Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 21 Aprile |
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Come si fa ad uscire più forti dopo una tragedia? Lo spiega Don Epicoco 

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
don-epicoco.png

Youtube | sangabrieledol

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 18/03/22

Il sacerdote suggerisce di ispirarci a Noè. Ecco perché

S può uscire più forti da una tragedia vissuta sulla nostra pelle? La risposta è affermativa, e Don Luigi Epicoco ci dice come fare nel suo nuovo libro “In principio erano fratelli” (Tau editrice). «La sofferenza annienta, non è poesia, ma la buona notizia che Cristo ci testimonia è che in tale distruzione è possibile trovare fecondità, che ciò che è stato demolito in realtà sta preparando a qualcosa di nuovo», afferma Don Epicoco. 

“Dio non dice cosa accadrà”

Pensiamo alla storia di Noè, un personaggio biblico che noi riconduciamo all’Arca e al drammatico Diluvio Universale. Il diluvio, i quaranta giorni, la prova, la speranza di qualcosa di nuovo. Noè non sa cosa ne sarà di lui, non ha davanti a sé una spiegazione, Dio non gli dice cosa accadrà, non ci sono chiarimenti. E lo stesso succede a noi nel momento in cui soffriamo, vorremmo sapere che ne sarà di noi, quando terminerà il dolore, a cosa porterà. 

Noè manda un corvo a cercare la testimonianza dell’esistenza di un nuovo inizio, poi libera una colomba e attende finché questa non torna indietro con un ramoscello d’ulivo. Il tempo della prova, allora, toglie tante cose della nostra vita che ritenevamo importanti, ma ci rimanda a una fecondità che prima non pensavamo di avere. Quando si soffre, evidenzia Don Epicoco, l’unica cosa da chiedersi è per cosa valga la pena vivere, soprattutto per chi.

Gesù nel deserto 

Il sacerdote poi cita la “Quaresima” di Gesù. I Vangeli ci dicono che Gesù, alla fine dei quaranta giorni nel deserto, ebbe semplicemente fame: non ci raccontano di un gesto eroico di sopravvivenza, ci dicono che a uscirne fortificato è colui che ha fatto della propria debolezza una risorsa. 

Combattere contro la propria debolezza

Dopo aver sofferto, ragiona Don Epicoco, si perde fiducia nei vani ragionamenti, siamo riportati al nucleo essenziale di noi stessi che la debolezza ci ha restituito. Se si combatte contro questa fragilità allora non la si può scoprire. Gesù fa il contrario, ci insegna che per salvarci dobbiamo incontrarla, accoglierla. Lui ci ha salvati con la Croce, non con l’uso della forza. Vorremmo sempre un Dio forte in battaglia, il Signore degli eserciti, ma Lui salva stando inchiodato sulla Croce. 

La vera conversione

La vera conversione, afferma il sacerdote molto amato dai giovani, sta nell’accettare il nostro nucleo più fragile e debole. Il male insinua che per andare avanti devi evitare la debolezza, la proposta cristiana invece è invita ad abbracciarla con amore, che non è attaccamento alla sofferenza. Nessuno ama la Croce in quanto tale, ma è accogliere il suo potere redentivo. Tutta la potenza di Dio è nascosta nella debolezza della Croce. 

Quando abbracciamo con amore la debolezza, è lì che si rivela la potenza di Dio dentro la nostra vita, e Gesù è disposto a perdere la sua per questo:«Perché chi vuole salvare la propria vita, la perderà. Ma chi perderà la propria vita per causa mia, la troverà» (Mt 16,25).

Jezus na krzyżu

La disgrazia diventa grazia

Passiamo la maggior parte del tempo a cercare di sopravvivere, osserva ancora Don Epicoco, ma finché non si trova un valido motivo per cui morire, non si ha un valido motivo per vivere: è questo che cambia la vita di ciascuno di noi. È così che la disgrazia può diventare una grazia. E quella che è una sconfitta relazionale, educativa, può trasformarsi in un’opportunità. Se amiamo siamo disposti ad accogliere quanto ci sta succedendo e anche una tragedia può diventare una storia di salvezza. 

Ci fidiamo nell’attesa di un nuovo inizio

Se siamo disposti ad accogliere questo, a fare spazio – impreparati come Noè con l’arca – noi che non sappiamo che ne sarà di noi, ma ci fidiamo rimanendo dentro la realtà, sperimenteremo sempre che può esserci un nuovo inizio. 

Ce lo conferma il capitolo ottavo della Genesi:

«Noè uscì con i figli, la moglie e le mogli dei figli. Tutti i viventi e tutto il bestiame e tutti gli uccelli e tutti i rettili che strisciano sulla terra, secondo la loro specie, uscirono dall’arca. Allora Noè edificò un altare al Signore; prese ogni sorta di animali mondi e di uccelli mondi e offrì olocausti sull’altare. Il Signore ne odorò la soave fragranza e pensò: “Non maledirò più il suolo a causa dell’uomo, perché l’istinto del cuore umano è incline al male fin dalla adolescenza; né colpirò più ogni essere vivente come ho fatto. Finché durerà la terra, seme e messe, freddo e caldo, estate e inverno, giorno e notte non cesseranno”» (Gen 8,18-22).

Tirando fuori il nuovo

Per iniziare, quindi, conclude Don Epicoco, non bisogna estirpare una parte ma cercare l’intero, accettare che, da questo momento in poi, Dio stabilisce una nuova storia non distruggendo semplicemente la parte sbagliata ma tirando fuori il nuovo.

CLICCA QUI PER ACQUISTARE IL LIBRO “In principio erano fratelli”.

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani

Tags:
debolezzagrazianoè
Top 10
See More