Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 30 Novembre |
Sant'Andrea
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Cosa può insegnarci San Paolo sull’immigrazione?

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
VATICAN SEX ABUSE

Antoine Mekary | ALETEIA | I.Media

i.Media per Aleteia - pubblicato il 18/03/22

L'arcivescovo Charles Scicluna sull'importanza simbolica del viaggio di Papa Francesco a Malta il mese prossimo

Durante l’Incontro dei Vescovi e Sindaci del Mediterraneo del 26 febbraio scorso, l’arcivescovo Charles Scicluna ha analizzato brevemente il viaggio che Papa Francesco compirà a Malta il 2 e il 3 aprile.

In particolare, ha sottolineato l’importanza che il tema dei migranti dovrebbe avere in questo viaggio.

Il 2 e il 3 aprile, Papa Francesco visiterà Malta e Gozo. Come arcivescovo di Malta, come considera questa visita?

Arcivescovo Scicluna: Una visita del Santo Padre alle isole di Malta e Gozo è sempre un grande momento, qualcosa che il nostro popolo apprezza e attende con ansia. Questa visita è speciale perché era già stata annunciata nel 2020 e ha poi dovuto essere rimandata a causa della pandemia.

Sull’isola di Gozo, il Santo Padre parteciperà a una veglia di preghiera [la sera del 2 aprile, n.d.e.], e il giorno dopo celebrerà l’Eucaristia sull’isola di Malta. Durante il suo viaggio, ci saranno due momenti “speciali”: in primo luogo la visita alla grotta di San Paolo sull’isola di Gozo, radice e origine del nostro incontro con Gesù Cristo, e poi un incontro con un gruppo di migranti a Malta prima di tornare a Roma.

Questi due momenti importanti sono collegati?

Arcivescovo Scicluna: Sì, questi due momenti simbolici sono collegati. Gli Atti degli Apostoli parlano del comportamento dei Maltesi, duemila anni fa, nei confronti di 276 persone naufragate sull’isola. Il testo dice che mostrarono un’insolita umanità. Uno dei naufraghi era un prigioniero di nome Paolo. Portò su quest’isola la sua fede in Gesù Cristo, ma anche una benedizione di guarigione.

Oggi siamo tutti invitati a mostrare la stessa generosità a coloro che sono in pericolo di annegare nel Mediterraneo. Dobbiamo anche pensare di più alla solidarietà.

Di quale tipo di solidarietà parla?

Arcivescovo Scicluna: Abbiamo sicuramente la vocazione di mostrare solidarietà a chiunque; è quello che prevede la legge del mare, che ci chiede di salvare chi è in pericolo di annegamento. Abbiamo però anche bisogno della solidarietà dell’Europa per ricollocare la gente che arriva nella nostra isola. Il Regolamento Dublino II dice che la gente deve rimanere nel Paese europeo di arrivo, ma per Malta, un Paese piccolo, è sproporzionato rispetto alle risorse e alla forza.

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Tags:
maltamons. charles sciclunapapa francescoviaggio papale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni