Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 07 Dicembre |
Sant'Ambrogio
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Russi e ucraini uniti chiedono la pace. Accade in un monastero ortodosso

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
monastero ortodosso

CC BY-SA 3.0

Il monastero di San Michele a Odessa.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 31/03/22

Nel monastero di San Michele a Odessa, la Madre Serafima svela una insolita convivenza che va nella direzione opposta a quella che fa percepire la guerra

Russi e ucraini si odiano? L’opera di carità che si sta compiendo nell’antico monastero ortodosso di San Michele Arcangelo a Odessa smentisce ciò che fa trasparire la guerra. In quel monastero le suore stanno accogliendo decine di profughi di origini russofona e ucraina che convivono pacificamente all’interno dei locali allestiti per l’accoglienza. E sopratutto pregano insieme per la fine della guerra e il ritorno della pace. 

“Babushka” Serafima

Un giornalista dell’Ansa è andato nel monastero e ha incontrato la Madre badessa Serafima. Per chi la conosce, è semplicemente “babushka” Serafima. Con lei ci sono nel monastero un centinaio di suore e, dall’inizio dal conflitto, da decine e decine di sfollati.

La guerra ha messo non poco in difficoltà la Chiesa ortodossa, soprattutto dopo le prime uscite del patriarca di Mosca Kirill. E ora, il Patriarcato russo e quello di Kiev rischiano di non parlarsi più. «Già dalla fine del 2018 siamo praticamente separati ed è possibile che dopo questa guerra i contatti ufficiali tra la Chiesa ucraina e quella russa siano interrotti. A livello ufficiale è molto probabile che ci sia una ulteriore divisione», spiega Serafima all’Ansa.

SAINT MICHEAL
San Michele Arcangelo, uno dei santi più venerati in Ucraina “unisce” le anime del mondo ortodosso e i cattolici.

La preghiera comune del clero russo e ucraino

Lei, però, i canali personali con il clero ortodosso russo non li ha mai interrotti e non ha intenzione di farlo. «Loro con me si comportano bene, preghiamo assieme ed entrambi non abbiamo nulla a che fare con questo conflitto. Putin non ha certo consultato la Chiesa ortodossa prima di invadere l’Ucraina», racconta.

Rischio bombe sul monastero 

Il monastero di San Michele a Odessa, con i colori blu pastello, le cupole dorate e la sua storia bi-centenaria, è circondato da barricate e guardato a vista dai militari. «Anche noi siamo un bersaglio. La Russia ha distrutto oltre 50 chiese. Spero che tutto finisca presto e che i colpevoli siano resi alla giustizia», scandisce la badessa. 

Dalla stanza dei vestiti alla Pasqua ortodossa

Nei vari edifici del monastero ortodosso di Odessa le attività sono in fermento. In una enorme stanza sono raccolti i vestiti donati per i rifugiati. In un altra cominciano già i primissimi preparativi per la Pasqua ortodossa, che sarà comunque celebrata. Sfollati, malati, indigenti, sono ospitati in un’ala ad hoc del complesso. Poco lontano una parte dei giardini del monastero si è trasformata in un grande rifugio per gatti. «Sono circa duecento e ci prendiamo cura anche di loro», racconta una novizia.

«E tutte collaborano. Cristiani ortodossi, cattolici, ebrei, musulmani, ci stiamo aiutando tutti e nessuno vuole questa guerra», ribadisce la madre badessa.

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Tags:
monasteroortodossiucraina
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni