Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 25 Settembre |
San Cleofa
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Sentire con la mente, pensare con le emozioni

TESTA, DONNA, LUCE

Max4e Photo|Shutterstock

Paola Belletti - pubblicato il 07/04/22

L'importanza dell'intelligenza emotiva nelle relazioni: con sé stessi e con gli altri. E se valesse anche tra intere nazioni?

Sul nuovo numero di BenEssere è proposto un interessante contributo sul tema dell’intelligenza emotiva, quella “scoperta” da Daniel Goleman, per intendersi. Ma, come succede con altre importanti invenzioni umane, prima che vengano assimilate e assorbite, occorre tempo.

Il successo dell’autore è indizio dell’importanza delle emozioni e di come esse influiscano sulle nostre decisioni più di quanto sospettiamo.

Pensare con…le proprie menti

L’autore spiega quanto siamo costantemente influenzati da due menti: una che pensa, l’altra che sente. Mentre la prima è al centro dell’attenzione da sempre, la seconda è stata considerata solo di recente, ossia da quando alcuni studiosi hanno incominciato a considerare le emozioni quali componenti fondamentali dell’esistenza di tutti giorni, non più dunque futili reazioni irrazionali da nascondere o mitigare.

In quest’ottica Goleman ha introdotto il concetto di “competenza emotiva”, fondamentale per conoscere di più il nostro comportamento e quello altrui.

BenEssere, Aprile 2022

Ma se per istruire la mente razionale sappiamo (o crediamo di sapere) come si fa, quali sono le scuole e gli allenatori per istruire e irrobustire quella emotiva?

La competenza emotiva si può misurare

L’intelligenza emotiva è talmente reale che si può misurare in base alle competenze che genera: posso dirmi “emotivamente intelligente” se so capire e gestire le mie emozioni e anche decifrare e rispettare quelle altrui.

Ho un buon livello di competenza emotiva se sono stabilmente in grado di armonizzare questo flusso in ingresso e in uscita senza permettere che gli altri saccheggino il mio ambiente interno né che io approfitti di quello esterno a me.

Le capacità che la compongono

L’esito generale, sintetico del quoziente emotivo è il possesso stabile di “abilità pratiche necessarie all’autoefficacia”

che permettono cioè di comprendere e monitorare tutte le sensazioni in gioco nelle interazioni sociali. La competenza emotiva è articolata in:

Consapevolezza di sé, percepisco quello che provo, senza filtri, e ho chiari i miei

Dominio di sé, gestisco le mie emozioni in vista dell’obiettivo stabilito;

Motivazione, perché io o l’altro agisce? Qual è il bene reale?

Empatia, stabilisco una connessione profonda con il prossimo, mi metto nei suoi panni così da immedesimarmi e prevedere le sue reazioni

Abilità sociale, riesco a immettermi nella comunità, avendo chiari i
miei obiettivi e quelli delle altre parti coinvolte, immaginando tutte le interazioni possibili.

Ibidem

Chi la insegna, dove si impara?

Se per le competenze tecnico-specialistiche di fatto si è sempre in tempo, a patto di ricevere una formazione di qualità e addestramenti specifici, per la competenza emotiva ancora una volta il grosso lo fa l’educazione in famiglia. Le competenze emotive e sociali non sono di second’ordine, anzi spesso fanno la differenza anche nell’ambito dell’inserimento professionale proprio per il fatto che se l’azienda è in grado di insegnare ad usare un nuovo software in tempi ragionevoli, per rendere un uomo empatico, affidabile, collaborativo non basterebbero dieci corsi di formazione.

Che pure non sono affatto inutili, ma non possono supplire alla posa delle fondamenta che inevitabilmente si fanno a “inizio lavori”.

Famiglia e scuola

Fondamentale è l’educazione. Si parla infatti di “apprendimento emotivo”, con la scuola e i genitori, che fin dai primi anni di vita dovrebbero esercitare un ruolo cardine, indirizzando i bambini, a parole e per imitazione, verso “comportamenti umani essenziali”.

Così, insieme a matematica, storia e geografia, si potrebbero insegnare anche l’autoconsapevolezza, l’autocontrollo, la competenza emotiva, l’empatia, e anche
l’arte di ascoltare, risolvere i conflitti e cooperare.

Ibidem

Non il cosa ma il come

L’aspetto distintivo dell’intelligenza emotiva è la sua natura non settoriale ma trasversale ad ogni altra disciplina e diventa, che lo vogliamo o meno, il colore dello sfondo sul quale leggiamo tutti gli altri oggetti del nostro “quadro” esistenziale.

E’ molto più legata al come che al cosa: un ordine dato con gentilezza e mostrando riconoscimento per l’altro è tutta un’altra esperienza rispetto allo stesso ordine ridotto a comando autoritario e umiliante.

In questo senso veniamo formati e anzi partecipiamo alla nostra crescita emotiva da subito, da quando esistiamo, a ben vedere ben prima della nascita. Scopriamo sempre di più la ricchezza e la meraviglia della vita umana prenatale e quanto influiscano gli stimoli che giungono al bambino in formazione sulla sua struttura e persino sulla sua futura salute fisica e psichica.

Ogni gesto, un messaggio

Il cervello si plasma continuamente in base agli stimoli che riceviamo dall’esterno (tanto che atti violenti producono cambiamenti nel sistema limbico, l’area alle emozioni).

Un gesto d’affetto di una mamma, l’invito all’ascolto del compagno di banco per capire il suo stato d’animo, un ordine gentile che chiarisce quale ruolo si ha nello specifico contesto sono esempi che potrebbero aver contribuito, oggi, a formare persone emotivamente predisposte o essenzialmente distaccate da sé e dal prossimo.

Ibidem

Ogni gesto, parola, sguardo che abbiamo ricevuto e che abbiamo imitato ha costruito chi siamo oggi. “Ma come, io non mi ricordo praticamente di quando avevo due, tre anche sette anni!”. Poco importa, anzi, è proprio tipico della dimensione emotiva: non ricordiamo quando e come si è formata ma continua ad agire.

Il nostro inconscio cognitivo

E anche se non possiamo ricordare più questi insegnamenti, è importante sapere che
non sono scomparsi del tutto: l’insieme dei gesti e delle parole trasmessi e accolti con enfasi partecipata risiedono in un luogo che Goleman definisce “inconscio cognitivo”: qui, in questo scrigno inaccessibile alla consapevolezza, le emozioni di ieri lavorano incessantemente per influenzare le scelte di oggi.

Siamo davvero in gran parte quello che non ricordiamo e in ciò risiede la base della nostra intelligenza emotiva.

Ibidem

Radici nascoste, non catene

Se dunque la nostra iniziazione emotiva e la strutturazione delle nostre capacità non logiche si è formata in tempi remoti e resta in qualche modo inaccessibile, che ci resta da fare se non una rassegnata presa d’atto?

Non è proprio così, in realtà. Ogni teoria psicologica che si rispetti riconosce all’essere umano una dimensione fondamentale e irriducibile a ciò che ha vissuto, subito o imparato.

Ed è la sua libera volontà, capace di decisione nel presente, nel qui ed ora, il campo aperto in cui sempre si gioca la nostra esistenza, pur con il dolce peso della ricchezza che affonda le sue radici nel passato.

E anche quando questo peso non è affatto dolce ma è terribile per l’oppressione che ancora esercita su di noi questa libertà non ci è tolta.

Amore e odio, guerra e pace: la strada è quella del perdono

Forse è il caso di ragionarci ancora più a fondo proprio ora e proprio in quanto cristiani: esiste una sola terza via tra la violenza e la capitolazione e si chiama perdono.

Si chiama a volte addirittura capacità di amare e patire in modo vicario, al posto di un altro che non se lo merita (non ci ricorda tanto il nostro Re?).

Perdonare è costruire

Così si può perdonare un genitore assente, o peggio abusante; si può forse pensare che anche il nemico più barbaro e crudele è stato guardato con amore da qualcuno e sforzarsi di amarlo a nostra volta.

Le emozioni fanno parte di noi e ci costituiscono, ma la capacità di guidarle e orientarle al bene è tutta e solo nelle nostre mani;

e quando ci sembrano troppo forti e soverchianti le passioni o troppo deboli le nostre povere mani sappiamo che un Altro, ancora più forte, ci può aiutare.

QUI IL LINK PER ABBONARSI ALLA RIVISTA BENESSERE

Tags:
educazioneintelligenza emotivamenterelazioni
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni