Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 29 Novembre |
San Vincenzo Romano
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Estremisti induisti vogliono proibire i cappellani cattolici nelle prigioni dell’India

INDIA

DIPTENDU DUTTA / AFP

Francisco Vêneto - pubblicato il 16/04/22

Un vescovo: “Se i predicatori induisti sono autorizzati a visitare i detenuti induisti, perché sarebbe sbagliato che i predicatori cristiani visitino i detenuti cristiani?”

Gli estremisti induisti vogliono proibire la presenza dei cappellani cattolici nelle prigioni dell’India, soprattutto nello Stato del Karnataka, nel Sud del Paese, sostenendo che le visite dei sacerdoti nelle carceri rappresentano proselitismo religioso.

Tra i gruppi principali che sostengono il divieto c’è il partito politico radicale induista Vishwa Hindu Parishad (VHP).

La pressione per il divieto alle visite dei cappellani si è intensificato dopo che un rappresentante induista ha trovato una Bibbia durante uma visita a un carcere. I radicali affermano che la distribuzione di testi religiosi non induisti è illegale, facendosi scudo del fatto che il Karnataka proibisce le conversioni forzate.

Lo Stato è governato da radicali induisti dal 2014, e sotto la loro gestione l’intolleranza anticristiana è aumentata notavelmente. Ad esempio, è cresciuto il numero di accuse fraudolente contro i cristiani per la presunta promozione di conversioni forzate. La pena per chi è condannato per questo crimine varia tra multe e detenzione.

L’arcivescovo di Bangalore, dal canto suo, denuncia che le accuse degli estremisti induisti sono caratterizzate da due pesi e due misure.

“Se i predicatori induisti sono autorizzati a visitare i detenuti induisti, perché sarebbbe sbagliato che i predicatori cristiani visitino i detenuti cristiani?”, chiede monsignor Peter Machado.

Per quanto riguarda le accuse frequenti contro i cristiani perché costringerebbero gli induisti a convertirsi, il presule afferma: “Se ci sono prove di conversioni forzate o fraudolente, si agisca secondo la legge, prove alla mano”.

Tags:
carceriindiaproselitismoradicalivescovo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni