Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 19 Maggio |
San Crispino da Viterbo
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Zelensky: niente tregua di Pasqua, Mosca non vuole

WEB3-PUTIN-POPE-FRANCIS-Zelensky.jpg

Shutterstock | Aleteia | Shutterstock

Lucandrea Massaro - pubblicato il 22/04/22

Secondo il Presidente dell'Ucraina: "la Russia ha respinto la proposta di stabilire una tregua per la Pasqua" ortodossa che si celebra domenica 24 aprile

Nonostante gli appelli dell’ONU e ancor prima di Papa Francesco perché durante la solennità della Pasqua ortodossa (che si celebra questa domenica) potesse essere un momento di tregua dai combattimenti, si continuerà a sparare. A dirlo è  il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha fatto sapere che “la Russia ha respinto la proposta di stabilire una tregua per la Pasqua”.

Una Russia sempre meno credibile come “cristiana”?

“Questo – ha detto Zelensky in un video messaggio – dimostra quanto i leader di questo Stato tengano in considerazione la fede cristiana. Manteniamo comunque la nostra speranza. La speranza per la pace e che la vita vinca la morte”.

Swiss Info

Mentre la Russia ha conquistato Mariupol (la città di Maria) grazie alle milizie cecene islamiche – famigerate per la ferocia – e si combatte ormai da cinquantotto giorni le speranze di almeno un breve cessate il fuoco si affievoliscono sempre di più.

Nel frattempo il presidente Zelensky sostiene che a ben 120mila civili sia stato impedito di evacuare la città mentre a detta del sindaco di Mariupol, Vadym Boichenko, “solo il presidente russo può decidere il destino dei residenti” (Avvenire).

Si allarga la distanza tra ortodossi russi e cattolici

Questa speranza disattesa si aggiunge al peso complessivo della situazione e al momento più basso nei rapporti tra Patriarcato Russo e Chiesa di Roma, specialmente dopo che Kirill aveva benedetto solennemente le truppe russe in una cerimonia poche settimane fa, dando una parvenza di “guerra santa” e dunque moralmente giusta, all’aggressione russa in Ucraina. Anche per questo lo spazio di un incontro – voluto opportunisticamente da Kirill – tra il Patriarca di Mosca e il Papa si è ristretto fino a sostanzialmente sparire.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni