Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 29 Novembre |
San Vincenzo Romano
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

La giovane suora youtuber che mostra cosa significa vivere in un convento

SOR MARTA

@marta_osb

Matilde Latorre - pubblicato il 26/02/22

Autentico fenomeno su YouTube con migliaia di followers, la benedettina suor Marta ci accompagna all'interno delle mura del suo convento

Nel Monasterio de Santa Cruz di Sahagún (León, Spagna), vive una suora youtuber di 25 anni che ormai spopola sulle reti sociali.

La storia di suor Marta González è iniziata quando aveva 16 anni. Com’era tradizione nella sua famiglia, una settimana all’anno era dedicata ad andare in vacanza tutti insieme.

La chiamata

Quell’estate hanno visitato il monastero di Leyre. Entrando nella chiesa del monastero, Marta ha provato una grande pace. Si sentiva su una nuvola. Su una panca della chiesa ha trovato un’edizione tascabile della Regola di San Benedetto.

Quello stesso anno, Marta ha compiuto il Cammino di Santiago con il suo gruppo dei Salesiani. Al ritorno, continuava a pensare al carisma benedettino, e ha cercato su Internet “Benedettine in Spagna”.

Lo Spirito Santo ha fatto il resto. Il primo convento che le è apparso è stato il Monasterio de Santa Cruzdi Sahagún.

Mente studiava per il baccalaureato ha compiuto il discernimento in monastero, e a 18 anni è entrata come postulante.

Suscitando vocazioni

La madre badessa, María Anunciación Ros, era molto interessata a farsi conoscere sulle reti sociali. È un modo per vendere i prodotti che le religiose fabbricano per sostenersi e per far conoscere il proprio carisma per promuovere nuove vocazioni.

SAHAGUN

Nel 2019 Marta ha creato il canale YouTubeSor Marta, joven, monja y youtuber, con l’intenzione di far conoscere alle ragazze la vita monastica e portare un po’ di luce nella vita spirituale dei giovani.

Dopo un mese dall’apertura del canale, aveva già mille followers. Ora è possibile seguire suor Marta anche su Instagram sul suo account @marta_osb.

Secondo la giovane religiosa, l’uso delle nuove tecnologie è fondamentale per la comunità cristiana.

Nuova evangelizzazione

Per suor Marta, se la Chiesa non si rende presente oggi nel mondo virtuale e si riduce la sua presenza all’ambito del privato e dei templi, si sta firmando la sua irrilevanza e la conseguente inesistenza del messaggio di Gesù per milioni di persone.

Anche adattare il linguaggio agli utenti di Internet del XXI secolo è una sfida fondamentale, aggiunge.

Ecco un video di suor Marta:

Un monastero che chiede aiuto

Il monastero in cui vive suor Marta è ormai famoso non solo perché ospita la giovane religiosa youtuber, ma anche per la richiesta che è arrivata dalla comunità per ottenere un aiuto per restaurarlo.

Le sette religiose che compongono la comunità monastica stanno infatti assistendo all’affondamento letterale di questo gioiello architettonico, fondato nel 1546. 

Come effetto della pandemia hanno ormai pochissime entrate, e per il momento non ricevono alcun aiuto dalle autorità.

SAHAGUN

Prima dell’estate 2020, le Benedettine si sono accorte che il pavimento del refettorio della foresteria stava affondando. Trovandosi sul Cammino di Santiago, la foresteria obbedisce alla volontà del fondatore dell’Ordine Benedettino, San Benedetto da Norcia (480-547), che nei suoi scritti ha sottolineato il dovere del consacrato di accogliere il pellegrino come se stesso.

La foresteria è proprio una delle fonti di entrate delle suore di Sahagún, e ha acquisito fama sul Cammino di Santiago dopo l’arrivo di quattro fratelli maristi che vedendo l’assenza di assistenza spirituale ai pellegrini hanno assunto la gestione della struttura.

In questo modo, le religiose potevano dedicare più tempo all’assistenza alle suore anziane, bisognose di attenzione particolare, e alla loro vocazione contemplativa. 

Chiusura per la pandemia

Prima dei lavori, ha riferito la badessa ad Aleteia, “la foresteria era piena. Si officiavano Messe in tre lingue – italiano, francese e spagnolo. Stavamo bene con i pellegrini nell’Eucaristia e in quello che chiamavamo ‘Il caffè del pellegrino’. In questa occasione veniva dato loro una busta in cui si chiedeva loro perché stavano compiendo il Cammino”.

Il monastero offriva un grande aiuto spirituale ai pellegrini. Per appena sei euro potevano dormire, fare colazione, lavare i loro vestiti e condividere “Il caffè del pellegrino”.

L’anno prima della pandemia sono passati per la foresteria 6.000 pellegrini, e senza alcun tipo di pubblicità. Il passaparola sull’ospitalità delle religiose e dei fratelli, insieme all’accoglienza spirituale, ha riempito la struttura.

I danni

Dopo l’estate 2020, le religiose del monastero hanno visto il pavimento della foresteria affondare rapidamente. Oltre a questo, le pareti del monastero si riempivano di crepe e le finestre non si chiudevano più.

La foresteria ha dovuto chiudere, privando le religiose di un’importante fonte di entrate. Le religiose, alcune di età avanzata, hanno dovuto chiudersi in quattro celle, e il resto del monastero centenario è rimasto inabitabile.

SAHAGUN

L’assicurazione della casa non assume la responsabilità della situzione, anche se madre María Anunciación l’ha contattata in varie occasioni. La badessa, ricercatrice instancabile di soluzioni, ha chiesto aiuto anche alle autorità, finora invano.

A rischio c’è non solo una comunità di religiose, ma anche un gioiello del patrimonio spagnolo del Secolo d’Oro. Sono iniziati i lavori urgenti, ma bisogna pagarli!

Con grandi sforzi, è stato installato il riscaldamento nella chiesa ed è stata sistemata la volta grazie ad alcune donazioni, ma resta ancora tanto da fare. Questa comunità di Benedettine vive della

pensione di due suore anziane e deve pagare la previdenza sociale per cinque.

La badessa del monastero lancia un grido di aiuto: “In questo momento economicamente negativo per la nostra comunità, come noi aiutiamo spiritualmente tutti coloro che ci chiedono preghiere, chiediamo aiuto a tutti. Quello che possono donare, anche se poco, sarà di grande aiuto”.

SAHAGUN

Aleteia, rete globale cattolica di informazione, in virtù della sua missione contribuisce, in collaborazione con laFundación DeClausura, a far conoscere la vita, la spiritualità e i prodotti dei monasteri contemplativi. 

Tags:
benedettiniYouTube
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni