Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 30 Settembre |
San Girolamo
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Le parole di Gesù risorto e gli angeli

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
christ angels

Svetlana Vorotniak | Shutterstock

Fernando Cárdenas Lee, Foyer de Charite - pubblicato il 23/04/22

Gli angeli ci invitano ad aprire i nostri sensi a una realtà che trascende ciò che è meramente sensibile

Nel corso della Settimana Santa, forse abbiamo meditato sulle 7 parole di Nostro Signore sulla Croce.

Senza cadere nella superstizione, il 7 è il numero della perfezione: Dio riposa il settimo giorno dopo l’opera creatrice, 7 sono le parole della Madonna raccolte dai Vangeli, 7 le parole di Gesù dalla Croce, 7 le Sue parole dalla resurrezione all’Ascensione.

Meditiamo un po’ su queste parole che Nostro Signore pronuncia dopo la Sua resurrezione e sul rapporto con i santi angeli:

1 “La pace sia con voi” (Gv 20, 21)

Questa prima frase che Gesù pronuncia è qualcosa di più di un saluto formale o comune che si facevano gli Ebrei. È una pace che, per il fatto della resurrezione, acquisisce un nuovo significato.

Proprio questa novità viene dal messaggio annunciato dagli angeli alle donne:

“Voi, non temete; perché io so che cercate Gesù, che è stato crocifisso. Egli non è qui, perché è risuscitato”.

Mt 28, 5-6

Il messaggio centrale della nostra fede, la resurrezione di Gesù, viene annunciato da alcuni angeli, messaggeri di parole difficili da intendere per le donne, che dicono semplicemente che “il sepolcro è vuoto”.

L’annuncio della resurrezione ha quindi origine in Dio, e Dio affida ai santi angeli il fatto di essere messaggeri di questa grande novità.

In questo modo rafforza la nostra fede, perché senza la fede nella resurrezione questa perde il suo “colore”, e anche la testimonianza dei cristiani perderà allegria e forza.

Dall’evento della resurrezione, annunciato dai messaggeri di Dio, il saluto di pace di Gesù acquista nuovi significati.

La pace è un dono che viene da Gesù risorto. Gesù è il principe della pace. Egli è la nostra pace. Da Lui deriva qualsiasi pace vera e autentica nel mondo e nel nostro cuore.

La pace che dà il risorto fa superare la paura.

Secondo Sant’Agostino, nel cuore dell’uomo c’è un desiderio di vedere l’altro e di essere visto con uno sguardo pieno d’amore, e questo porta pace.

Quante foto e immagini sulle reti sociali che non fanno altro che gridare “Guardami!”, e quanti sguardi senza amore su quelle immagini!

Gesù risorto ci vede con un amore che dà pace al nostro cuore. Sant’Agostino scrive: “Quanto più amichevolmente infatti ti vedrà Colui che ti premierà se sarai degno, egli che ti ha guardato con occhio di misericordia per chiamarti quando eri indegno? (…) Prepàrati a vedere nel cielo Colui dal quale sei stato veduto grazie alla misericordia”.

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
angeligesùresurrezione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni