Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 04 Febbraio |
San Giuseppe da Leonessa
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Camilla Parker Bowles è cattolica?

CAMILA PARKER

Shutterstock | James Pearce

Adriana Bello - pubblicato il 08/02/22

Dopo l'approvazione di una nuova legge sulla successione, il futuro re d'Inghilterra, anche se è a capo della Chiesa anglicana, potrebbe sposare una donna cattolica

Con la notizia per cui la regina Elisabetta II d’Inghilterra ha espresso il desiderio che Camilla Parker Bowles venga riconosciuta come regina consorte il giorno in cui il principe Carlo salirà al trono, si è speculato nuovamente sulla sua fede.

Camilla è stata battezzata nella chiesa di Firle, nel Sussex, che è anglicana, ma il suo primo matrimonio, nel 1973, è stato con Henry Parker Bowles, un uomo profondamente cattolico (con cui la principessa Anna, unica figlia di Elisabetta II, aveva avuto una breve storia in precedenza, a cui ha dovuto porre fine proprio a causa della sua religione).

La cerimonia matrimoniale di Parker Bowles e Camilla si è celebrata con il rito cattolico in quella che allora era chiamata Cappella Militare Reale (ora nota come Cappella della Guardia), ma non ci sono prove del fatto che Camilla si sia convertita al cattolicesimo.

Da questo matrimonio, terminato nel 1994, sono nati Tom e Laura Parker-Bowles, entrambi cresciuti nel cattolicesimo, soprattutto per via dell’influenza della nonna materna, Ann Parker Bowles.

Un dato curioso è che le nozze del principe Carlo e di Camilla erano previste per l’8 aprile 2005, ma sono state posposte di un giorno visto che la data coincideva con il funerale di Papa San Giovanni Paolo II, a cui il principe Carlo ha assistito in rappresentanza della corona inglese.

Vestita di bianco

Camilla era vestita in toni chiari quando lei e il principe Carlo hanno incontrato per la prima volta Papa Francesco. Seconto le norme tradizionali, solo le regine cattoliche possono vestirsi di bianco davanti al Sommo Pontefice. Se non professano il cattolicesimo devono vestirsi di nero.

La decisione di Camilla ha avuto a che vedere soprattutto con la posizione del Papa di essere meno rigidi nei codici di abbigliamento. Non era poi vestita di bianco puro, e Carlo non è ancora re.

In precedenza, quando avevano incontrato Papa Benedetto XVI, Camilla era vestita di nero e aveva il velo.

Regina cattolica in futuro?

Tutto indica che Camilla Parker Bowles si sia sposata con un cattolico ma non si sia convertita al cattolicesimo, ma ciò non vuol dire che in futuro non possa esserci una regina consorte (o un principe consorte) cattolica nel Regno Unito.

La legge di successione è cambiata nel 2013 (otto anni dopo le nozze di Carlo e Camilla). Oltre a permettere che salga al trono non il primo figlio maschio del monarca (nel caso della regina Elisabetta II non si era posto il problema perché Giorgio VI ha avuto solo figlie femmine) ma il primo figlio, maschio o femmina che sia, ora si ammette anche che il/la consorte possa essere cattolico/a.

Per ora, invece, il monarca, come capo della Chiesa anglicana, non potrà essere cattolico. Ciò è dovuto soprattutto alla questione dei figli, nel caso di un matrimonio reale con le due religioni. In futuro, potrebbe quindi esserci una regina consorte cattolica o un principe consorte cattolico in Inghilterra… Forse non sarà Camilla o Kate Middleton, ma il principe George (figlio maggiore del principe William e terzo in linea di successione per il trono) potrebbe sposare senza alcun problema una donna cattolica.

Tags:
cattolicesimoinghilterra
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni