Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 02 Dicembre |
Santa Blanca de Castilla
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Papa Francesco: un Iraq senza cristiani? Non è possibile immaginarlo

000_94G4DG.jpg

VATICAN MEDIA / AFP

Il Papa durante il suo storico viaggio in Iraq.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 01/03/22

“I cristiani, insieme ad altri credenti, contribuiscono fortemente all’identità specifica del Paese”

«Non è possibile immaginare l’Iraq senza i cristiani». Lo ha detto il Papa, ricevendo in udienza i rappresentanti delle Chiese in Iraq nel primo anniversario del viaggio apostolico nel Paese, definito da Francesco «indimenticabile» (Agensir, 28 febbraio). 

Costretti all’esilio

«Questa convinzione non si basa solo su un fondamento religioso, ma su evidenze sociali e culturali», ha spiegato Papa Francesco, sottolineando che «molti cristiani della vostra regione sono stati costretti all’esilio. Le persecuzioni e le guerre, che si sono succedute fino ai nostri giorni, hanno costretto molti di loro a emigrare, portando in Occidente la luce dell’Oriente cristiano». 

KATEDRA W BAGDADZIE, IRAK
L’accoglienza al Papa durante il suo primo viaggio in Iraq.

“Non sarebbe più l’Iraq”

«L’Iraq senza i cristiani non sarebbe più l’Iraq, perché i cristiani, insieme ad altri credenti, contribuiscono fortemente all’identità specifica del Paese», la tesi del Papa. «Un luogo in cui la convivenza, la tolleranza e l’accettazione reciproca sono fioriti fin dai primi secoli. Un luogo che ha la vocazione di mostrare, in Medio Oriente e nel mondo, la pacifica convivialità delle differenze». 

Il senso del dialogo tra le religioni 

Continua Papa Francesco: «Voi cristiani dell’Iraq, che dai tempi apostolici vivete fianco a fianco con altre religioni, avete, oggi specialmente, un’altra imprescindibile vocazione: impegnarvi affinché le religioni siano a servizio della fraternità».

«Voi sapete bene che il dialogo interreligioso non è questione di pura cortesia. No, va oltre. Non è questione di negoziazione o di diplomazia. No, va oltre. È un cammino di fratellanza proteso alla pace».

Foto delle prime comunioni nella Piana di Ninive, Iraq

Il Buon pastore

«Nulla, perciò, deve essere lasciato intentato affinché i cristiani continuino a sentire che l’Iraq è casa loro, e che sono cittadini a pieno titolo, chiamati a dare il loro contributo alla terra dove hanno sempre vissuto», l’appello di Francesco. Che ai vescovi ha chiesto di essere «sempre dediti e solerti ad assistere e confortare il gregge». 

«Siate vicini ai fedeli affidati alle vostre cure – ha concluso il Papa – testimoniando anzitutto con l’esempio e con la condotta di vita evangelica la prossimità e la tenerezza di Gesù Buon Pastore» (Vatican News, 28 febbraio).

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni