CD di musica, si tagliò i capelli lunghi, buttò via tutti i suoi videogiochi e iniziò a cambiare la sua vita.

cartel_soy_fuego_fin-1.jpg
“Sono fuoco”: è il nuovo documentario dedicato alla vita di Padre Henry.

Medjugorje: cosa è successo

Qualche tempo dopo, a Medjugorje, una “palla di fuoco” scoppiò nel suo petto. L’amore di Dio lo inondò e un nuovo sogno riempì il suo cuore: condividere con tutti quell’amore che gli bruciava nel petto. Conobbe i Servi del Focolare della Madre e comprese che quello era il posto che Gesù desiderava per lui. E si donò con tanta gioia, con tanta umiltà, con una simpatia travolgente. Tanto che nessuno al suo fianco poteva rimanere indifferente, sia che lo incontrasse in ospedale, dove spese le sue forze fisiche al servizio dei malati, o su un aereo, o sull’autobus, o ovunque.

Il “jackpot”

Vinse il suo “jackpot” il giorno della sua ordinazione sacerdotale. La data fu scelta quasi a caso, senza che coincidesse con alcuna celebrazione particolare, o con nulla di importante. Ma, all’improvviso, Padre Henry comprese: era il 7 del 7 del 2007: era il suo jackpot: 7-7-7. 

Le Carmelitane Scalze

In piena crisi del coronavirus una comunità di Carmelitane Scalze della località spagnola di Amposta (Tarragona, Spagna) rimase senza cure spirituali, essendo mancato il loro cappellano. Si avvicinava la Settimana Santa, i giorni più santi della nostra fede. Padre Henry si offrì «di recarsi lì e di trascorrere quel tempo liturgico con loro», assumendo tutti i rischi, pur di potersi prendere cura delle loro necessità spirituali. Le Carmelitane ricordano che «era felice e nelle omelie, in quei giorni, parlava del Cielo». 

Il 15 aprile 2020, a soli 55 anni, ebbe un attacco epilettico e cadde sbattendo con forza la testa, cosa che gli provocò la morte.

Il documentario 

Dopo aver già lanciato la pagina web ufficiale di Padre Henry, in occasione del secondo anniversario della morte del sacerdote, è stato pubblicato il documentario “Sono fuoco: La vita di P. Henry”. Una docu-storia che ci permetterà di conoscere con maggiore profondità questo sacerdote dal cuore ardente e dal sorriso da bambino.

Tags:
conversionedocumentariomedjugorje
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni