Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 15 Agosto |
Santa Maria Assunta
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Perché a Messa non si dice “Amen” alla fine del Padre Nostro?

PRIEST

Pascal Deloche | Godong

José Miguel Carrera - pubblicato il 07/03/22

Se è corretto concludere le preghiere con “Amen”, perché con il Padre Nostro a Messa non accade?

La parola “Amen”, uno dei vocaboli più utilizzati dai cristiani, è difficilmente traducibile nel suo senso più profondo (per questo viene mantenuto in ebraico, la lingua originaria), ed è sempre utilizzato in relazione a Dio.

Pronunciare questa parola vuol dire proclamare che si considera vero ciò che si è appena detto, per ratificare una proposizione e unirsi ad essa o a una preghiera.

Per questo, esprimersi in gruppo nell’ambito del servizio divino o ufficio religioso significa anche essere d’accordo con quanto si è detto.

Nelle preghiere

La parola “Amen” viene utilizzata per concludere le preghiere, ma la preghiera per eccellenza, il Padre Nostro, quando viene recitata all’interno della Messa non è accompagnata dall’“Amen” alla fine. Al di fuori della Messa, invece, “Amen” viene detto normalmente.

Va sottolineato che il Padre Nostro è l’unica preghiera della Chiesa integrata nella liturgia della Messa.

Qual è la spiegazione per l’assenza dell’“Amen” nel Padre Nostro della Messa? È semplice: non si dice “Amen” perché la preghiera non è ancora terminata.

Dopo aver recitato il Padre Nostro fino a “ma liberaci dal male”, anziché dire “Amen”, il sacerdote continua a pregare da solo. La liturgia lo definisce “embolismo”, ovvero la preghiera che il sacerdote recita da solo raccoglie e sviluppa la preghiera precedente.

Acclamazione

Il sacerdote sviluppa l’ultima richiesta del Padre Nostro (“liberaci dal male”) dicendo:

“Liberaci, o Signore, da tutti i mali, concedi la pace ai nostri giorni, e con l’aiuto della tua misericordia vivremo sempre liberi dal peccato e sicuri da ogni turbamento, nell’attesa che si compia la beata speranza che venga il nostro salvatore, Gesù Cristo”.

E il popolo risponde con un’acclamazione molto antica, la cui origine risale ai primi secoli della storia della Chiesa:

“Tuo il regno, tua la potenza e la gloria nei secoli”.

In questo modo, il Padre Nostro è totalmente integrato nella liturgia eucaristica, non come un’aggiunta, ma come una sua parte fondamentale.

Tags:
Messapadre nostro
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni