Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 22 Maggio |
Santa Rita da Cascia
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Una messa dove è stato ucciso Attanasio: la celebrerà il Papa in Congo 

luca-attanasio.jpg

Facebook

L'ambasciatore Luca Attanasio (23 Maggio 1977 – 22 Febbraio 2021).

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 21/03/22

Il Papa va in Congo per portare una tregua tra i gruppi terroristici. Sotto la loro furia omicida è caduto l’ambasciatore italiano Attanasio insieme alla scorta

Durante il viaggio pastorale in Congo nel luglio 2022, Papa Francesco celebrerà una Messa poco distante dal luogo dove, il 22 febbraio 2021, è stato ucciso l’Ambasciatore italiano a Kinshasa, Luca Attanasio. 

La messa nel villaggio di Chegera

Lo hanno annunciato fonti del governo della Repubblica Democratica del Congo, secondo le quali Papa Francesco celebrerà la Messa nel villaggio di Chegera, a circa 15 km a nord di Goma, sulla strada Goma-Rushuru (Nord-Kivu). Si tratta proprio dell’asse stradale dove è stata tesa l’imboscata nella quale sono caduti l’ambasciatore Attanasio, insieme al carabiniere della sua scorta, Vittorio Iacovacci, e all’autista Mustapha Milambo.

SUOR AGNESE MORETTO
La difficile evangelizzazione dei missionari in Congo, tra povertà e terrorismo.

Il santuario al beato Bakanja

La visita di Papa Francesco dal 2 al 5 luglio nella Repubblica Democratica del Congo è stata anche l’occasione per l’avvio dei lavori del Santuario dedicato al Beato Isidore Bakanja a Bokote, nella provincia dell’Equatore, a più di 1000 km da Kinshasa (Fides, 21 marzo).

Un viaggio per portare la tregua in Congo

Di un possibile viaggio in Congo aveva parlato lo stesso Papa Francesco in alcune interviste rilasciate lo scorso anno. Una volontà dettata soprattutto dal desiderio di portare, come già accaduto in Sud Sudan, una tregua di pace in una terra segnata dal lungo e sanguinoso conflitto etnico nelle province orientali del Kivu, attacchi terroristici. 

CONGO
Il clima in Congo è molto teso a causa di una guerra civile in corso.

I due gravissimi attentati 

L’ultimo avvenuto poco più di un mese fa, il primo febbraio scorso, nel campo sfollati “Plaine Savo” a Ituri, nord-est del Paese, con oltre 50 morti e 36 feriti. Papa Francesco stigmatizzò questo “atto atroce e barbaro”, assicurando la sua vicinanza al presidente Félix Tshisekedi

Con eguale dolore, pochi giorni dopo, il Papa aveva denunciato la “violenza ingiustificabile e deprecabile” di cui era rimasto vittima padre Richard Masivi Kasereka. Era un religioso dell’Ordine dei Chierici Regolari Minori, ucciso il 2 febbraio dopo la Messa per la Giornata della vita consacrata (Vatican News, 8 marzo).

Tags:
congopapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni