Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 03 Febbraio |
San Biagio
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Gruppo militante offre l’aborto alle Ucraine rifugiate in Polonia

UKRAINE-RUSSIA-CONFLICT-AFP

Photo by Aris Messinis / AFP

Francisco Vêneto - pubblicato il 10/03/22

Gruppo pro-vita denuncia: “Perfidia incredibile: una guerra in cui le persone muoiono è un'opportunità per guadagnare”

Di fronte alla solidarietà che la maggior parte dei Polacchi ha dimostrato ai vicini ucraini durante la guerra mossa dal regime di Vladimir Putin, un gruppo militante polacco, Abortion Dream Team, sta offrendo aborti alle rifugiate ucraine, che arrivano nel Paese in condizioni di fragilità. Le informazioni sono dell’agenziaACI Digital.

Considerando il contesto di trauma che influisce sull’arbitrio delle gestanti, costrette a fuggire dalla guerra, si tratta di un’azione scandalosamente opportunista, e ancor più immorale di quello che sarebbero le pressioni ideologiche a favore dell’aborto già in tempo di pace.

Lo stesso gruppo ha diffuso la sua azione su Facebook:

“Vogliamo che le persone che vengono dall’Ucraina sappiano che, nonostante la legge antiaborto restrittiva polacca, possono contare su di noi (…). Fuggite dalla guerra e avete bisogno di abortire? Parlate con noi. Faremo tutto il possibile per sostenervi”.

I gruppi pro-vita polacchi hanno reagito immediatamente, condannando l’opportunismo dei militanti. La Fondazione Vita e Famiglia Polacca, ad esempio, ha denunciato:

“Perfidia incredibile degli abortisti: offrono il loro ‘sostegno’ assassino alle donne che fuggono dalla guerra. Il gruppo Abortion Dream Team offre ‘aiuto’ alle donne che sono venute dall’Ucraina alla Polonia per uccidere i loro figli. Una guerra, in cui le persone muoiono, è l’opportunità per le ‘iene dell’aborto’ di guadagnare”.

Decine di donne ucraine incinte si sono viste nella situazione drammatica di partorire in rifugi sotterranei, stazioni della metropolitana o nei seminterrati degli ospedali, sotto l’allarme dei bombardamenti.

Le Ucraine rifugiate che arrivano incinte in Polonia trovano una deplorevole minoranza opportunista che esercita pressioni psicologiche su di loro perché abortiscano – ma trovano anche la maggior parte dei cittadini polacchi solidali e disposti ad aiutare mamme e bambini a portare avanti la propria vita in sicurezza.

Tags:
abortoguerrapoloniaucraina
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni