Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 22 Maggio |
Santa Rita da Cascia
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Dopo genocidi e massacri, ha senso dire che l’uomo è a immagine e somiglianza di Dio? 

Ukraine-War-shutterstock_2129012909.jpeg

Shutterstock

Mariupol, città completamente distrutta durante la guerra in Ucraina. Al suo interno sono morte sotto le bombe centinaia di persone.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 06/04/22

Certo che si! Attenti a fraintendere la Genesi: secondo una corretta teologia della creazione la figura umana, nella sua duplice identità maschile e femminile, ha un compito regale

La lettura della Genesi può generare, sopratutto in tempi come questi segnati da guerre e atrocità, delle ambiguità. Il primo libro della Bibbia sostiene che l’uomo sia stato creato a immagine e somiglianza di Dio. Ma se è stato creato a queste condizioni, come si pone Dio di fronte al male assurdo che genera l’uomo su altri uomini? Attenti. Questa domanda – che è più che giusta – rischia di avere risposte sbagliate.  

Ricadute concrete nella vita di ogni uomo

Un buon chiarimento si può avere leggente il nuovo saggio del biblista Santi Grasso:Ma Dio interviene nella storia?” (Città Nuova). Tale domanda, che potrebbe risultare intellettualistica e anche un po’ presuntuosa, quasi una speculazione sulla relazione tra Dio e il mondo. In real­tà ha ricadute esistenziali molto concrete, quando di fronte a certi avvenimenti e a determinate situazioni ci si interroga sul perché siano accaduti.

Le parole utilizzate dalla Genesi 

Nella Genesi (1, 27-28) c’è scritto così: 

E Dio creò l’uomo a sua immagine;

a immagine di Dio lo creò:

maschio e femmina li creò.

Dio li benedisse e Dio disse loro:

«Siate fecondi e moltiplicatevi,

riempite la terra e soggiogatela,

dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo

e su ogni essere vivente che striscia sulla terra» (Gen 1,27-28).

Cosa significa ad “Immagine e somiglianza di Dio”?

Dopo Hitlere Stalin, dopo i genocidi nel mondo e la terribile guerra in Ucraina, si può ancora dire che l’uomo è a immagine e somiglianza di Dio? I due termini sono sinonimi. Il primo (selem, immagine) allude a un’immagine plastica come una scultura, un ritratto, una rappresentazione (1Sam 6,5; 2Re 11,18). 

Il secondo (demôt, somiglianza) deriva da un verbo che significa “essere come, somigliare” e indica l’apparenza, la forma analoga o corrispondente (Ez 1,26; 2Cr 4,3). 

Questa duplice caratteristica dell’umanità non è relativa a qualsiasi aspetto umano. Ma soltanto in rapporto al dono della vita e all’esercizio del dominio sul creato, tutti e due indicati nella benedizione divina. Non è più Dio che concede la vita, ma gli esseri umani, i quali ne sono anche responsabili. 

shutterstock_1154628952.jpg

Un altro possibile fraintendimento 

I verbi “soggiogare” e “dominare” sono soggetti a fraintendimento e possono legittimare grandi scempi nei confronti della natura, sui quali Dio non è certamente d’accordo. L’uomo non può abusare del creato, violentandolo.

In realtà il verbo rdh (tradotto con soggiogare) che significa “calpestare, schiacciare”, indica l’azione del “signoreggiare”, appartenendo al campo semantico dell’esercizio della regalità (1Re 5,4; Sal 110,1). Mentre kbš (dominare), ripreso dal vocabolario bellico, evoca la sottomissione della terra, dei vinti, degli schiavi (Nm 32,29; 2Sam 8,11).

Questi due termini indicano un’azione forte, simile a quella che Dio ha usato per organizzare il cosmo.

Un compito regale 

Secondo la teologia della creazione la figura umana, nella sua duplice identità maschile e femminile, ha un compito regale. È una prospettiva democratica e veramente emancipata se la si confronta con la concezione del privilegio nell’antichità. 

Il ruolo degli essere umani 

Gli esseri umani hanno il ruolo, la funzione di regnare sulla propria vita e sul cosmo mantenendo ed estendendo quell’armonia che Dio ha conferito all’inizio. La benedizione che era già stata impartita agli animali adesso viene rivolta anche agli esseri umani.

Una visione ancestrale di benedizione 

Nella nostra concezione della benedizione si è infiltrata una visione ancestrale, per cui ora essa è percepita come atto che ha il potere di cambiare la realtà. La benedizione invece non è una parola magica, e in questo specifico caso ha la funzione di ricordare il compito o richiamare la vocazione degli umani.

Tags:
diolibro della genesiuomo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni