Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 04 Luglio |
Santa Elisabetta di Portogallo
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

La suora di Kiev che condivide speranza e preghiera via radio

Siostra-Lucyna-Grząśko-werbistka.jpeg

EWTN Ukraine, archiwum prywatne

Beata Zajączkowska - pubblicato il 05/04/22

Suor Lucyna Grząśko ha iniziato a lavorare alla radio quando i cecchini hanno cominciato a prenderla di mira perché recitava il Rosario in piazza Maidan a Kiev

“Sono salita sul palco, ho afferrato il microfono e ho detto: ‘Fermatevi! Prendete i vostri rosari; preghiamo’. Questa preghiera è continuata ininterrotta per sette ore. Non ho paura, e sono pronta ad affrontare tutto quello che può accadere”, afferma una suora, una missionaria polacca che ha trasformato uno studio radiofonico nella sua casa. Dorme sul pavimento e si lava nel lavandino.

In passato esortava alle persone riunite in piazza Maidan a Kiev a recitare il Rosario, e come risultato è stata presa di mira dai cecchini. Ora sta rinfocolando lo spirito degli ascoltatori di Radio Maria Ucraina. “Sentiamo la presenza profonda di Dio. Confidiamo nel fatto che la verità sia dalla nostra parte e che prevarremo”, ha detto ad Aleteia suor Lucyna Grząśko.

Trent’anni in Ucraina

La religiosa della Congregazione delle Suore Missionarie Ancelle dello Spirito Santo lavora in Ucraina da trent’anni. Negli ultimi dieci anni ha fatto la giornalista. Come ammette, “la radio è ora la mia prima linea”. La suora sottolinea che in questa guerra barbara, gli Ucraini hanno bisogno di forte sostegno e di informazioni affidabili.

“Diciamo agli ascoltatori dove servono urgentemente donatori di sangue, dove trovare rifugio o aiuti di base”, spiega la missionaria. “Sono grati per la nostra presenza. Chiamano e condividono le loro storie in diretta. La situazione è davvero complicata, ma siamo fiduciosi e abbiamo una luce interiore”, afferma la suora. Durante la nostra intervista, le bombe cadevano su Kiev, ma la voce della religiosa era piena di forza e speranza.

“Subito dopo lo scoppio della guerra ero molto spaventata. Ero a 400 chilometri da Kiev, e sono tornata immediatamente. Anche se alcuni mi esortavano ad abbandonare l’Ucraina, ho deciso di restare. Avvicinandomi ai checkpoint, vedevo i fucili puntati contro di me”, ha ricordato.

Una religiosa a piazza Maidan

Suor Lucyna è stata testimone delle proteste di piazza Maidan nel 2014. Quello che ha visto lì ha rafforzato la sua fede in Dio e ha promosso il suo ministero. Durante la “Rivoluzione della dignità”, come sono stati soprannominati gli eventi di Kiev, ha visitato ripetutamente Maidan, come molti sacerdoti, religiosi e religiose di tutta l’Ucraina, che hanno sostenuto i dimostranti con le loro preghiere, tè caldo, panini e aiuti medici di base.

A un certo punto, leggendo delle apparizioni di Fatima, la gente ha capito che quello che stava accadendo era una realizzazione delle profezie, e ha chiesto che la statua della Madonna di Fatima venisse portata a Maidan. È stata trasferita lì dal santuario di Dovbysh un giorno prima che la mobilitazione a Maidan venisse sciolta. La statua è stata prima situata nella tenda dedicata alla preghiera, poi, il 18 febbraio 2014, due giovani l’hanno portata sul palco, dov’è rimasta fino alla fine delle proteste.

  • 1
  • 2
Tags:
radiosuoraucraina
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni