Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 19 Maggio |
San Crispino da Viterbo
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Tutto quello che dovreste sapere sulla festa di San Giuseppe

FATHERS

Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 18/03/22

Significato e origini della festa del 19 marzo, caratteristiche del buon padre, patronati, preghiere più antiche ed efficaci

Dalle origini alle preghiere, dai patronati al papà: tutto quello che dovreste sapere sulla festa di San Giuseppe del 19 marzo.

Perché si festeggia il 19 marzo

Nella Chiesa occidentale, la festa di San Giuseppe non è stata fissata fino al XV secolo. In base ad alcune tradizioni, il 19 marzo è il giorno della morte di Giuseppe, anche se ci sono poche prove a sostegno di questa data. La Bibbia non dice nulla sulla morte del padre adottivo di Gesù, e la Chiesa si basa quindi su tradizioni orali trasmesse nel corso dei secoli.

Il significato della festa del Papà

Il giorno della festa di San Giuseppe è anche il giorno della festa del papà. Ci sono alcuni qualità di San Giuseppe che lo rendono il padre “modello”, un esempio da seguire per tutti gli altri genitori. Ecco quali sono. 

San Giuseppe è un “uomo giusto”. 

Per gli ebrei, l’espressione “uomo giusto” equivale a santo. San Matteo Evangelista la impiega per descrivere San Giuseppe (Mt 1, 19). È l’uomo che cerca di conoscere la volontà di Dio ed è disposto a metterla in pratica, anche se gli costa dolore e sacrificio. 

SAINT JOSEPH

Difensore e protettore

Per proteggere Gesù da Erode, che voleva ucciderlo credendo che avrebbe usurpato il suo trono, San Giuseppe decide di “esiliarsi” con Maria e il Bambino Gesù in Egitto. Lì lui, ebreo, è disposto a vivere da straniero (cfr. Mt 2,13-18) fino a quando le condizioni non permetteranno di tornare in Israele.

Semplice e umile

Al suo ritorno dall’Egitto, Giuseppe non si fida di tutto ciò che può fare al Bambino Gesù il figlio di Erode, e quindi opta per una vita semplice e riservata in un piccolo villaggio, Nazaret. Per gli ebrei, la Galilea non era terra di prestigio.

Uomo d’azione

San Giuseppe è pratico e risolutivo. Deve prendere decisioni forti come cosa fare nel suo rapporto con la Santissima Vergine quando sa che darà alla luce un figlio (che sarà il Figlio di Dio), organizzarsi per andare a Betlemme per il censimento proprio quando Maria è incinta, montare e smontare il laboratorio da falegname dove va… La sua pietà e la sua visione soprannaturale non sono incompatibili con il fatto di essere un uomo d’azione.

HOLY FAMILY
L’immagine di Giuseppe è legata a quella di un anziano falegname. Prende spunto da qui la presunta apparizione di Santa Fè..

Il 19 marzo è un giorno di precetto 

Nel 1621, Papa Gregorio XV estese la festa di San Giuseppe a tutta la Chiesa. Già nel 1870, Papa Pio IX dichiarò Giuseppe “Patrono della Chiesa universale”. Per molti decenni, il 19 marzo è stato un giorno di precetto nella Chiesa, ovvero si doveva andare a Messa (Aleteia, 19 marzo 2019).

L’astinenza dalla carne 

La festa di San Giuseppe è una “solennità”, l’ordine più alto della festa liturgica, a indicare che i cattolici devono osservarla come la domenica. È un giorno da festeggiare, intendendo che quel giorno qualsiasi tipo di digiuno o astinenza dalla carne viene temporaneamente sollevato.

I vescovi non devono fare alcuna proclamazione speciale quando la festa di San Giuseppe cade di venerdì, visto che è già una regola scritta che la solennità prevalga sul dovere dell’astinenza (Aleteia, 16 marzo 2021).

Perché San Giuseppe è patrono dei lavoratori

Oltre al 19 marzo, l’altra festa dedicata a San Giuseppe è l’1 maggio. Ma le sue origini sono recenti. Il 1° maggio 1955, Papa Pio XII ha proposto San Giuseppe come patrono e modello dei lavoratori, e ha istituito la festa liturgica di San Giuseppe operaio. È stato il contesto politico e sociale a dar luogo a quella decisione: il Papa voleva evangelizzare la festa del lavoro. Molte fraternità e confraternite, soprattutto di falegnami, hanno contribuito alla preparazione di questa dichiarazione. L’onore concesso a San Giuseppe aveva aiutato a scoprire la dignità e il significato del lavoro (Aleteia, 1 maggio 2020).

Patrono della buona morte

San Giuseppe è definito anche patrono della buona morte, perché anche se non si sa niente di come, quando e dove è morto, si conosce l’aspetto fondamentale e più sublime: ha avuto la grazia ineffabile di lasciare questo mondo tra le braccia di Gesù Cristo e della Santissima Vergine Maria.

Quando nasce la devozione per San Giuseppe?

Anche se San Giuseppe nella Scrittura non dice una parola, il suo silenzio, esempio di fedeltà obbediente e cura diligente della Sacra Famiglia durante gli anni formativi di Gesù, lo ha reso uno dei santi più amati della cristianità. La devozione al padre putativo di Gesù viene in genere fatta risalire al III o IV secolo. 

La prima preghiera a lui dedicata

Secondo il libro di preghiere Pieta c’è una preghiera a San Giuseppe che risale all’anno 50, quindi prima che se ne diffondesse la devozione popolare.

O San Giuseppe, la cui protezione è così grande, così forte, così sollecita davanti al trono di Dio, ti affido tutti i miei interessi e i miei desideri.O San Giuseppe, assistimi con la tua potente intercessione, e ottieni per me dal tuo Figlio divino tutte le benedizioni spirituali attraverso Gesù Cristo, nostro Signore, di modo che essendomi affidato al tuo potere celeste possa offrire il mio ringraziamento e il mio omaggio al più amorevole dei padri.O San Giuseppe, non mi stanco mai di contemplare te e Gesù addormentato tra le tue braccia; non oso avvicinarmi mentre Egli riposa accanto al tuo cuore. Stringilo in nome mio e bacia il Suo capo per me, e chiedigli di restituire il bacio quando sarò sul letto di morte. San Giuseppe, patrono delle anime che stanno per morire, prega per me. Amen.

shutterstock_604784384.jpg

Preghiera “Ave, Giuseppe”

San Francesco di Sales ha scritto una preghiera “specchio” dell’Ave Maria, dedicata a San Giuseppe, di cui era molto devoto. 

Ave, Giuseppe, pieno della grazia divina. Il Salvatore ha riposato nelle vostre braccia e cresciuto sotto i vostri occhi. Voi siete benedetto tra tutti gli uomini, e benedetto sia Gesù, il Fanciullo divino della vostra Vergine Sposa.

San Giuseppe dato per padre al Figlio di Dio, pregate per noi nei nostri pensieri di famiglia, di salute e di lavoro, fino ai nostri ultimi giorni, e degnatevi di soccorrerci nell’ora della nostra morte. Amen.

Preghiera a San Giuseppe per proteggere la nostra famiglia

San Giuseppe si invoca con questa potente preghiera, per la protezione della famiglia. 

Iddio, Padre onnipotente, gloria e letizia dei Santi, conceda a tutti noi, riuniti nel nome di San Giuseppe, la sua benedizione paterna.

Signore Gesù Cristo che, vivendo sottomesso a Maria ed a Giuseppe, hai consacrato con sublimi virtù la vita familiare, concedi la grazia di formarci sul loro esempio, per essere partecipi della loro gloria in cielo. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli. Amen.

A te, o beato Giuseppe

Con questa orazione, invece, si chiede un intervento del santo con richiesta di una particolare grazia. 

A te, o beato Giuseppe, stretti dalla tribolazione, ricorriamo, e fiduciosi invochiamo il tuo patrocinio dopo quello della tua santissima sposa. 

Per quel sacro vincolo di carità, che ti strinse all’Immacolata Vergine Maria, Madre di Dio, e per l’amore paterno che portasti al fanciullo Gesù, riguarda, te ne preghiamo, con occhio benigno la cara eredità, che Gesù Cristo acquistò col suo Sangue, e col tuo potere ed aiuto sovvieni ai nostri bisogni.

Proteggi, o provvido custode della divina Famiglia, l’eletta prole di Gesù Cristo: allontana da noi, o Padre amatissimo, gli errori e i vizi, che ammorbano il mondo. Assistici propizio dal cielo in questa lotta col potere delle tenebre, o nostro fortissimo protettore. 

E come un tempo salvasti dalla morte la minacciata vita del pargoletto Gesù, così ora difendi la santa Chiesa di Dio dalle ostili insidie e da ogni avversità. 

Estendi ognora sopra ciascuno di noi il tuo patrocinio, affinché a tuo esempio e mediante il tuo soccorso, possiamo virtuosamente vivere, piamente morire e conseguire l’eterna beatitudine in cielo. Amen (Aleteia, 16 marzo 2021).

Tags:
preghierasan giuseppe
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni