Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 22 Maggio |
Santa Rita da Cascia
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Smartphone sempre scarico? Ecco qualche trucco per far durare di più la batteria

SMARTPHONE CHARGING

Schankz I Shutterstock

Umberto Macchi - pubblicato il 26/04/22

5 consigli pratici e di immediata applicazione per arrivare a fine giornata senza stare sempre a cercare una presa per il telefono

Un po’ feticcio, un po’ assistente quotidiano, lo smartphone ci accompagna nella vita contemporanea ogni giorno, dalla sveglia del mattino alla prima mail, dalle chiamate alle foto scattate, dal navigare sul web all’invio di messaggi, ormai con lo smartphone facciamo tutto. Secondo un recente studio, pare che in media passiamo al telefono circa 5/6 ore al giorno, e il principale problema di noi telefono-dipendenti è la batteria: se si esaurisce, e non abbiamo modo di ricaricarla, andiamo nel panico perché ci sentiamo catapultati fuori dal mondo. Nonostante i processori che oggi lavorano sull’efficienza energetica e l’intelligenza artificiale che monitora gli sprechi, è molto difficile che il nostro telefono sia ancora in “verde” la sera, dopo una giornata di utilizzo. Ecco allora qualche dritta per allungare la vita della nostra batteria.

1. La luminosità dello schermo

Un alto livello di luminosità dello schermo consuma batteria in eccesso. Sempre meglio usare l’auto-brightness, che ne regola automaticamente l’intensità. E ancora più intelligente è sfruttare quelle funzionalità che tarano la luminosità dello schermo in base al momento della giornata e limitano i toni del blu. Apple, per esempio, ha creato “NightShift”, mentre Android ha la “Luminosità adattiva”. Inoltre è utile intervenire sulla funzione “Timeout” o “Sleep” e settare il tempo per cui lo schermo rimane acceso una volta che abbiamo smesso di usarlo. Trenta secondi sono più che sufficienti.

2. Attenti alle app

Le app dei social sono quelle che consumano più batteria. Per monitorare ciò che più sta sfruttando energia ci sono ormai in quasi tutti gli smartphone degli strumenti nelle impostazioni. Negli iPhone, per esempio, è stata introdotta alla voce “Batteria” un controllo dei livelli di ricarica e delle attività giornaliere. Così come un conteggio delle ore con schermo attivo e schermo spento e l’utilizzo di batteria per ogni applicazione. Android invece ha installato la funzionalità “Batteria”, dove poter monitorare l’utilizzo delle varie app e delle componenti hardware. Android 9 ha la funzione “Batteria adattiva”, che regola automaticamente il consumo in base alle app che usiamo più frequentemente. App gratuite e giochi, inoltre, sprecano traffico dati ed energia. Spesso, infatti, per sopravvivere economicamente inseriscono banner pubblicitari animati, pop-up e brevi video che si è obbligati a guardare. E le batterie ne risentono. Per quanto riguarda invece i servizi di video streaming, va da sé: più filmati si guardano da smartphone, più si riduce la sopravvivenza della batteria.

3. Troppe notifiche

Le notifiche sul telefono ci ossessionano, eppure, vi assicuro, possiamo farne a meno e possiamo gestirle, perché non si tratta di un automatismo delle applicazioni. Dovremmo attivarle solo quando davvero utili, altrimenti sprecano batteria. Il sistema, infatti, per accorgersi di qualcosa di nuovo, rimane continuamente in funzione e consuma energia. Stessa cosa per la localizzazione (meglio decidere per quali app tenerla sempre attiva e per quali si può accendere manualmente) e per il controllo delle mail.

4. Dati cellulare e wifi

Meglio disattivare la Rete dati quando ci si attacca a un wifi e, viceversa, spegnere il collegamento al router se si naviga con rete cellulare. Soprattutto quando il segnale è distante e il cellulare è costretto a uno sforzo inutile nel cercare di prendere la linea. Spesso ci dimentichiamo acceso anche il Bluetooth: spegniamolo, brucia carica per niente.

5. Suoneria o vibrazione?

Se la vibrazione ci fa essere meno fastidiosi e invadenti nei posti pubblici e sembrare più educati, è anche vero che consuma più batteria della suoneria. La soluzione migliore è disattivare qualsiasi alert per le notifiche che non consideriamo importanti e tenere la suoneria molto bassa per le altre, per attivare la vibrazione proprio in situazioni indispensabili.

Ma sarà vero?

Sul tema batterie e preservazione batterie ci sono anche dei falsi miti. Per esempio, in molti perdono tempo a chiudere tutte le applicazioni aperte sullo smartphone, ma è un’operazione piuttosto inutile su questo fronte: un’app continua a lavorare in background anche se la facciamo sparire dal menu del multitasking. Non serve a niente neanche disabilitare gli assistenti virtuali come Siri. Come non è consigliabile far spegnere il telefono prima di ricaricarlo: meglio intervenire attaccandolo a un cavo quando il livello di carica raggiunge il 20/15 per cento.

Tags:
smartphone
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni