Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 02 Luglio |
Beato Antonio Rosmini
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Myanmar: i rosari che salvano la vita

MYANMAR

Cortesía padre Johannes

Angeles Conde Mir - pubblicato il 02/02/22 - aggiornato il 02/02/22

Il Paese asiatico, in cui Papa Francesco si è recato nel 2017, soffre per una profonda crisi economica e politica, aggravatasi dopo il colpo di Stato di un anno fa

Dei 55 milioni di abitanti del Myanmar, solo l’1% è cattolico. Nonostante questo, la presenza della Chiesa allevia il dolore fisico e spirituale di migliaia di abitanti del Paese, cristiani, cattolici o meno.

Il Myanmar non è un Paese ricco, anzi. Prima della pandemia, 1 Birmano su 4 viveva al di sotto della soglia di povertà. Con l’arrivo del coronavirus, questa cifra è raddoppiata, e quindi la metà degli abitanti è povera. Il Paese è prevalentemente rurale, e c’è una grande economia sommersa. Con la pandemia, il lockdown e il distanziamento sociale, molte famiglie hanno visto drasticamente congelate le proprie entrate, perché i genitori avevano impieghi informali come un banchetto di cibo in strada.

Alla crisi economica endemica si aggiunge l’instabilità politica dopo il colpo di Stato che ha posto nuovamente al potere la Giunta Militare.

I Birmani hanno goduto di un decennio di relativa democrazia fino a quando il 1° febbraio 2021 la Giunta Militare, che aveva governato con pugno di ferro il Myanmar per cinque decenni, è tornata a controllare il Paese con la forza.

Da allora, molti organismi internazionali e anche la Chiesa cattolica, a cominciare dal Papa, hanno levato la propria voce per chiedere la fine della violenza e della repressione nei confronti dei cittadini che chiedono il ritorno alla democrazia. La risposta della Giunta Militare, tuttavia, si è estesa a molte altre persone che lottano semplicemente per sopravvivere.

Il cardinale di Yangon, monsignor Charles Bo, in alcune dichiarazioni ai media vaticani in occasione dell’anniversario del potere della Giunta, si è rivolto al popolo del Myanmar a nome dei vescovi: “Sentiamo il vostro dolore, la vostra sofferenza e la vostra fame, e comprendiamo la vostra delusione. Capiamo anche la resistenza che opponete”.

Il porporato ha anche lamentato che la popolazione sia sottoposta a “una prolungata Via Crucis”, e ha ricordato che “tutto il Myanmar è praticamente una zona di guerra”, sottolineando con dolore che dopo “un periodo iniziale di interesse, il Myanmar sembra essere scomparso dal radar mondiale”.

A non perdere mai l’interesse per le tragedie umane sono i vari ordini religiosi che operano nel Paese, come i Salesiani, le Missionarie della Carità, i religiosi di San Francesco Saverio o i Francescani, presenti nel Paese dal 2005. Sacerdoti, religiose e religiosi – locali e stranieri – sono sempre stati accanto al popolo, accompagnandolo nelle poche gioie e nelle tante pene.

  • 1
  • 2
Tags:
myanmarrosari
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni