Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 29 Settembre |
Santi Arcangeli
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

La Madonna di Medjugorje ha evitato la guerra atomica tra USA e Russia?

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
praying-1-of-1-1.jpg

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 17/03/22

Ecco il racconto della veggente Marija, che è entrata in contatto con i capi di Stato Reagan (USA) e Gorbaciov (URSS) tra il 1987 e il 1988

La Madonna di Medjugorje avrebbe contribuito a scongiurare, già una volta, la guerra atomica tra Usa e Russia. La Regina della Pace, attraverso la veggente Maria, avrebbe lasciato dei messaggi da recapitare ai due leader politici più potenti della terra negli anni ’80 Ronald Reagan, presidente degli USA, e Michail Gorbaciov, presidente dell’allora URSS. Marija è riuscita a entrare in contatto con i due leader, proprio nel periodo storico in cui si è firmato l’accordo per l’inizio del disarmo nucleare tra le due superpotenze mondiali. Correva l’anno 1987. Ma questa storia è vera? 

Ronald Reagan
Il presidente Reagan.

Il pellegrinaggio di Kingon 

La veggente Marija l’ha ricostruita in modo dettagliato, con tanto di missive e incontri “diplomatici”. 

Nella seconda settimana di novembre 1987 è stato a Medjugorje, per due settimane, l’ambasciatore del presidente Ronald Reagan dell’Europa centrale Alfred H. Kingon. E’ venuto a pregare per il suo figlio ammalato e per le grazie ricevute. Lui segue con scrupolo tutti i messaggi di Medjugorje, digiuna regolarmente e prega molto. 

L’idea della lettera a Reagan

Durante la sua permanenza a Medjugorje, ha parlato con la veggente Marija. Poco prima di tornare negli USA, in un momento di grazia spirituale, è nata l’idea che potrebbe lui portare al presidente Reagan un messaggio di pace. Sinceramente entusiasta, l’ambasciatore Kingon le ha garantito che inoltrerà questo messaggio al presidente, non appena arriverà alla Casa Bianca. 

“La nostra Santa Madre ha detto…”

La veggente Marija Pavlovic ha scritto il seguente messaggio per il presidente Reagan: 

“Caro Presidente Reagan! La Madre di Dio appare ogni giorno in questo piccolo paese di Medjugorje nella Jugoslavia. Lei ci viene con il messaggio della pace. Noi sappiamo che lei si adopera per la pace nel mondo e noi la ricordiamo ogni giorno nelle nostre preghiere. Desideriamo che lei sappia che può contare sulle nostre preghiere e i nostri sacrifici. In questa maniera desideriamo aiutare il suo grande compito”. 

“La nostra Santa Madre ha detto che con le preghiere e con i digiuni possono essere evìtate anche le guerre. Che la aiuti questo messaggio e che l’apparizione quotidiana della Vergine sia segno anche per lei che Dio ama il suo popolo. Uniti nella preghiera, in cuore di Gesù e Maria, noi vi mostriamo il nostro amare e vi salutiamo con il segno della Regina della Pace”. 

Reagan lo legge prima dell’incontro decisivo

Questo messaggio, firmato dalla veggente Marija Pavlovic, è stato tradotto in inglese dall’amica Kathleen Parisod e inoltrato a Reagan poco prima del suo incontro con il leader sovietico Gorbaciov. Durante il quale è stato firmato l’accordo sulla graduale distruzione dei missili nucleari a raggio intermedio installati da USA e URSS sul territorio europeo.

Il trattato INF (Intermediate-Range Nuclear Forces Treaty) venne siglato a Washington l’8 dicembre 1987 da Ronald Reagan e Michail Gorbaciov, a seguito del vertice di Reykjavík (11 ottobre 1986) tenutosi tra i due Capi di Stato di USA e URSS.

La telefonata dell’8 dicembre 

Proprio l’8 dicembre è stata annunciata una telefonata per la Marija Pavlovic dalla Casa Bianca per le ore 19,00. Cosi è stato. Ha condotto il colloquio l’interprete di Marija, Kathleen Parisod. Dalla Casa Bianca parlava l’ambasciatore Kingon. Aveva detto subito che era previsto che Reagan parlasse con Marija, ma non gli era possibile perché era ancora in corso il colloquio con Gorbaciov. Dopo di che ha detto che, lui in persona, ha inoltrato il messaggio a Reagan e che questi era entusiasta di quelle parole. 

Kingon ha aggiunto inoltre che Reagan, dopo aver letto il messaggio, ha esclamato: “ora mi sto recando con un nuovo spirito all’incontro con Gorbaciov”. 

(Testi ricavati dal libro “Sveta Bastina” -Febbr. 1988- Trad. di Mirjana Vasilj Zucccarini, e riportati sul portale di Medjugorje.altervista.org).

La lettera a Gorbaciov

Il desiderio di Marija era quello di inviare una comunicazione di pace, secondo la volontà della Madonna, anche a Gorbaciov. L’11 dicembre, Kingon in missione a Oslo, ha incontrato Jack Matlock, ambasciatore degli USA a Mosca e ne ha parlato con lui, ricevendo il “via libera” per la lettera. 

Il messaggio di Natale

Più tardi, per Natale, la veggente Marija Pavlovic ha ricevuto la foto di Ronald Reagan e sotto la foto alcune parole scritte da lui: “A Marija Pavlovic con i più calorosi ringraziamenti e il mio augurio di ogni bene. Dio la benedica”. Ronald Reagan.

2 febbraio 1988

Infine, il 2 febbraio 1988, la veggente Marija ha imbucato la lettera per Gorbaciov, che Kingon ha consegnato poi all’ambasciatore Matlock durante la sua visita a Mosca, nella prima settimana di aprile.

Matlock, a sua volta, ha informato il collega che ha inoltrato la lettera ad una delle più alte personalità dell’entourage di Gorbaciov, che aveva promesso di darla in persona al presidente dell’URSS. Si è detto moralmente sicuro che era stata data. Ma di questa non abbiamo altre notizie (Chrétiens Magazine, 15 giugno 1992).

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Tags:
medjugorje
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni