Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 07 Ottobre |
BVM “Regina delle vittorie”
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Meereb, rapita e violentata per forzarla alla conversione: è scappata

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
RAGAZZA, PAKISTAN, VELO

Rawpixel.com | Shutterstock

Annalisa Teggi - pubblicato il 21/04/22

Pakistan: una ragazza di 16 anni, cristiana, si è salvata dall'aguzzino che l'ha struprata per forzarla al matrimonio e alla conversione. Come lei ogni anno 2000 giovani donne vengono perseguitate.

Pakistan, a 16 anni scappa dalla conversione forzata

Sono poche e scarne le notizie su Meereb Mohsin, una 16enne cristiana del Pakistan rapita e violentata per essere costretta alla conversione attraverso un matrimonio forzato con un musulmano.

È una sedicenne l’ultima giovane cristiana vittima di rapimento e abusi in Pakistan. Secondo la sua testimonianza e le prime indagini, Meerab Mohsin sarebbe stata sequestrata e stuprata dal musulmano Noman Abbas a Orangi, area che all’interno della metropoli meridionale di Karachi include il maggiore slum dell’Asia. Scopo era anche la conversione, essenziale per il riconoscimento del matrimonio da parte delle autorità religiose.

Da Avvenire

Quel poco che si sa lo ha diffuso Acs, Aiuto alla Chiesa che soffre, insieme a una foto in cui si vede la ragazzina avvolta in un abito dai colori vivaci e affiancata dalla madre e dall’avvocatessa Tabassum Yousaf. Possiamo vederla perché Meereb, chissà come e con quali forze, si è liberata dal suo aguzzino. È scappata, e ora il suo caso è stato presentato all’Alta Corte di Karachi, facendo leva sulla legge che impedisce i matrimoni al di sotto dei 18 anni.

E la distanza geografica dal Pakistan si somma a quella che percepiamo abissale in tema di diritti, pensando che di fronte a un caso (leggi: uno dei troppi casi) di rapimento e violenza sessuale su una minorenne si possa – per ora, ed è già un grande passo – appellarsi alla giustizia solo in merito al tema di un matrimonio non lecito per la minore età della ‘sposa’.

Oggi all’orrore si affianca il sollievo, perché Meereb si è liberata. Ma ACS ricorda:

i reati di questo tipo, perpetrati ai danni di donne e ragazze delle minoranze, a cominciare da quella cristiana, sono stimati in circa 2.000 l’anno.

L’aggressore: noto e recidivo

L’uomo che ha rapito e poi violentato Meereb ha un nome e cognome: Noman Abbas. Si sa anche che non è nuovo a questo genere di crimine. Aveva già rapito due ragazze della provincia del Punjab costringendole a subire ripetuti strupri. Le aveva poi vendute dopo essere state obbligate a sposarlo.

Più volte, raccontando casi simili e raccapriccianti di altre ragazze, ci siamo imbattuti nell’evidenza che questo genere di aggressori è protetto dal sistema legale pakistano, troppo spesso ancora connivente con la prassi di conversioni forzate nei confronti delle minoranze, quella cristiana in primis. Oltre alle violenze, e magari al dolore di un lutto, la famiglia della vittima è costretta a subire le angherie neanche troppo nascoste dei presunti tutori della legge che affossano la verità dietro le maschere degli inciampi burocratici o, addirittura, sviando le indagini.

Ma questa volta l’affronto più grande l’ha fatto Meereb: si è liberata. Come sarà riuscita a scappare a un aguzzino così esperto di soprusi su vittime deboli? Deboli poi? Quei colori vivaci indossati da Meereb in tribunale non esibiscono la spavalda audacia di certo femminismo occidentale. Sono l’evidenziatore di una presenza.

RAGAZZA, PAKISTANA, VELO

Immagino che dia fastidio a molti guardare questa povera ragazzina viva e libera. Doveva essere solo un oggetto inerte da martoriare, invece è sfuggita alle grinfie di un predatore esperto e padrone del suo territorio.

E quei colori del suo abito sono, forse, anche un grido per altre sue sorelle di pena, storie di cui a noi neppure arriva l’eco.

E non tutte le storie sono a lieto fine. Nel novembre del 2020 una giovane cristiana di nome Sonia è stata uccisa per aver rifiutato le avances di un uomo musulmano. Qualche mese prima, sempre a Karachi, nel quartiere di Eissa Nagri, dove la maggior parte della popolazione è di fede cristiana, una bimba di cinque anni è stata rapita, violentata e uccisa. L’assassino ha poi dato fuoco al corpicino senza vita abbandonandolo in una discarica.

Ha fatto scalpore anche il caso di Raja Arzoo, 13enne rapita e costretta a rinnegare il cristianesimo per andare in sposa ad un uomo musulmano di 44 anni. Come se non bastasse, il matrimonio forzato è stato anche convalidato dal tribunale locale. I giudici, infatti, accolsero la versione del rapitore e cioè che Raja, poi diventata Fatima, si fosse convertita di sua spontanea volontà.

Da Il Giornale

Una donna ‘fastidiosa’ in tribunale

Non è un nome nuovo per i lettori di Aleteia, quello dell’avvocatessa cristiana Tabassum Yousaf. Quando abbiamo trattato altri casi di conversioni forzate in Pakistan, era sua la voce che difendeva le vittime. Oggi è al fianco di Meereb, si occuperà di seguire il suo caso presso l’Alta Corte di Karachi dove lavora da anni. Nella fossa dei leoni, verrebbe da dire.

O forse è meglio rovesciare l’immagine: l’avvocato Yousaf è una vera spina nel fianco nei tribunali pakistani. 40 anni e madre di due figli, ha deciso di dedicare il suo impegno nella difesa dei cristiani perseguitati, scardinando il sistema dall’interno un pezzo per volta. Nasce da lei la legge attualmente in vigore che vieta i matrimoni al di sotto dei 18 anni.

La povertà e la mancanza di istruzione permettono ai fondamentalisti islamici di abusare dei loro poteri sociali, economici e religiosi per perseguitare i cristiani. E la magistratura subisce forti pressioni anche dalla politica. […] Nel 2007 conobbi la Comunità di Sant’Egidio a Karachi e, come volontaria, toccai con mano la povertà – ha raccontato. Ma la svolta venne con gli studi di legge – Capii quanto siano vulnerabili le donne nel mio Paese: troppi casi di violenza domestica, di palesi ingiustizie, di emarginazione sociale. Ed eccomi qui.

Da Mondo e missione

Eccomi qui, è la risposta del cristiano. Stare al proprio posto, essere il sale della propria terra pare un compito misero alle nostre latitudini, quasi la resa a una comoda invisibilità. Evidentemente non ci è chiaro il senso di questo presidio. Che non manchi nella mia terra il mio granello di sale, è la testimonianza dei perseguitati.

E lì dove è sparso il sale deve sciogliersi, infilarsi nelle pieghe della terra – che può voler dire disfarsi fino a dare la vita, ma anche entrare nel tessuto vivo, presidiare tribunali, governi, scuole.

Se un membro soffre…

Conosciamo bene il passo della lettera ai Corinzi di San Paolo,

Se un membro soffre, tutte le membra soffrono insieme.

Il più delle volte ho ridotto questa frase a uno sforzo di immedesimazione psicologica. Un’empatia indotta, con sincera ma astratta contrizione. Oggi guardo questo tragico episodio di persecuzione che arriva dal Pakistan alla luce di un mia piccola angoscia personale. Ne ero ignara, ma negli stessi giorni in cui io portavo un piccolo peso, Meereb pativa una pena grande. Trovandomi a pregare la sera con voce un po’ più nuda del solito, ho provato un’enorme consolazione nel sentire che ero parte di una compagnia di membra ferite. Probabilmente il frutto della preghiera è stato quello ribaltare i termini della questione, per come li ponevo io.

WOMAN,STANDING IN THE DARK

Le altre membra soffrono insieme, è l’opposto di ciò che il mondo chiama ‘altruismo’. Cristo ci ha insegnato a guardare le piaghe che feriscono l’umano come parte del travaglio comune del mondo. Unendo i nostri segmenti al vertice che è Lui, siamo corpo ora. “Compio ciò che manca ai patimenti di Cristo” lo diciamo in coro anche quando la pena è personale.

Ciò che disintegra la tentazione della disperazione, è la certezza di essere compagnia già nell’ora del dolore. E non solo nonostante il dolore, oppure oltre il dolore. Meereb non era sola nei momenti di paura e sofferenza più atroci. Così come io, nel mio ben più piccolo patire, non mi sono sentita sola.

C’è uno stupore grande nell’accorgersi che siamo, anche quando il travaglio è personale.

Quella frase di San Paolo mi pare sia la via d’uscita dall’isolamento disperante che può ingabbiarci quando soffriamo. Il cristianesimo spazza via la solitudine da ogni frammento anche buio e nascosto di vita. Ne parlammo anche quando si diceva che i malati del Covid morivano soli negli ospedali. Il calvario di Gesù ci permette di riconoscere che siamo membra che soffrono, anche quando ci verrebbe la tentazione di dire semplicemente: sto soffrendo.

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Tags:
pakistanpersecuzione cristianiragazzaviolenza contro le donne
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni