Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 26 Settembre |
Santi Cosma e Damiano
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Il patriarca ortodosso ha detto che è colpa dei gay se c’è la guerra in Ucraina? 

Patriarch Kirill of Moscow and All Russia

Nikolay Androsov | Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 08/03/22 - aggiornato il 28/06/22

Un’omelia di Kirill è al centro di molte polemiche. E’ il suo secondo intervento pubblico da quando è scoppiato il conflitto tra Russia e Ucraina

Sta facendo il giro del mondo il sermone del patriarca ortodosso Kirill in cui parla dell’esplosione della guerra tra Russia e Ucraina, e la collega alla diffusione di modelli di vita libertini, che alimentano il peccato, come le parate gay in Ucraina. 

La guerra civile nel Donbass

Kirill ha pronunciato il sermone al termine della Divina Liturgia nella Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca. Riportiamo il suo ragionamento. «Per otto anni ci sono stati tentativi di distruggere ciò che esiste nel Donbass», ha detto il patriarca ortodosso, «dove c’è un rifiuto fondamentale dei cosiddetti valori che oggi vengono offerti da chi rivendica il potere mondiale».

La tesi di Kirill è che se si è giunti alla guerra tra Russia e Ucraina è a causa di ciò che hanno subito le popolazioni russe delle regioni del Donbass: in quelle terre, in otto anni di guerra civile, ci sono stati, secondo l’Onu, 13mila morti di cui oltre mille tra donne e bambini. Una posizione in linea con quella del premier russo Vladimir Putin, che nel dichiarare guerra all’Ucraina ha riconosciuto l’indipendenza delle due repubbliche russofone (cioè a maggioranza etnica russa) di Lugansk e Donetsk. 

UKRAINE
Un palazzo distrutto dalle bombe a Kharkiv, seconda città dell’Ucraina.

Le parate gay

Kirill però si è spinto oltre. E, alludendo a chi oggi guida l’Ucraina (il governo di Zelensky, nemico numero uno di Putin), ha aggiunto che «oggi esiste un test per la lealtà a questo governo, una specie di passaggio a quel mondo ‘felice’, il mondo del consumo eccessivo, il mondo della ‘libertà’ visibile. Sapete cos’è questo test? E’ molto semplice e allo stesso tempo terribile: è una parata gay». 

“Progettate” per il peccato

Secondo il patriarca, il governo ucraino spinge in una direzione di apertura al mondo omosessuale, che secondo Kirill è segnato da libertinaggio e peccato. Mentre le popolazioni del Donbass si sarebbero opposte a quei “valori”. E ne avrebbero pagato le conseguenze subendo la guerriglia del governo di Kiev.

Kirill si è espresso così: «Se l’umanità riconosce che il peccato non è una violazione della legge di Dio – ha osservato -, se l’umanità concorda sul fatto che il peccato è una delle opzioni per il comportamento umano, allora la civiltà umana finirà lì». E le parate gay «sono progettate per dimostrare che il peccato è una delle variazioni del comportamento umano»

UKRAINE WAR ECUMENISM
Kirill e Putin.

Il patriarca evoca la “legge di Dio”

«Ecco perché per entrare nel club di quei paesi è necessario organizzare una parata del gay pride – ha proseguito il patriarca -. Non per fare una dichiarazione politica ‘siamo con te’, non per firmare accordi, ma per organizzare una parata gay. E sappiamo come le persone resistono a queste richieste e come questa resistenza viene repressa con la forza. Ciò significa che si tratta di imporre con la forza un peccato condannato dalla legge di Dio, e quindi, di imporre con la forza alle persone la negazione di Dio e della sua verità». 

“Più importante della politica”

Secondo Kirill, «ciò che sta accadendo oggi nell’ambito delle relazioni internazionali, quindi, non ha solo un significato politico. Stiamo parlando di qualcosa di diverso e molto più importante della politica. Si tratta della salvezza umana, di dove andrà a finire l’umanità». 

«Tutto ciò che dico non ha solo un significato teorico e non solo un significato spirituale. Intorno a questo argomento oggi c’è una vera guerra», ha rimarcato. «Chi sta attaccando l’Ucraina oggi, dove la repressione e lo sterminio delle persone nel Donbass va avanti da otto anni? Otto anni di sofferenza e il mondo intero tace: cosa significa? – ha detto ancora il patriarca – Ma sappiamo che i nostri fratelli e sorelle stanno davvero soffrendo. Inoltre, possono soffrire per la loro fedeltà alla Chiesa». 

Un significato “metafisico”

«Tutto quanto sopra indica che siamo entrati in una lotta che non ha un significato fisico, ma metafisico – ha quindi insistito a proposito della necessità di combattere -. So come, sfortunatamente, gli ortodossi, i credenti, scegliendo la via di minor resistenza in questa guerra, non riflettano su tutto ciò a cui pensiamo oggi, ma seguono umilmente la strada che mostrano loro i poteri costituiti». 

In Ucraina sono numerosi i soldati della comunità Lgbt in campo nella guerra contro la Russia.

Il confine tra santità e peccato

Kirill, nella sua omelia, ha continuato a giustificare la presunta necessità della guerra tra Russia e Ucraina, in questi termini: «Non condanniamo nessuno, non invitiamo nessuno a salire sulla croce – ha aggiunto -, ci diciamo solo: saremo fedeli alla parola di Dio, saremo fedeli alla sua legge, saremo fedeli alla legge dell’amore e giustizia. E se vediamo violazioni di questa legge, non sopporteremo mai coloro che distruggono questa legge, offuscando il confine tra santità e peccato, e ancor più con coloro che promuovono il peccato come esempio o come uno dei modelli di comportamento umano». 

Appello per la pace

«Oggi i nostri fratelli nel Donbass, gli ortodossi, stanno indubbiamente soffrendo, e noi non possiamo che stare con loro, soprattutto nella preghiera». 

Allo stesso tempo, ribadendo quanto già affermato in un suo intervento di qualche giorno fa, il patriarca ortodosso ha concluso dicendo che «dobbiamo pregare affinché la pace giunga al più presto, che il sangue dei nostri fratelli e sorelle si fermi, che il Signore inclini la sua misericordia verso la terra sofferente del Donbass, che ha portato questo segno triste per otto anni, generato dal peccato e dall’odio umani».

Qui il testo in lingua russa dell’omelia di Kirill, sul sito della Patriarchia.

Tags:
patriarca kirill
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni