Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 03 Dicembre |
San Francesco Saverio
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

La psicologia moderna concorda con San Giovanni della Croce sulle persone moleste

SAINT JOHN OF THE CROSS

Lawrence OP | Flickr CC BY-NC-ND 2.0

Cecilia Pigg - pubblicato il 16/02/22

Gli studi mostrano che concentrarsi sulla bontà degli altri rende più sani e felici

Ricordo vividamente di essermi lamentata di una compagna di università alle sue spalle: “È così strana, così molesta, così sgradevole…” E poi piano piano l’ho conosciuta, e mi sono resa conto che era una persona generosa, amorevole e davvero buona. E mi sono sentita malissimo per come l’avevo sminuita in precedenza.

Sono state esperienze come questa che mi hanno fatto capire quanto sia liberatorio, e quanto mi faccia sentire meglio, concentrarmi sulle qualità di una persona piuttosto che sui suoi difetti o sulle sue stranezze. Ho fatto una piccola ricerca e ho scoperto che alcuni studi psicologici, come anche la nostra fede, concordano con me.

Gli studi di psicologia moderna sostengono che il pensiero positivo rende una persona più sana e felice.

Uno studio del 2008 considera il ruolo dei pregiudizi negativi nello sviluppo umano. I pregiudizi negativi si riferiscono al fatto che uomini e donne spesso si concentrano naturalmente sulle esperienze e sulle emozioni negative nella loro vita sminuendo quelle positive. Questa tendenza è presente fin dalla tenera età, ma è possibile cambiare questo approccio – ed è importante farlo.

Molti studi si concentrano su categorie ampie come emozioni negative o esperienze spiacevoli in generale, e le conseguenze del pensiero negativo hanno a che fare anche con la salute fisica. Alcuni studi hanno rivelato che gli standard di pensiero negativo sono legati alla demenza e al declino della salute mentale in generale tra gli anziani, come anche a complicazioni per la salute mentale in tutti.

La fede cattolica offre molti esempi di pensiero caritatevole che porta a una vita pacifica. Leggendo la vita dei santi, ho scoperto molti uomini e molte donne che hanno scelto di concentrarsi su quanto c’è di positivo nella gente e sono stati esempi di calma e amore per chi li circondava.

Madre Teresa guardava oltre le problematiche fisiche di chi moriva in strada. Vedeva la dignità e l’umanità di ogni uomo, e lo trattava con amore e rispetto. San Giovanni della Croce, sacerdote carmelitano, aveva molti nemici perché stava cercando di riformare l’Ordine Carmelitano. I suoi nemici, spesso altri sacerdoti, inventavano storie su di lui per cercare di rovinargli la reputazione e fermare così i suoi sforzi riformatori. Giovanni, però, non parlava male di chi malignava su di lui, e non permetteva a nessuno di coloro che lo circondavano di sparlare di quella gente. Ha cercato per tutta la vita di difendere la reputazione di chi lo feriva. La sua pace e la sua gioia sono stati un vero esempio per tutti.

Ci sono vari modi per iniziare a cambiare il modo in cui si pensa alla gente che ci circonda (e diminuire così lo stress nella propria vita).

Un modo è riconoscere la gente di cui ci si lamenta più spesso. È un ex? Un collega? Un parente? Sono molti? Considerate ogni persona e scrivete le buone qualità che possiede. Potreste dover cominciare con cose piuttosto superficiali, ma cercate di andare a fondo e di riconoscere il bene interiore che possiede.

Un altro modo per cambiare il proprio modo di pensare, basato su un articolo sui pregiudizi negativi, è pensare a qualcosa per cui si è grati e rimanere 15 secondi in quello stato di gratitudine ogni volta che si nota che ci si sta spostando verso pensieri negativi. È una pratica che si dovrà mettere in atto varie volte al giorno per invertire la tendenza negativa, e come con qualsiasi abitudine potrebbe volerci un po’ per assumerla, ma non getttate la spugna! Ogni giorno si aggiungeranno piccoli passi.

Santa Teresa e San Giovanni della Croce, pregate per noi!

Tags:
pensare positivo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni