Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 17 Aprile |
Aleteia logo
Arte e Viaggi
separateurCreated with Sketch.

Maria piange in Ucraina

Matka Boża w Niżankowicach zapłakała

fot. materiały wydawnictwa Rafael

Aleteia Polonia - pubblicato il 19/03/22

In una piccola chiesa ucraina vicina alla frontiera con la Polonia, la Madre di Dio esorta alla conversione, al Rosario e al digiuno

“Non sono uscite parole dalle sue labbra, solo lacrime dagli occhi… Forse ha pensato che quello che doveva dire ai suoi figli l’aveva già detto, e ora c’era solo da piangere. Nell’ottobre 1917, decine di migliaia di persone hanno assistito al miracolo del sole a Fatima. Questo miracolo di Niżankowice si è ripetuto almeno tre volte.

Ancora una volta, Maria ha dato un segno della sua presenza, come a dire che Fatima resta attuale, il suo messaggio è importante, la storia può tornare a chiudere il cerchio e abbiamo tutto nelle mani.

Nella sua figura miracolosa, la Madre di Dio resta salda in una piccola chiesa ucraina vicina alla frontiera con la Polonia, esortando alla conversione, al Rosario e al digiuno, e ricorda che solo così potremo salvare il mondo da guerre e distruzione”.

Nostra Signora di Niżankowice

È una statua come tante. Sarebbe difficile dire quante copie ne siano state fatte. Sul retro di quella che si trova nella chiesa di Niżankowice si leggono l’iscrizione «Częstochowa» e il nome «S. Kozikowski», insieme a un numero, probabilmente della serie da cui proviene. La statua è rimasta per molto tempo vicino alla parete laterale della chiesa, su una piattaforma di metallo.

Il 5 gennaio 2005, Nostra Signora di Niżankowice ha pianto per la prima volta. Il primo a notare il fatto è stato un sagrestano di 17 anni, Włodzimierz Moroz. Maria ha pianto per 40 giorni, dal 5 gennaio al 13 febbraio. Le sue lacrime sono sgorgate per tre giorni e tre notti alla morte di suor Lucia, la veggente di Fatima, e anche quando Papa Giovanni Paolo II è partito per la casa del Padre e nell’anniversario della sua morte.

Dopo qualche tempo, la statua ha pianto per 18 mesi il 13 di ogni mese, giorno delle apparizioni di Fatima. Padre Jacek Waligóra, attuale custode del santuario, ha riferito questo numero anche alle apparizioni di Lourdes, dove Maria è apparsa appunto 18 volte. L’ultima volta che Nostra Signora di Niżankowice ha pianto è stata il 9 settembre 2007. “Maria ha pianto a Niżankowice in momenti imporrtanti della vita della Chiesa”, ha commentato una volta p. Ireneusz Skubiś, editore responsabile del settimanale Niedziela.

L’aroma di rose

Come ricordano i testimoni di quei giorni, all’inizio non riuscivano a credere all’autenticità del fenomeno, al fatto che la Madonna stesse piangendo dalla loro statua, ma quando si sono resi conto che stava accadendo davvero hanno preso i rosari e hanno iniziato a pregare.

La notizia del miracolo si è diffusa nella zona, e sempre più pellegrini, provenienti anche dalla Polonia, hanno cominciato ad arrivare a Niżankowice. Non tutti riuscivano a veder piangere Maria.

Nel Libro delle Testimonianze si trova quella di Włodzimierz Moroz del 5 gennaio 2006:

“Anniversario del pianto di Nostra Signora… Alle dieci del mattino è stata celebrata una Santa Messa presieduta da sacerdoti della Polonia. In quel momento, la statua della Madre di Dio non ha pianto. Alle 11.45 h. Nostra Signora ha iniziato a piangere. C’erano anche pellegrini di Chyrów, ma non hanno visto lacrime”.

Non tutti hanno poi sentito il meraviglioso aroma di rose, diffusosi almeno due volte nel tempio. La fragranza non stupisce. Chi conosce un po’ la vita dei santi, sa che i devoti di Padre Pio sentono l’aroma di violette, quelli di Teresa de Lisieux odore di rose, quelli di San Pietro Favre di fiori di montagna, erba dei prati alpini, resina e abete.

Ecco alcune fotografie della statua miracolosa di Niżankowice:

Tags:
statuaucrainavergine maria
Top 10
See More