Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 03 Febbraio |
San Biagio
Aleteia logo
Arte e Viaggi
separateurCreated with Sketch.

I simboli utilizzati dai primi cristiani

LE BON PASTEUR

© Gianni Dagli Orti / Aurimages

Le bon pasteur dans les catacombes de Sousse en Turquie, IIIe siècle ap. J.-C.

Caroline Becker - pubblicato il 23/02/22

Prima che nel 313 l'Editto di Milano rendesse il cristianesimo “religio licita”, i discepoli di Gesù dovevano saper restare discreti. Si sviluppò quindi una meravigliosa simbolica.

Durante i primi secoli dell’epoca cristiana, le comunità dei credenti vivevano in una società prevalentemente politeista ed erano mal visti dalla società, che li trattava con disprezzo. In un contesto ad essi ostile, i cristiani dovevano dunque adottare un profilo basso per evitare le persecuzioni.

Non avevano il diritto di raccogliersi per celebrare in comunità, ma potevano comunque sotterrare dignitosamente i loro morti. Ed è lì, nel cuore delle catacombe, che il cristianesimo si manifestò visivamente per le prime volte.

L’arte cristiana è nata in contesti funerari

Sulle pareti e sulle tombe, i cristiani iscrivono i simboli derivati dalla Bibbia, ma che erano pure correntemente utilizzati dalla società greco-romana. Una maniera ingegnosa di restare discreti, pur manifestando la propria appartenenza a Cristo. Dei bellissimi esempi sono ancora visibili nelle catacombe di Roma.

I simboli animali sono particolarmente gettonati: se il pavone ricorda la dea greca Era (Giunone in latino), per i cristiani esso divenne simbolo di eternità; se la fenice rappresenta l’immortalità per il suo leggendario potere di rinascita, esso divenne facilmente un simbolo di risurrezione tra i cristiani.

Tra gli altri simboli celebri si ritrova il pesce, il cui nome greco – “ichthys” – è l’acrostico della confessione di fede “Gesù Cristo è Figlio di Dio e Salvatore”. Molto utilizzato dai primi cristiani, per qualche tempo ha assolto alla funzione che in seguito avrebbe ricoperto la croce.

Anche alcune figure umane mutuate dal politeismo pagano si sono cristianizzate, come la figura dell’orante o l’immagine del “buon pastore”. Con l’Editto di Milano, del 313, il cristianesimo fu dichiarato “religio licita” e allora l’arte cristiana uscì dal mondo funerario per venire a manifestarsi nelle case e nelle basiliche.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
arte cristianacatacombe
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni