Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 29 Novembre |
San Vincenzo Romano
Aleteia logo
Cultura
separateurCreated with Sketch.

«Mass»: il senso di colpa e il perdono dopo un massacro

MASS

Bleecker Street

José Ángel Barrueco - pubblicato il 05/04/22

Due coppie si incontrano in una chiesa per rimarginare le ferite

Mass, l’esordio alla regia del giovane attore Fran Kranz, è uno splendido film ambientato completamente nelle strutture di una chiesa. Girata con un budget piuttosto basso ma con grandi propositi, esce preceduto dalle ripercussioni dei vari premi e delle nominations che ha ricevuto (anche se è stato ingiustamente dimenticato agli Oscar e ai Golden Globe), tra cui il Premio della Gioventù a San Sebastián. Come afferma il regista, è un film che trasuda spiritualità.

MASS

Con quattro attori principali e tre secondari che appaiono solo all’inizio e alla fine, Mass riferisce l’incontro di due coppie in una chiesa episcopale (“un luogo di grande guarigione”, come dice un personaggio). All’inizio vediamo una donna e un ragazzo che preparano la sala in cui avrà luogo l’incontro, scelta dal reverendo perché permette una maggiore privacy: mettono il tavolo, le sedie, gli aperitivi e le bevande.

Presto appare la prima coppia, formata da Jay (Jason Isaacs) e Gail (Martha Plimpton). In loro si notano la tragedia, il dolore, l’afflizione… si muovono con la tristezza di chi ha perso quasi tutto. Poi entrano Richard (Reed Birney) e Linda (Ann Dowd), più anziani e che sembrano separati o distanti. Sul loro volto si percepiscono colpa, discredito, disagio nel vedersi davanti l’altra coppia.

MASS

A poco a poco conosciamo i dettagli. Il regista dosa le informazioni per creare suspense. Veniamo a sapere che c’è stato un massacro in una scuola (a mio avviso, il titolo gioca su una doppia interpretazione: “Mass” si può tradurre come “Messa”, ma al contempo si può riferire alla “massa” di “omicidio di massa”). Il figlio di Jay e Gail è morto in quella tragedia, quello di Richard e Linda è stato l’assassino, uno studente armato che si è suicidato dopo la strage. Dopo aver affrontato processi, lettere e insulti, entrambe le coppie vogliono voltare pagina, conoscere davvero, rimarginare le ferite. Sorgeranno così i temi intorno ai quali ruota la pellicola: colpa, dolore, perdita, lutto, nostalgia, empatia, perdono…

“Perché voglio sapere di suo figlio? Perché ha ucciso il mio”

Entrambe le coppie cercano di aprirsi attraverso le loro confessioni. La coppia più giovane ha bisogno di sapere il perché e il per come: perché il colpevole lo ha fatto, a che punto del cammino sono fallite le cose, se non hanno visto i segnali, se non hanno saputo rendersi conto del suo crollo mentale… La coppia più anziana accetta il peso della colpa. Non ha saputo vedere la situazione con chiarezza perché percepiva segnali ma non ci si aspetta mai che il proprio figlio si trasformi in un mostro. In questo scambio di dolore, di pietà e accuse, non mancano i ricordi per evocare i morti o gli oggetti e le fotografie che servono per ricordarli (“È bene aggrapparsi a qualcosa”, dice Jay). 

Potremmo stabilire una trait d’union tra quattro film che mi sembrano educativi e affrontano lo stesso aspetto: Un Monde, sul bullismo nell’infanzia, Carnage, sulle conseguenze del bullismo sui genitori, Elephant, sul massacro avvenuto realmente a Columbine, in cui sono morti vari studenti, e Mass, sulle conseguenze della strage sui genitori.

MASS

I protagonisti di Mass attraversano momenti di catarsi, e noi soffriamo con loro. Proviamo empatia nei confronti dei genitori della vittima e di quelli dell’assassino, perché nella vita proliferano le sfumature, i dubbi, il senso di colpa quando una persona crede che avrebbe potuto fare di più e non lo ha fatto, il ripercorrere i possibili errori… Al regista preoccupano quei giovani che, per vari motivi (esclusione sociale, bullismo scolastico, solitudine, depressione…) restano isolati in se stessi fino a scoppiare ma è troppo tardi. La violenza distrugge non solo sia chi la esercita che chi la subisce, ma anche chi resta: genitori, fratelli, amici… “La colpa ci dà gli strumenti per cambiare”, dice Richard.

MASS

Con una sceneggiatura ammirevole, una stanza presieduta da un crocifisso e quattro interpreti di grande bravura, Fran Kranz ci offre un film sobrio, doloroso e dal messaggio profondo, che analizza la nostra necessità di perdonare e di essere perdonati e come possiamo andare avanti quando le perdite rischiano di farci annegare.

Tags:
filmperdonoscuola
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni