Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 26 Settembre |
Santi Cosma e Damiano
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Il Papa: l’ossessione del potere rende schiavi. Mai fare compromessi con il male

PAPA FRANCESCO

VINCENZO PINTO/AFP/East News

Vatican News - pubblicato il 06/03/22

Nell’Angelus della prima domenica di Quaresima, Francesco riflette sul Vangelo della tentazione di Gesù nel deserto: il diavolo si presenta a volte sotto apparenti forma di bene o di motivazioni sacre. Il monito: “Il possesso delle cose, il potere, la fama, sono il veleno delle passioni in cui si radica il male”

Brama e fama, avere e potere, possesso e successo. È tutto un “veleno” che rende schiavi, ossessionati, che fa vivere ingannati. Attenzione: “Bisogna vigilare!”, dice il Papa nell’Angelus della prima domenica di Quaresima, riflettendo sul Vangelo che racconta i quaranta giorni di Gesù nel deserto, tentato per tre volte dal diavolo. Lo stesso diavolo che si presenta anche a noi “con gli occhi dolci”, “con il viso angelico” e che, dice il Pontefice, “sa persino travestirsi di motivazioni sacre, apparentemente religiose!”. Dobbiamo “vigilare”, insiste, “non dialogare con le tentazioni” che “spesso si presentano sotto un’apparente forma di bene” e, soprattutto, “non scendere a compromessi con il male”.

Scegliere la libertà

In questa lotta prendiamo esempio da Cristo, incoraggia Francesco, ricordando l’esperienza di Gesù condotto dallo Spirito Santo nel deserto, che è simbolo della “lotta contro le seduzioni del male, per imparare a scegliere la vera libertà”. “È proprio attraverso quella lotta spirituale che Egli afferma decisamente quale genere di Messia intende essere. Non un Messia così, ma così. Io dirò che questo è proprio la dichiarazione Messianica di Gesù, l’identità messianica: io sono Messia in questa strada”, evidenzia il Papa. E osserva “da vicino” le tentazioni contro cui Gesù combatte, le stesse che “accompagnano anche noi nel cammino della vita”.

Il veleno delle passioni 

Per due volte il demonio si rivolge a Gesù dicendo: “Se sei il Figlio di Dio…”. “Gli propone, cioè, di sfruttare la sua posizione: dapprima per soddisfare i bisogni materiali che sente; poi per accrescere il suo potere; infine per avere da Dio un segno prodigioso. Tre tentazioni…”, spiega il Papa. È come se dicesse: “Se sei Figlio di Dio, approfittane!”, cioè “pensa al tuo profitto”.

È una proposta seducente, ma porta alla schiavitù del cuore: rende ossessionati dalla brama di avere, riduce tutto al possesso delle cose, del potere, della fama. È questo il nucleo delle tentazioni: il potere delle cose, della fama… È “il veleno delle passioni” in cui si radica il male.

Rispondere al male con la Parola di Dio

Cristo “si oppone in modo vincente alle attrattive del male”. Lo fa “rispondendo alle tentazioni con la Parola di Dio, che dice di non approfittare, di non usare Dio, gli altri e le cose per sé stessi, di non sfruttare la propria posizione per acquisire privilegi”.

“La felicità e la libertà vera non stanno nel possedere, ma nel condividere; non nell’approfittare degli altri, ma nell’amarli; non nell’ossessione del potere, ma nella gioia del servizio”

Niente dialogo con il diavolo

“Guardiamoci dentro e vedremo che sempre le nostre tentazioni hanno questo schema, questo modo di agire”, afferma ancora il Papa a braccio. “Il diavolo, che è astuto, usa sempre l’inganno”, ammonisce, “ha voluto far credere a Gesù che le sue proposte fossero utili per dimostrare che era davvero Figlio di Dio”.

Ma “Gesù non dialoga col diavolo”, sottolinea Francesco, “Gesù mai ha dialogato col diavolo. O l’ha cacciato via quando guariva gli indemoniati, o, in questo caso che doveva rispondere, ha risposto con la Parola di Dio”:

Mai entrare in dialogo col diavolo, è più astuto di noi. Mai! Essere aggrappati alla Parola di Dio come Gesù e sempre rispondere con la parola di Dio. E in questa strada non sbaglieremo.

E così dobbiamo fare anche con noi. E “se cediamo alle sue lusinghe, finisce che giustifichiamo la nostra falsità, mascherandola di buone intenzioni: ‘Ho fatto affari strani, ma ho aiutato i poveri’; ‘ho approfittato del mio ruolo – di politico, di governante, di sacerdote, di vescovo – ma anche a fin di bene’; ‘ho ceduto ai miei istinti, ma in fondo non ho fatto male a nessuno’, e così via”. “Per favore: con il male, niente compromessi! Con il diavolo niente dialogo”, ammonisce Papa Francesco. 

Niente accomodamenti

“Con la tentazione non si deve dialogare”, rimarca ancora il Pontefice, “non bisogna cadere in quel sonno della coscienza che fa dire: ‘in fondo non è grave, fanno tutti così’!”. Grave, cioè, pensare che non sia grave: “Guardiamo a Gesù – esorta il Papa -, che non cerca accomodamenti, non fa accordi con il male. Al diavolo oppone la Parola di Dio e così vince le tentazioni”.

Allora, è l’invito conclusivo, “questo tempo di Quaresima sia anche per noi tempo di deserto”, in cui prendersi “spazi di silenzio e di preghiera”: “Un pochettino ci farà bene, in questi spazi fermiamoci, guardiamo ciò che si agita nel nostro cuore”.

Facciamo chiarezza interiore, mettendoci davanti alla Parola di Dio nella preghiera, perché abbia luogo in noi una benefica lotta contro il male che ci rende schiavi, una lotta per la libertà.

L’originale su Vatican News

Tags:
angeluspacepapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni