Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 29 Novembre |
San Vincenzo Romano
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Bucha: “Ho riconosciuto mio marito dalle scarpe. Il corpo è stato mutilato”

Masowy grób, Bucza

AP/Associated Press/East News

Dominika Cicha - pubblicato il 08/04/22

I Russi hanno perpetrato un omicidio di massa degli abitanti di Bucha: “I civili sono stati sottoposti a esecuzioni arbitrarie, alcuni con le mani legate dietro la schiena, e i corpi sono stati sparsi per le vie della città”. Foto terribili sono apparse sui media

“Sono stati cinque giorni, dieci, poi tredici. Stavo cercando mio marito. Un giorno la mia vicina mi ha detto di guardare nel seminterrato, perché dentro c’erano due corpi. Mi ha detto che mio marito poteva essere lì. Quando sono scesa, l’ho riconosciuto dalle scarpe e dai pantaloni. Il corpo era freddo. Aveva una ferita da pallottola alla testa. Il corpo era stato mutilato. Si può vedere che è stato torturato. L’ho sepolto a un metro di profondità perché i cani non lo mangiassero. Questo è tutto”. È la testimonianza di un’abitante di Bucha, in un video diffuso da TVN 24.

Come hanno scoperto i soldati ucraini, sono centinaia le tragedie di questo tipo che si sono verificate in questa città, situata a nord di Kiev.

“Nuova Srebrenica. La città ucraina di Bucha è stata nelle mani dei bastardi russi per varie settimane. I civili locali sono stati sottoposti a esecuzioni arbitrarie, alcuni con le mani legate dietro la schiena, i corpi sparsi per le vie della città”, ha reso noto il Ministero della Difesa.

Si è anche deciso di rendere pubblica la registrazione in cui si vedono i corpi dei civili gettati a terra.

ATTENZIONE: Il video contiene immagini che potrebbero ferire la vostra sensibilità!

Vicino alla chiesa di Sant’Andrea e di Tutti i Santi, è stata scoperta una fossa comune lunga 14 metri. Probabilmente vi sono stati sepolti circa 300 civili assassinati dai Russi. Ecco delle foto satellitari del luogo, realizzate il 31 marzo dall’impresa Maxar:

Secondo l’agenzia stampa polacca PAP, “lo scrittore e giornalista ucraino Stanisław Asiejew ha valutato che l’ubicazione dei corpi, uno di fronte a ogni edificio, suggerisce esecuzioni sistematiche di uomini di ogni casa. A suo avviso, i Russi hanno agito in questo modo anche in Cecenia”.

Il Presidente sul massacro di Bucha

In una registrazione di domenica, il Presidente ucraino Zelensky si è riferito ai fatti di Bucha:

“Centinaia di persone assassinate, torturate, civili fucilati… Corpi nelle strade, terreno minato, perfino i corpi dei defunti sono minati. Gli effetti del saccheggio sono visibili ovunque… La malvagità si è concentrata sulla nostra terra: assassini, aguzzini, violentatori, saccheggiatori che si fanno chiamare esercito (…)

Vorrei che tutte le madri dei soldati russi vedessero i corpi dei morti di Bucha, Irpin, Hostomel. Cos’hanno fatto, perché sono stati uccisi? Cos’ha fatto l’uomo che andava in bicicletta per strada? Perché hanno torturato della gente comune fino alla morte in una città comune? Perché strangolavano le donne dopo aver strappato loro gli orecchini? Com’era possibile violentare le donne e ucciderle di fronte ai loro figli? Usare i loro corpi anche dopo la morte? Perché hanno schiacciato i corpi con i carri armati? Cos’ha fatto la città ucraina di Bucha alla Russia?”

Secondo quanto rende noto la web di notizie polaccaRMF24.pl, il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, nega categoricamente le informazioni sul massacro a Bucha. “I nostri esperti dicono che la pellicola è stata falsificata. Neghiamo decisamente qualsiasi accusa. La situazione è senz’altro grave, ma chiediamo a tutti i leader internazionali di non affrettarsi a rilasciare dichiarazioni e ad avanzare accuse infondate, a consultare altre fonti e ad ascoltare le nostre spiegazioni”.

Tags:
buchaguerrastrageucraina
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni