Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 21 Aprile |
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Dalla croce guardiamo il mondo come un figlio in braccio a suo padre

PADRE, FIGLIO, SPALLE

NadyaEugene | Shutterstock

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 25/04/22

Salendo in Croce Gesù ci ha offerto un punto di vista nuovo sul mondo, quello di chi si solleva da terra e giudica ogni cosa attraverso il Suo amore.

Vangelo di martedì 26 aprile

«Non ti meravigliare se t’ho detto: dovete rinascere dall’alto.  Il vento soffia dove vuole e ne senti la voce, ma non sai di dove viene e dove va: così è di chiunque è nato dallo Spirito». Replicò Nicodèmo: «Come può accadere questo?». Gli rispose Gesù: «Tu sei maestro in Israele e non sai queste cose? In verità, in verità ti dico, noi parliamo di quel che sappiamo e testimoniamo quel che abbiamo veduto; ma voi non accogliete la nostra testimonianza. Se vi ho parlato di cose della terra e non credete, come crederete se vi parlerò di cose del cielo? Eppure nessuno è mai salito al cielo, fuorché il Figlio dell’uomo che è disceso dal cielo. E come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna».

(Giovanni 3,7-15)

Se un bambino viene preso in braccio e contempla il paesaggio dalle spalle del padre, da quel momento in poi la sua visione delle cose cambia perché gli è stato donato un altro punto di vista che non poteva darsi da solo. È questo il senso del discorso che Gesù fa a Nicodemo:

Non ti meravigliare se t’ho detto: dovete rinascere dall’alto. Il vento soffia dove vuole e ne senti la voce, ma non sai di dove viene e dove va: così è di chiunque è nato dallo Spirito.

Il cambiamento che opera la fede è esattamente ciò che non possiamo darci da soli. Ecco perché Nicodemo non riesce a comprendere il discorso di Gesù, perché ragiona solo dal basso, dalla sua prospettiva, dalle sue sole forze. Gesù sale in croce perché venga donata a ognuno di noi una prospettiva nuova della vita.

Un cristiano impara a guardare la realtà a partire dallo sguardo di Gesù. È molto diverso guardare le cose con amore, e guardare le cose con giudizio. Gesù guarda ciascuno di noi con amore, e vuole contaminarci con questa visione nuova del reale che viene proprio dalla sua testimonianza.

Crescere nella vita spirituale significa crescere nella capacità di saper avere lo sguardo di Cristo su ogni cosa.

Tags:
amore di diocrocedalvangelodioggipadre
Top 10
See More