Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 07 Ottobre |
BVM “Regina delle vittorie”
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

La lettera di un bambino ucraino alla mamma morta: “Ci vedremo in paradiso”

MAMMA, FIGLIO, BAMBINO,

Lopolo | Shutterstock

Silvia Lucchetti - pubblicato il 11/04/22

Anatoly e sua mamma Galyna fuggivano insieme in macchina dalla città di Homostel quando sono stati attaccati. Lei è morta, lui è stato messo in salvo. In una lettera le scrive: "Spero che tu sia felice in cielo"

Ieri sera, dopo aver messo i figli a dormire, ho passato il cellulare a mio marito e gli ho detto indicando con il dito: “leggi”. Era la lettera che Anatoly, un bambino ucraino, ha scritto alla sua mamma uccisa mentre tentava di fuggire da Hostomel, pochi chilometri a nord di Kiev. (Corriere

La lettera di Anatoly alla mamma morta mentre fuggivano dalla guerra

Quando i militari russi hanno aperto il fuoco sulla loro macchina purtroppo per la donna, si chiamava Galyna, non c’è stato scampo. Mentre Anatoly, soprannominato Tolya, è stato soccorso e portato in salvo. Nella tragedia almeno una buona notizia. La mamma avrà espresso in quei momenti concitati e pieni di paura un’unica preghiera: ti supplico prendi me, salva lui.

La lettera che Anatoly ha scritto a sua madre mi ha stupito per la profondità. Solo i piccoli sanno andare così sinceramente al punto, centrano il bersaglio in maniera sorprendente.

La speranza e la certezza di Anatoly

Poche parole, quelle necessarie, che ci ricordano che esiste il Paradiso, che incontreremo i nostri cari lì, che l’amore vissuto e donato non finisce ma lo ritroveremo intatto e compiuto nella vita eterna, libero dalle catene del male e del peccato.

La calligrafia precisa e ben delineata, nessuna correzione, tanti punti esclamativi. Chissà in questi 9 anni insieme quanti lavoretti, disegni, biglietti, avrà confezionato Anatoly per la sua mamma. Opere d’arte buffe, comiche, commoventi. E poi questa lettera che sembra un addio ma non lo è.

La lettera di Anatoly: “Ci vedremo in Paradiso”

Cara mamma, questa lettera è un regalo per te per l’8 marzo. Se pensi che io sia cresciuto invano ti sbagli. Penso che questi 9 anni siano stati i migliori della mia vita. Ti sono molto grato per la mia infanzia. Sei la madre migliore del mondo e io non ti scorderò mai. Spero che tu sia felice in cielo e spero che tu vada in paradiso. Ci vedremo in paradiso. Proverò a fare il bravo bambino per venire in paradiso da te. Baci.

La Pasqua nel cuore

Un testo senza disegni, ma le frasi è come se ne tratteggiassero uno. Perché in lui, seppur nella sofferenza della morte, rimane viva una speranza, anzi, una certezza: la morte non è la fine perché c’è il cielo! Questo è avere la Pasqua nel cuore.

Come ha detto una volta Chiara Bertoglio (pianista e scrittrice):

Ci vuole un animo da bambino per credere alla risurrezione.

La mia Domenica delle Palme

Dopo aver letto queste parole, scritte a mano su un’agendina, ho ripercorso nella mente la Domenica delle Palme vissuta con la mia famiglia: processione e celebrazione eucaristica all’aperto, i ramoscelli d’ulivo, il pranzo dai nonni, il pomeriggio al parco accanto alla Basilica di San Giovanni in Laterano.

Poi ho ricordato un particolare. La mattina a colazione la nostra primogenita aveva raccontato: “Papà lo sai che ho sognato due farfalle viola e un po’ rosse, mamma correva e ne prendeva una”.

Farfalle

Che anche Anatoly possa presto dimenticare l’incubo della guerra e sognare tante farfalle colorate, e la sua mamma che le rincorre per acciuffarne al volo una!

Tags:
bambinoletteramammaucraina
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni