Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 22 Maggio |
Santa Rita da Cascia
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Voleva suicidarsi, ma Dio le ha mandato il segno che sperava di ricevere

MEXICO

Leonel Guizar-Arquidiócesis Primada de México

Jaime Septién - pubblicato il 07/04/22

Dopo una dura lotta con se stessa, Rosa María aveva deciso di togliersi la vita. Stava per realizzare il suo proposito perché non aveva ricevuto “il segno da parte di Dio”, ma poi...

Quante volte capita che chiediamo un segno a Dio, ce lo dà e non sappiamo riconoscerlo? O non vogliamo sapere nulla di quello che avevamo chiesto con forza? Non è stato il caso di Rosa María, una donna dalle scarse risorse che vive nelle vicinanze della parrocchia del Preziosissimo Sangue di Cristo a Città del Messico.

La sua storia è stata raccontata da Vladimir Alcántara per il settimanaleDesde la Fe, dell’arcidiocesi primate del Messico. Tutto è iniziato nel 2013, quando Rosa María ha iniziato a soffrire per un processo avanzato di artrite reumatoide che complicava molto la vita a lei, al marito José Desiderio e alla figlia Sandra.

Allettata, dipendeva da loro per qualsiasi movimento. L’infiammazione alle articolazioni e il dolore non le permettevano di fare assolutamente nulla. Il 20 dicembre 2015 suo marito è morto, e Sandra, la figlia, ha dovuto sforzarsi al massimo per guadagnarsi da vivere in un contesto complicato come quello di Città del Messico.

I pensieri suicidi hanno iniziato a invadere Rosa María in modo ricorrente. Pensava che in quel modo avrebbe potuto alleviare sia il suo dolore che le difficoltà quotidiane che affrontava Sandra. Con la stessa insistenza, chiedeva però un segno per decidere di affrontare la vita come Dio voleva che fosse per lei.

Alla fine, dopo una dura lotta con se stessa, Rosa María aveva deciso di togliersi la vita. Stava per realizzare il suo proposito perché non aveva ricevuto “il segno da parte di Dio”. Guardandosi nella sua miseria, nel dolore e nella disperazione, all’improvviso ha sentito la voce di sua figlia che tornava a casa: “Mamma, sono incinta!”

  • 1
  • 2
Tags:
segnisuicidio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni