Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 07 Ottobre |
BVM “Regina delle vittorie”
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Francesco: i genitori si avvicinano a Dio che perdona sempre con gioia

Pope Francis Angelus

Antoine Mekary | ALETEIA

Vatican News - pubblicato il 27/03/22

Dio non sa perdonare senza fare festa e accoglie sempre pienamente. Papa Francesco all’Angelus esorta i fedeli a non cadere nell’errore di una religione fatta di doveri e divieti, e ad imparare dalla tenerezza di Dio che non solo riaccoglie, ma gioisce e fa festa per il figlio tornato a casa

I genitori si avvicinano al sentire di Dio. All’Angelus di fronte a trentamila fedeli Francesco cita Balzac: le parole di padre Goriot, “Quando sono diventato padre, ho capito Dio”: lo fa commentando, rivolto ai fedeli riuniti in Piazza San Pietro, la parabola del Figlio Prodigo dalla liturgia odierna. Il brano evangelico offre al Pontefice l’occasione di porre in evidenza due atteggiamenti da adottare nei confronti di chi si pente dei propri errori: far festa e rallegrarsi. Sono quelli indicati dal Padre al figlio maggiore che si era indignato nel vederlo riabbracciare il fratello minore rientrato a casa dopo aver dilapidato tutti i suoi averi.

Compassione e tenerezza

Dio perdona sempre con compassione e tenerezza. Il problema del figlio maggiore – ricorda il Vescovo di Roma – consiste nel basare il suo rapporto con il Padre nella pura osservanza dei comandi, sul senso del dovere. Vivere una religione distante, fatta di doveri e divieti è un problema che può riguardare ognuno di noi:

E la conseguenza di questa distanza è la rigidità verso il prossimo, che non si vede più come fratello. Nella parabola, infatti, il figlio maggiore non dice al Padre mio fratello, ma tuo figlio. E alla fine proprio lui rischia di rimanere fuori di casa

Far festa

Occorre invece far festa, manifestare vicinanza a chi si è in crisi o è lontano, aiutandolo così a superare paura e scoraggiamento derivanti dal ricordo dei propri errori:

Chi ha sbagliato, spesso si sente rimproverato dal suo stesso cuore; distanza, indifferenza e parole pungenti non aiutano. Perciò, secondo il Padre, bisogna offrirgli una calda accoglienza, che incoraggi ad andare avanti. E noi, facciamo così? Cerchiamo chi è lontano, desideriamo fare festa con lui? Quanto bene può fare un cuore aperto, un ascolto vero, un sorriso trasparente; fare festa, non far sentire a disagio! Dio non sa perdonare senza fare festa.

Rallegrarsi

Allo stesso modo secondo il Padre – aggiunge Francesco  – “bisogna rallegrarsi”:

Chi ha un cuore sintonizzato con Dio, quando vede il pentimento di una persona, per quanto gravi siano stati i suoi errori, se ne rallegra. Non rimane fermo sugli sbagli, non punta il dito sul male, ma gioisce per il bene, perché il bene dell’altro è anche il mio! E noi, sappiamo vedere gli altri così? Sappiamo gioire per gli altri?

I fazzoletti bianchi

Francesco ha fatto quindi cenno ad un’opera pop di qualche anno fa ispirata alla storia del Figlio Prodigo nella quale un amico suggeriva al figlio minore di scrivere una lettera al Padre chiedendogli di esporre un fazzoletto bianco alla finestra come segno di accoglienza alla sua richiesta di far ritorno a casa. Giunto in prossimità della casa paterna il giovane non vide solo un fazzoletto, ma tutto era pieno di fazzoletti bianchi. “Il Padre – ha concluso il Papa – ci riceve così, con pienezza e gioia”.

Al termine della preghiera il Pontefice ha salutato i gruppi presenti in piazza: in particolare il Comitato Promotore della Marcia Perugia-Assisi della Pace e della Fraternità, venuto con una scolaresca per rinnovare l’impegno di educazione alla pace ed i partecipanti alla Maratona di Roma. A questo proposito ha ricordato che quest’anno, per iniziativa di “Athletica Vaticana”, la polisportiva ufficiale della Santa Sede, numerosi atleti sono stati coinvolti in iniziative di solidarietà.

L’originale su Vatican News

Tags:
angeluspapa francescoperdono
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni